AutoreTopic: Posso portare con me l'arco?  (Letto 6587 volte)


HackerAwax

  • Visitatore
« il: 21 Settembre 2007, 00:56:22 »
Salve amici poliziotti, ormai abbiamo fatto conoscenza e ho un adomanda a cui saprete di certo darmi una risposta.
Come hobbye ho il tiro con l'arco.
Uso un compound che non è facilemnte smontabile e quando vado al centro di tiro lo carico in macchina dentro la valigia con le mie frecce e viaggio fino a destinazione.
Ho sempre avuto un dubbio.
Se vengo fermato dalla polizia che mi chiede di mostrare il contenuto del portabagagli e della valigetta, cosa sicuramente rara ma non si sa mai, potrei passare dei guai?
Il fatto che comunque non è necesario il porto d'armi mi autorizza al trasporto dell'arco montato?
Grazie anticipatamente

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 19059
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #1 il: 21 Settembre 2007, 00:59:57 »
......sono le circostanze di tempo e di luogo che rendono penalmente rilevante il porto abusivo di oggetto atto ad offendere......se ti fermo alle tre del pomeriggio in una giornata di sole diretto al campo di tiro ..non ci trovo niente di strano...ma se ti fermo alle una di notte la cosa è leggermente diversa...come per qualsiasi altro oggetto..anche una mazza da baseball puo essere oggetto di denuncia...se ti fermo a mezzanotte in giro con tre amici allegrotti...stai tranquillo che ti denuncio...a meno che non hai la palla la maschera e non sei iscritto a qualche squadra e mi dimostri che stai tornando a casa da una partita....
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

HackerAwax

  • Visitatore
« Risposta #2 il: 21 Settembre 2007, 01:02:29 »
......sono le circostanze di tempo e di luogo che rendono penalmente rilevante il porto abusivo di oggetto atto ad offendere......se ti fermo alle tre del pomeriggio in una giornata di sole diretto al campo di tiro ..non ci trovo niente di strano...ma se ti fermo alle una di notte la cosa è leggermente diversa...come per qualsiasi altro oggetto..anche una mazza da baseball puo essere oggetto di denuncia...se ti fermo a mezzanotte in giro con tre amici allegrotti...stai tranquillo che ti denuncio...a meno che non hai la palla la maschera e non sei iscritto a qualche squadra e mi dimostri che stai tornando a casa da una partita....
Grazie ma è una cosa tua soggettiva oppure è come una disposizione?

solaris_mkr

  • Visitatore
« Risposta #3 il: 21 Settembre 2007, 01:09:24 »
Essendo figlia di  arcieri, domani chiederò con calma.
Sia per il compound che per l'arco naturale.
Dopodichè lasciami aggiungere, è un mondo di pazzi.  [03] [03] [03]

HackerAwax

  • Visitatore
« Risposta #4 il: 21 Settembre 2007, 01:13:37 »
Essendo figlia di  arcieri, domani chiederò con calma.
Sia per il compound che per l'arco naturale.
Dopodichè lasciami aggiungere, è un mondo di pazzi.  [03] [03] [03]
È PER QUESTO CHE LO PRATICO, MI MANCA QUALCHE ROTELLA  [03] [03] [03] [03]
Comunque grazie

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #5 il: 21 Settembre 2007, 01:14:59 »
Quoto Cleanhead e ti indico la norma specifica, ovvero l'articolo 4 della Legge 110/1975

4. Porto di armi od oggetti atti ad offendere.
Salve le autorizzazioni previste dal terzo comma dell'articolo 42 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, non possono essere portati, fuori della propria abitazione o delle appartenenze di essa, armi, mazze ferrate o bastoni ferrati, sfollagente, noccoliere.
Senza giustificato motivo, non possono portarsi, fuori della propria abitazione o delle. -appartenenze di essa, bastoni muniti di puntale acuminato, strumenti da punta o da taglio atti ad offendere, mazze, tubi, catene, fionde, bulloni, sfere metalliche, nonché qualsiasi altro strumento non considerato espressamente come arma da punta o da taglio, chiaramente utilizzabile, per le circostanze di tempo e di luogo, per l'offesa alla persona.
Il contravventore è punito con l'arresto da un mese ad un anno e con l'ammenda da lire centomila a lire quattrocentomila (1). Nei casi di lieve entità, riferibili al porto dei soli oggetti atti ad offendere, può essere irrogata la sola pena dell'ammenda.
È vietato portare armi nelle riunioni pubbliche anche alle persone munite di licenza. Il trasgressore è punito con l'arresto da quattro a diciotto mesi e con l'ammenda da lire duecentomila a lire ottocentomila. La pena è dell'arresto da uno a tre anni e della ammen-da da lire quattrocentomila a lire ottocentomila quando il fatto è commesso da persona non munita di licenza (1).
Chiunque, all'infuori dei casi previsti nel comma precedente, porta in una riunione pubblica uno strumento ricompreso tra quelli indicati nel primo o secondo comma, è punito con l'arresto da due a diciotto mesi e con l'ammenda da lire duecentomila a lire ottocentomila (1).
La pena è raddoppiata nei casi in cui le armi o gli altri oggetti di cui ai precedenti commi sono usati al fine di compiere reati. Tuttavia tale aumento non si applica quando l'uso stesso costituisce un'aggravante specifica per il reato commesso.
[Gli ufficiali ed agenti di polizia giudiziaria devono procedere all'arresto di chiunque sia colto in flagranza di trasgressione alle norme dei prededenti commi quarto e quinto] (2).
Con la condanna deve essere disposta la confisca delle armi e degli altri oggetti atti ad offendere.
Sono abrogati l'articolo 19 e il primo e secondo comma dell'articolo 42 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni.
Non sono considerate armi ai fini delle disposizioni penali di questo articolo le aste di bandiere, dei cartelli e degli striscioni usate nelle pubbliche manifestazioni e nei cortei, né gli altri oggetti simbolici usati nelle stesse circostanze, salvo che non vengano adoperati come oggetti contundenti.
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

HackerAwax

  • Visitatore
« Risposta #6 il: 21 Settembre 2007, 01:21:05 »
Quoto Cleanhead e ti indico la norma specifica, ovvero l'articolo 4 della Legge 110/1975

4. Porto di armi od oggetti atti ad offendere.
Salve le autorizzazioni previste dal terzo comma dell'articolo 42 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, non possono essere portati, fuori della propria abitazione o delle appartenenze di essa, armi, mazze ferrate o bastoni ferrati, sfollagente, noccoliere.
Senza giustificato motivo, non possono portarsi, fuori della propria abitazione o delle. -appartenenze di essa, bastoni muniti di puntale acuminato, strumenti da punta o da taglio atti ad offendere, mazze, tubi, catene, fionde, bulloni, sfere metalliche, nonché qualsiasi altro strumento non considerato espressamente come arma da punta o da taglio, chiaramente utilizzabile, per le circostanze di tempo e di luogo, per l'offesa alla persona.
Il contravventore è punito con l'arresto da un mese ad un anno e con l'ammenda da lire centomila a lire quattrocentomila (1). Nei casi di lieve entità, riferibili al porto dei soli oggetti atti ad offendere, può essere irrogata la sola pena dell'ammenda.
È vietato portare armi nelle riunioni pubbliche anche alle persone munite di licenza. Il trasgressore è punito con l'arresto da quattro a diciotto mesi e con l'ammenda da lire duecentomila a lire ottocentomila. La pena è dell'arresto da uno a tre anni e della ammen-da da lire quattrocentomila a lire ottocentomila quando il fatto è commesso da persona non munita di licenza (1).
Chiunque, all'infuori dei casi previsti nel comma precedente, porta in una riunione pubblica uno strumento ricompreso tra quelli indicati nel primo o secondo comma, è punito con l'arresto da due a diciotto mesi e con l'ammenda da lire duecentomila a lire ottocentomila (1).
La pena è raddoppiata nei casi in cui le armi o gli altri oggetti di cui ai precedenti commi sono usati al fine di compiere reati. Tuttavia tale aumento non si applica quando l'uso stesso costituisce un'aggravante specifica per il reato commesso.
[Gli ufficiali ed agenti di polizia giudiziaria devono procedere all'arresto di chiunque sia colto in flagranza di trasgressione alle norme dei prededenti commi quarto e quinto] (2).
Con la condanna deve essere disposta la confisca delle armi e degli altri oggetti atti ad offendere.
Sono abrogati l'articolo 19 e il primo e secondo comma dell'articolo 42 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni.
Non sono considerate armi ai fini delle disposizioni penali di questo articolo le aste di bandiere, dei cartelli e degli striscioni usate nelle pubbliche manifestazioni e nei cortei, né gli altri oggetti simbolici usati nelle stesse circostanze, salvo che non vengano adoperati come oggetti contundenti.

Vedo che tutto può diventare un arma nella legge non dicono se può essere pericolosa una torta. [13]
A parte gli scherzi in definitiva dovrei satre tranquillo, non è difficile dimostrare cosa faccio e dove vado con l'arco.
Grazie

Offline WebCop

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 11754
  • Meglio Sardo...che male accompagnato :-D
    • www.webcop.it
« Risposta #7 il: 21 Settembre 2007, 01:36:45 »
Tranquillo, mio nipote pratica arti marziali da quando aveva sette anni, una sera una Volante l'ha fermato e aveva in auto quella coppia di bastoni che io nemmeno so come diavolo si chiamano (io pratico solo...gli scacchi  [36]), era di rientro dalla palestra e ha spiegato ai colleghi (un pò bruschi  [03]) che erano uno strumento per la pratica sportiva e così se l'è cavata. Facciamo che se l'avessero fermato nelle immediate vicinanze di un luogo in cui era avvenuta una rissa el corso della quale qualcuno dei partecipanti avesse riportato delle ferite particolari, diciamo che qualche ora in Commissariato per accertamenti forse l'avrebbe trascorsa. Questo é un caso, poi ce ne sono tanti altri. Io non sono un esperto della materia, ma se l'arco dovesse essere classificato meglio inoltrare domanda per il nulla osta al trasporto e ti eviti eventuali rotture e perdite di tempo.  [01]
Chi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, così facendo, un mostro. E se tu scruterai a lungo in un abisso, anche l'abisso scruterà dentro di te. (F.Nietzsche)

HackerAwax

  • Visitatore
« Risposta #8 il: 24 Settembre 2007, 17:16:40 »
Ho parlato con il commissariato locale e mi ha detto che non corro rischi se tengo separati l'arco e le freccie un po' come succede con il fucile da caccia mi hanno spiegato.
Grazie a tutti.

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 19059
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #9 il: 24 Settembre 2007, 19:11:24 »
.... [69] [69] [69]..mi pare una cosa improbabile girare con l'arco con la freccia in canna...come informazioni non è che siano stati di una precisione estrema.....il fucile necessita del porto di fucile ..l'arco no. L'unica circostanza da tenere sempre in mente è quella di togliere l'arco e le frecce quando hai finito di esercotarti..evitan do di lasciarlo sulla macchina ..magari il sabato sera..cosi esci ti fermano e dopo nasconosempre problemi..anche se hai le frecce separate dall'arco.....è ovvio che se ti fermano che giri per la citta con l'arco pronto al tiro c'è pure il caso che ti sparano..ma questo non mi pare il caso tuo.....cmq bisogna sempre tenere presente l'articolo di legge riportato da Dago, ci sono moltissime cose che possono essere considerate armi improprie, molta gente ha l'abitudine di girare (in auto ovviamente !! ) con pezzi di cavo elettrico di grandi dimensioni, oppure con chiavi inglesi molto grandi...sono tutti oggetti contundenti che soggiaciono alla legge e quindi passibili di sanzione penale....... [70]
« Ultima modifica: 24 Settembre 2007, 20:14:43 da Cleanhead »
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

Offline pacotom

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 6317
  • Ce li ho cuciti sulla pelle, gli alamari!
« Risposta #10 il: 24 Settembre 2007, 20:10:29 »
Il fucile è un'arma, in senso stretto, l'arco è un attrezzo sportivo, per cui soggiace alla disciplina postata da Dago: non esiste titolo autorizzatorio, ma il porto è lecito solo in presenza di un giustificato motivo, desunto dalle circostanze di tempo, di luogo e di persona. In parole povere, l'operatore di polizia o si trova davanti ad una situazione in cui il porto è pienamente giustificato, oppure no, e allora deve procedere a sequestro dell'oggetto e denuncia, poi sarà il giudice a valutare la sussistenza della liceità o meno del porto. In parole ancora più povere: evitare assolutamente qualsiasi situazione che possa dare adito a sospetti!
Ho visto cose che voi astemi non potete neanche immaginare! 

Offline harryb

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3221
« Risposta #11 il: 24 Ottobre 2007, 23:13:15 »
Ciao HackerAwax.
Pratico il tiro con l'arco da decenni, e possiedo un compound da 75 libbre, un ricurvo ed altro materiale minore. Vai tranquillo, ricordati il concetto di "circostanze di tempo e luogo" e non rischierai mai nulla. Io vado anche nel bosco (ma solo in occasione di gare) a tirare. Se mi trovassero i colleghi della forestale in un area boschiva dove non si svolge alcuna manifestazione del genere, anche se di giorno, una denuncia non me la toglierebbe nessuno. Ma in occasione di una gara, ricorre "il giustificato motivo". Ricordati però, è meglio essere iscritti ad una associazione sportiva specifica. Per ultimo, come già accennato dagli stimatissimi colleghi, l'arco NON E' un'arma. E' un'attrezzo sportivo. Può diventare arma impropria però. Quindi usalo con coscienza.
Ciao e benvenuto tra noi.