Sull’orlo di una crisi di nervi


Sull’orlo di una crisi di nervi. Ci siamo! L’orlo del baratro è ormai sotto i nostri piedi. Due colleghi sono finiti all’ospedale, colpiti dalla solita imperterrita, impunita, arrogante, preponderante, “indultata” criminalità che da tempo si è felicemente radicata in questo povero, disgraziato paese. Casualità? Ma quando mai?? Si potrebbe parlare di casualità se i colleghi fossero stati colpiti da un meteorite, non dai soliti tre balordi a bordo di uno scooter!! TRE!!!!! E tutto questo perché in Italia mai come ora regna l’illegalità, anzi prospera l’illegalità.

Prospera di fronte all’immobilismo, all’incapacità, alla totale mancanza di volontà di risolvere il benché minimo problema. Non si tratta di chiedere l’aumento di stipendio, anche se mi spetterebbe e mi è stato bloccato da tre anni, ma si tratta di garantire la LEGALITA’, il rispetto delle regole e del vivere comune, a partire da quelle semplici norme che consentono a ogni cittadino di vivere quanto più serenamente possibile. Due colleghi sono all’ospedale perché sono stati letteralmente buttati sulla strada senza alcun pudore, e cioè sprovvisti di quel minimo di attrezzatura che non pretendo consenta di arrestare il maggior numero di criminali, ma almeno non esponga gli agenti al rischio della vita e della salute!! Per gli operai in cantiere sono obbligatorie le scarpe antinfortunistica, noi invece abbiamo le scarpine di cartone. Quanto agli anfibi… beh, quelli NON li forniscono più!!! IO parlo esclusivamente per me, non parlo a nome di nessuno. Se poi qualcuno si riconosce nelle mie parole, ben venga. Ma a questo punto mi chiedo: CHI ME LO FA FARE??? PERCHÉ correre dietro a tre balordi su uno scooter? E senza giubbetto, senza scarpe, senza una tutela organizzativa, privi di una tutela professionale e soprattutto LEGALE??? MA CHI ME LO FA FARE??? Ormai mi annoio a rileggermi, perché sono anni che da queste pagine denunciamo sempre le stesse lacune e sono anni che assistiamo all’immobilismo più becero, più insolente, più degradante. Le cose così come sono NON FUNZIONANO e non serve un indulto o un’assoluzione plenaria, bensì persone capaci e intelligenti, nonché volenterose e oneste, che abbiano in primo luogo a cuore la LEGALITA’, ma non come concetto sulla carta o di pura facciata. Mi riferisco a persone preparate che mettano mano al Codice di Procedura Penale e al Codice Penale e anche al portafogli, per far sì che questo Stato ritorni a essere uno Stato Civile e Democratico finché siamo in tempo(Paolo Grassi – Poliziotto )