AutoreTopic: Una piccola domanda per quanto riguarda la perquisizione.  (Letto 9704 volte)


Offline Matt9

  • Nuovo
  • *
  • Post: 7
« il: 15 Luglio 2011, 18:37:30 »
Salve a tutti,
giusto ieri mi è capitato con degli amici, di "incontrare" diciamo una pattuglia dei Carabinieri e vedendoci in un posto abbastanza isolato (Ahimè che mi ci ha portato da loro??) si è avvicinata in maniera abbastanza frettolosa.
Premetto che io e la mia ragazza eravamo lontani dalla macchina di un nostro amico e lontani anche dagli altri, eravamo arrivati giusto due minuti prima, per salutarli.
Questi due Carabinieri, scesi dall'auto, senza neanche salutare iniziano a far svuotare le tasche di due amici, che in quel momento si trovavano dentro la macchina.
Mentre uno dei due perquisisce sul corpo, l'altro inizia la perquisizione in macchina.
Indosso non hanno trovato assolutamente nulla, non sono delinquenti questi miei amici, anzi...
In macchina hanno trovato invece un pezzettino di Cannabis, di proprietà di uno di questi due.
Nessuno dei due presenti in macchina ha dichiarato "era mia", di conseguenza è stato incolpato il proprietario della macchina, anche se in effetti, non era sua questo maledettissimo spinello!
Successivamente si sono avvicinati anche a me e il commissario mi ha chiesto di svuotare le tasche e io, senza bisogno di nascondere nulla perché, ovviamente pulito, svuoto tutto con calma e consegno la mia carta di identità, da lui richiesta.
I presenti eravamo 3 maggiorenni e 3 minorenni.
Alla mia ragazza, è stato chiesto di svuotare la borsa e lei rispondendo gentilmente ha detto "sì subito certo!" perché anche lei era pulita, ma in verità dei suoi effetti è stata vista solo la carta di identità, il contenuto della borsa non è stato controllato.
Ecco che rilasciano i verbali di perquisizione, 4 negativi e 1 positivo (quello del proprietario della macchina).
Immagino abbiate notato qualcosa di strano nei numeri, difatti eravamo 6, non 5! La mia ragazza non ha ricevuto nessun verbale di perquisizione...
Sono a conoscenza del fatto che i verbali verranno inviati alla magistratura per una convalida...
Ma ora mi chiedo, parlando sinceramente, io e la mia ragazza non c'entravamo assolutamente niente nella storia, eravamo puliti, non fumiamo nient'altro che sigarette! (e le avevo pure detto che non mi andava di andare in quel postaccio a vedere quei miei amici fumare  [62])
I genitori dei minorenni non sono stati chiamati, ne è arrivato niente a casa.
Ora mi chiedo, visto che io mi trovavo con quella persona il cui esito è risultato positivo, ci possono essere complicazioni? Del tipo lettere a casa che parlano di questo avvenimento?
Aspetto risposta da qualcuno,
Mattia.
Non ci sono eroi in guerra. Un mercenario non vince e non perde, gli unici vincitori in guerra sono le persone.

giacal

  • Visitatore
« Risposta #1 il: 15 Luglio 2011, 19:03:55 »
Dunque, Mattia, la situazione da te prospettata ha descritto un normale controllo ad iniziativa della pattuglia che ha operato.
Dalla tua descrizione dei fatti, l'operato dei Colleghi mi è sembrato sostanzialmente corretto al di là di alcune sbavature di "stile" (tipo il presunto omesso saluto) ascrivibile a mio avviso alla delicatezza del momento e alla disparità numerca delle parti che non permettevano di perdersi in tanti salamelecchi.....
Distinguiamo due momenti:

Citazione
iniziano a far svuotare le tasche di due amici
Questo "sommario controllo" non è codificato nel c.p.p. e, stante il suo carattere di volontarietà, non riveste le caratteristiche tipiche della perquisizione personale che invece è un atto di polizia giudiziaria disciplinato e regolamentato. Il sommario controllo, in quanto atto volontario del soggetto controllato, non necessita di rilascio di alcun verbale.
 
Citazione
Mentre uno dei due perquisisce sul corpo, l'altro inizia la perquisizione in macchina.
Questa è la vera perquisizione personale e veicolare. Disciplinata nel c.p.p. prevede la redazione del relativo verbale e l'attivazione delle successive procedure di convalida. Quanto agli esiti:

Citazione
In macchina hanno trovato invece un pezzettino di Cannabis, di proprietà di uno di questi due.
Al di là di valutazioni "morali" sulle quali sorvolo ( [56] ), l'esito della perquisizione è stato positivo. Ad esso è seguito necessariamente il verbale di sequestro dsella sostanza successivamente repertata con il narcotest. L'ascrizione della responsabilità al proprietario della macchina è perfettamente in linea con i dettami normativi in quanto la sua vettura costituisce luogo di rinvenimento dello stupefacente: di sicuro a carico del soggetto (e solo a carico suo) seguirà una segnalazione al Prefetto come assuntore con tutto ciò che la cosa comporta a livello amministrativo.

Citazione
Immagino abbiate notato qualcosa di strano nei numeri, difatti eravamo 6, non 5! La mia ragazza non ha ricevuto nessun verbale di perquisizione...
La tua ragazza non è stata perquisita (in mancanza di personale femminile che potesse operare) ma solo sommariamente controllata. Quindi nessun verbale.

Citazione
Ora mi chiedo, visto che io mi trovavo con quella persona il cui esito è risultato positivo, ci possono essere complicazioni? Del tipo lettere a casa che parlano di questo avvenimento?
A tuo carico non è stata elevata alcuna contestazione nè penale nè amministrativa. Il tuo nome figurerà solo nella relazione di fine turno dei Carabinieri come soggetto controllato. Nulla di più, dormi sonni tranquilli....

Offline kronos

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 1494
« Risposta #2 il: 15 Luglio 2011, 19:16:58 »
Le valutazioni di Giacal a mio Parere (modestissimo) non fanno una grinza.
Per quanto riguarda il pezzetto di hashish; il nostro amico dice che non era del proprietario della macchina, pertanto desumo che sappia perfettamente chi ne avesse il possesso, e allora il suo racconto lo vedo un tantino deviato quando dice che era lontano dal posto del controllo.

Offline Matt9

  • Nuovo
  • *
  • Post: 7
« Risposta #3 il: 15 Luglio 2011, 19:39:24 »
Intanto ringrazio giacal per la Sua più che esaustiva risposta.
Volevo inoltre chiedere, quali saranno le conseguenze per questo mio amico, il cui esito del verbale è risultato positivo?
E' una brava persona dopotutto, non un malvivente o un disagiato come forse alcuni possono credere.
Ho sempre provato a farli ragionare riguardo a queste robacce, ma loro sono purtroppo convinti di quello che fanno e quindi, che lo facciano pure! Non ho assolutamente il potere di costringerli.

Le valutazioni di Giacal a mio Parere (modestissimo) non fanno una grinza.
Per quanto riguarda il pezzetto di hashish; il nostro amico dice che non era del proprietario della macchina, pertanto desumo che sappia perfettamente chi ne avesse il possesso, e allora il suo racconto lo vedo un tantino deviato quando dice che era lontano dal posto del controllo.

Mi spiego bene allora.
Preciso che non era hashish, ma quello che in linguaggio comune qui chiamiamo "fumo", ovvero lo schifo più schifo che possa esistere.
Tornando al discorso, quel pezzettino di robaccia a quanto hanno raccontato dopo i ragazzi, lo teneva in mano A (non faccio assolutamente nomi, in quanto probabilmente violerei anche la privacy!) seduto sul sedile anteriore della macchina di B. B era seduto al posto di guida della sua macchina.
Io ho solamente saputo questo da loro, anche perché, ripeto, ero arrivato due minuti prima, avevo appena salutato. Per quanto riguarda la lontananza dalla macchina, potevo essere ad un paio di metri o poco più dall'auto, intento a parlare con la mia ragazza, a differenza degli altri che si trovavano uno appoggiato nello sportello di sinistra (guida) e uno appoggiato nello sportello di destra (passeggero).

Questa è la pura verità, potete anche non credermi.
Vi capisco se non lo farete, perché potreste pensare "Se sei così tranquillo come dici che ci facevi con quelle persone?", ma sono sempre amici, non danno problemi alla società.
Per problemi intendo cose molto più gravi del consumo di sostanze stupefacenti.
Non ci sono eroi in guerra. Un mercenario non vince e non perde, gli unici vincitori in guerra sono le persone.

giacal

  • Visitatore
« Risposta #4 il: 15 Luglio 2011, 20:51:30 »
Citazione
quali saranno le conseguenze per questo mio amico, il cui esito del verbale è risultato positivo?

Segnalazione al Prefetto quale detentore di stupefacenti ai sensi dell'art. 75 DPR 309/90 con sottoposizione per un periodo compreso tra un mese e un anno a una o più delle successive sanzione: sospensione della patente, sospensione del porto d'armi o altro titolo equipollente, sospensione del passaporto o equipollente e divieto di espatrio. Ulteriore invito a seguire un programma di disintossicazione secondo i programmi ministeriali presso idonea struttura.

Citazione
Questa è la pura verità, potete anche non credermi.
Vi capisco se non lo farete, perché potreste pensare "Se sei così tranquillo come dici che ci facevi con quelle persone?"

Qui non siamo abituati a dare giudizi su persone che non conosciamo, nè tantomeno a rispondere ai vari quesiti con prevenzione o supponenza. Tu ti sei presentato in modo molto educato, hai formulato una domanda più che legittima su un problema che ti sta a cuore e noi abbiamo cercato di offrirti la risposta più precisa. Nulla di più.  [16]

Offline Matt9

  • Nuovo
  • *
  • Post: 7
« Risposta #5 il: 16 Luglio 2011, 12:42:50 »
Cavolo, avrà quindi seri problemi...
Tutto questo succederà nonostante la ridotta quantità di sostanza? Anche nonostante sia stato definito "uso personale"?
Un piccolo chiarimento... Per "invitato" indende forse dire che non sarà obbligatoria la partecipazione a questo corso di disintossicazione?
Anche perché, a parer mio, non si dovrebbe dare subito un giudizio ad una persona sorpresa a fumare. Non per questo è un vero tossicodipendente!
Lui non ne ha dipendenza, se non vuole fumare non muore, ne sta male.
La ringrazio nuovamente per aver chiarito ogni mio dubbio riguardo questa brutta e complessa situazione.

Volevo ora farle un paio di domande per quanto riguarda il comportamento dei Carabinieri.
Quando hanno controllato l'auto, hanno rimosso alcune cose dai portaoggetti e alcune le hanno lasciate addirittura sul marciapiede.
E' vero che devono rimettere le cose al proprio posto?
Il mio amico, arrabbiandosi per questa cosa, lo ha fatto notare al Commissario, il quale ha risposto con molta arroganza, presunzione e ineducazione.
Quando ha chiesto poi il documento, il mio amico glielo ha, ovviamente, consegnato e il Commissario glielo ha strappato dalle mani dicendo: "cosa inutile!", mostrando disprezzo per questo mio amico.
Lui ha ovviamente sbagliato il tono con il quale ha fatto notare queste cose ai Carabinieri, perché per carattere suo è abbastanza irascibile, ma il Commissario, facendo parte delle forze dell'ordine, non avrebbe dovuto comunque mantenere la calma ed evitare di creare un atmosfera brutta un po' per tutti? Già quella che c'era non era tanto simpatica, dopo questo fattaccio la situazione non è migliorata...
In poche parole, il Commissario poteva comportarsi in questo modo?
Premetto che il suo collega lì presente, non proferiva parola a riguardo, anzi era molto calmo nello svolgere le operazioni di controllo e perquisizione.
Per il fatto del saluto, ripeto sono arrivati e appena scesi dalla macchina, il Commissario ha subito ordinato: "svuotate le tasche".

Sembra sia proprio vero che nelle coppie ci sia quello "calmo e razionale" e quello "duro e cattivo"...
Non ci sono eroi in guerra. Un mercenario non vince e non perde, gli unici vincitori in guerra sono le persone.

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 19059
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #6 il: 16 Luglio 2011, 12:59:04 »
 [03] [03] [03] ma sto Commissario chi è ?...scusami l'ironia ma quello che tu continui a chiamare "Commissario" altro non è che un sottufficiale dei Carabinieri (almeno è quello che immagino..) .
In un controllo di polizia, l'educazione è auspicabile ma non strettamente necessaria, io sono tenuto a fare il mio lavoro e cioè perquisirti e farti il verbale e quanto altro, il "buonasera" ci starebbe bene ma se non c'è pazienza si può vivere lo stesso, magari tu e i tuoi amici avrete salutato ma nella maggioranza dei casi non succede e quindi alla fine si perde anche la buona abitudine, anche se personalmente non sono d'accordo e mi piace essere sempre educato.
Fare un processo ai sentimenti mi pare un pò troppo, anche perchè bisognerebbe sentire anche l'altra campana e quindi meglio evitare, di fatto c'è un controllo e una persona controllata che è "irascibile" quindi il resto è solo una conseguenza, l'atmosfera era brutta solo per chi aveva il fumo in macchina, per i colleghi era solo lavoro.......
Sulla dipendenza del "fumo" potremmo parlare fino a domani senza arrivare a niente, sta di fatto che se un giovane ricorre all'uso della droga è certamente un fatto grave e come tale prima o poi lo porterà su una cattiva strada, non sarà la dipendenza il problema grave ma certamente la scarsità di rispetto verso se stesso e verso la vita che alla fine peserà sulla bilancia, ma questa è una mia opinione!
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

Offline Matt9

  • Nuovo
  • *
  • Post: 7
« Risposta #7 il: 16 Luglio 2011, 13:11:17 »
[03] [03] [03] ma sto Commissario chi è ?...scusami l'ironia ma quello che tu continui a chiamare "Commissario" altro non è che un sottufficiale dei Carabinieri (almeno è quello che immagino..) .
In un controllo di polizia, l'educazione è auspicabile ma non strettamente necessaria, io sono tenuto a fare il mio lavoro e cioè perquisirti e farti il verbale e quanto altro, il "buonasera" ci starebbe bene ma se non c'è pazienza si può vivere lo stesso, magari tu e i tuoi amici avrete salutato ma nella maggioranza dei casi non succede e quindi alla fine si perde anche la buona abitudine, anche se personalmente non sono d'accordo e mi piace essere sempre educato.
Fare un processo ai sentimenti mi pare un pò troppo, anche perchè bisognerebbe sentire anche l'altra campana e quindi meglio evitare, di fatto c'è un controllo e una persona controllata che è "irascibile" quindi il resto è solo una conseguenza, l'atmosfera era brutta solo per chi aveva il fumo in macchina, per i colleghi era solo lavoro.......
Sulla dipendenza del "fumo" potremmo parlare fino a domani senza arrivare a niente, sta di fatto che se un giovane ricorre all'uso della droga è certamente un fatto grave e come tale prima o poi lo porterà su una cattiva strada, non sarà la dipendenza il problema grave ma certamente la scarsità di rispetto verso se stesso e verso la vita che alla fine peserà sulla bilancia, ma questa è una mia opinione!

Io non sono di quel paese, quindi non conosco le persone che lavorano in quell'ufficio.
Tutti gli amici lì presenti lo hanno chiamato Commissario e anche il proprietario del garage lì vicino, dopo aver parcheggiato la propria auto ha salutato: "buonasera Commissario", quindi suppongo sia quello il suo grado.
Ma è comunque plausibile il modo di fare di questo Carabiniere? Ovvero insultare e strappare dalle mani la carta di identità?
Da un lato concordo sulla sua opinione, poco fa espressa.
Dall'altro no.
Le spiego...
Il tossicodipendente a parer mio è colui che non si limita alla semplice cannetta con gli amici, magari. Il tossicodipendente è colui che magari abusa di droge quali cocaina, eroina per non parlare degli acidi.
Voglio precisare che non sto ASSOLUTAMENTE dicendo che il consumo di fumo o erba sia una cosa buona. Non lo è per niente.
Ma penso che gli errori di un ragazzo sopratutto possano essere compatiti e magari lo si potrebbe incitare a smettere, la prima volta.
Se la cosa continua, allora anch'io condannerei queste persone.
Non ci sono eroi in guerra. Un mercenario non vince e non perde, gli unici vincitori in guerra sono le persone.

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 19059
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #8 il: 16 Luglio 2011, 13:20:38 »
..mmh ! allora "commissario" è una qualifica della Polizia di Stato, quindi niente a che vedere con i Carabineri. Facciamo chiarezza, erano in divisa o erano in borghese ? se erano in divisa con la macchina con su scritto "Carabinieri" allora non c'era alcun Commissario.
Insultare chi ? dal tuo racconto non si leggono insulti ! se gli ha preso il documento dalle mani tirandolo via in maniera energica..bè ? sarà maleducato e probabilmente il tuo amico "irascibile" è stato troppo "irascibile", non riesco proprio a vedere il problema.
Sulla droga, fidati di chi ne ha viste molte più di te, la cannetta lasciala stare, nella vita bisogna fare cose intelligenti e che ci permettano di crescere bene e felici, la cannetta per questo scopo non serve, anzi non serve proprio a niente se non a sfuggire dalla realtà per non affrontarla.
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

Offline Jason

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3999
« Risposta #9 il: 16 Luglio 2011, 13:36:42 »
Il tossicodipendente a parer mio è colui che non si limita alla semplice cannetta con gli amici.....


...esatto in questo caso trattasi di semplice rinco**ionito, persona senza midollo, rammollito, che dir si voglia!  [09] [09]
Meglio morire in piedi, che vivere una vita in ginocchio.

giacal

  • Visitatore
« Risposta #10 il: 16 Luglio 2011, 14:04:13 »
Citazione
Tutto questo succederà nonostante la ridotta quantità di sostanza? Anche nonostante sia stato definito "uso personale"?
Se non fosse stato uso personale sarebbe stato spaccio o traffico....molto peggio.... L'art. 75 contiene sanzioni di esclusivo carattere amministrativo, le stesse cui soggiace colui al quale viene ritirata la patente per guida in stato di ebbrezza (art. 186 c.d.s.)

Citazione
Per "invitato" indende forse dire che non sarà obbligatoria la partecipazione a questo corso di disintossicazione?
La legge prevede un colloquio preliminare con un funzionario incaricato dal Prefetto il quale tra le altre cose chiederà al soggetto la sua volontà a intraprendere un percorso di disintossicazione. Solo al termine di questo i documenti ritirati verranno restituiti.

Citazione
Anche perché, a parer mio, non si dovrebbe dare subito un giudizio ad una persona sorpresa a fumare. Non per questo è un vero tossicodipendente!
Lui non ne ha dipendenza, se non vuole fumare non muore, ne sta male.
E quali sono i veri tossicodipendenti? Non è questa la sezione giusta, tuttavia ti consiglio di parlare con un medico e di farti descrivere gli effetti delle sostanze stupefacenti c.d. "leggere" sul corpo umano.... E poi, parliamico chiaro: leggere o pesanti, sempre di droghe si tratta! Con tutto che ciò comporta a livello penale/amministrativo: se sai che una cosa è vietata, non la fai. Punto. La cannetta è illegale: il tuo amico se ne assumerà le responsabilità. Tossicodipendente è un sostantivo che indica semplicemente un soggetto che dipende da qualcosa: può essere alcool, droga, gioco d'azzardo..... Io personalmente sono gnocca-dipendente.....  [51] [51] [51] [51]

Citazione
Volevo ora farle un paio di domande per quanto riguarda il comportamento dei Carabinieri.
Quoto in pieno quanto già espresso da Cleanhead.

Offline Matt9

  • Nuovo
  • *
  • Post: 7
« Risposta #11 il: 16 Luglio 2011, 14:21:43 »
Il tossicodipendente a parer mio è colui che non si limita alla semplice cannetta con gli amici.....


...esatto in questo caso trattasi di semplice rinco**ionito, persona senza midollo, rammollito, che dir si voglia!  [09] [09]

Concordo pienamente  [47]

Citazione
E poi, parliamico chiaro: leggere o pesanti, sempre di droghe si tratta! Con tutto che ciò comporta a livello penale/amministrativo: se sai che una cosa è vietata, non la fai. Punto. La cannetta è illegale: il tuo amico se ne assumerà le responsabilità. Tossicodipendente è un sostantivo che indica semplicemente un soggetto che dipende da qualcosa: può essere alcool, droga, gioco d'azzardo

Concordo anche con lei, giacal.
Però purtroppo ci sarà sempre colui che in qualche modo, vuole evadere dalle "catene" della giustizia.
Catene magari è un po' duro come termine, ma se le abbiamo è per tutelare la società da ogni forma di "aggressione".
Purtroppo però non vengono rispettate da tutti, le leggi che noi abbiamo.
Ad ogni modo, come detto da lei, se so che una cosa è vietata, non la faccio.
Giustissima osservazione!

Ora, visto che stiamo divagando dall'argomento del post, direi proprio di tagliare qui il discorso.
Vi saluto e smetto di stressarvi  [06]
Ringrazio tutti per le vostre preziosissime ed esaustive risposte!
Buon pomeriggio e buona domenica,
Mattia.
Non ci sono eroi in guerra. Un mercenario non vince e non perde, gli unici vincitori in guerra sono le persone.

giacal

  • Visitatore
« Risposta #12 il: 16 Luglio 2011, 15:47:00 »
Citazione
Vi saluto e smetto di stressarvi

Figurati!! Qui sei tra amici e... a proposito.... gli amici si danno del TU!!  [29]

 [70] [70]

Offline moloc

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 241
« Risposta #13 il: 15 Agosto 2011, 08:29:10 »
hashish e fumo sono la stessa cosa.
comunque se la sostanza non era del tuo amico e sà di chi era allora doveva dichiarare di chi fosse, e non doveva sentirsi un "infame", perchè è stato più infame chi ha fatto finta di nulla ed ha inguaiato il tuo amico.
Però a ben vedere, se anche il tuo amico fuma, allora un colloquio obbligato con un assistente sociale non potrà che fargli bene.

Offline moloc

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 241
« Risposta #14 il: 15 Agosto 2011, 08:31:13 »
Citazione
Tossicodipendente è un sostantivo che indica semplicemente un soggetto che dipende da qualcosa: può essere alcool, droga, gioco d'azzardo..... Io personalmente sono gnocca-dipendente.....  [51] [51] [51] [51]




bhe il gioco e la gnocca daranno dipendenza ma non sono tossici, quindi al massimo in quel caso si parla di dipendenza.