AutoreTopic: La perquisizione, domande e riflessioni.  (Letto 24918 volte)


Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3997
« Risposta #50 il: 14 Gennaio 2013, 20:49:00 »
Guarda lo ammetto, fino ad oggi nemmeno lo sapevo che in caso di perquisizione deve essere rilasciato relativo verbale. Non è che uno pensa: "fammi andare a leggere, in caso mi fermi la Polizia cosa devono o non devono fare". Uno nemmeno se lo pone il problema.
Comunque non ti do torto sulle tue parole.

Va be'dai, mi andrò a studiare il codice, nonostante sia terribilmente noioso  [62] [62] [62] [62]

Offline balilla

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 841
« Risposta #51 il: 14 Gennaio 2013, 21:00:08 »
ma è mai possibile che basta l'ennesimo TROLL per farvi abboccare tutti...o quasi ? Ma dai....

Offline Lince112

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 532
  • In cima ad ogni vetta si è sull'orlo dell'abisso
« Risposta #52 il: 14 Gennaio 2013, 21:17:28 »
Il problema principale è che sam pensa che ci sia stato un abuso di potere.
Ma per come ha descritto la situazione si è trattata di una normalissima operazione di polizia.
L'abuso di cui parla non esiste!!!
Ti hanno smontato l'auto?? e non hanno trovato nulla?? Pazienza......
Ti hanno pestato a sangue?? No! quindi è tutto regolare.
Non ti hanno rilasciato il verbale di perquisizione?? ok, prendine atto, oggi sai che esiste il verbale di perquisizione. Ma anche se te l'avessero dato, non è un atto che serve a te, ma alla pattuglia, perchè deve dare conto di quello che fa! e per dimostrare che quella sera hanno lavorato.
Perchè il nostro lavoro è fatto di queste cose!!
Nesuno nasce pregiudicato, ma si ci diventa! Quindi tutti possiamo essere perquisiti!! Se in Italia ci togliete pure uno dei principali mezzi di repressione dei reati, stiamo freschi!!
In conclusione, mettiti il cuore in pace, e dormi sereno, perchè non sei stato vittima di nessuno abuso. Ma sei stato il protagonista di una operazione di polizia!! :D
tutti zitti!!!!!

Offline accigliato

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3045
« Risposta #53 il: 14 Gennaio 2013, 22:56:36 »
Il problema principale è che sam pensa che ci sia stato un abuso di potere.
Ma per come ha descritto la situazione si è trattata di una normalissima operazione di polizia.
L'abuso di cui parla non esiste!!!
Ti hanno smontato l'auto?? e non hanno trovato nulla?? Pazienza......
Ti hanno pestato a sangue?? No! quindi è tutto regolare.
Non ti hanno rilasciato il verbale di perquisizione?? ok, prendine atto, oggi sai che esiste il verbale di perquisizione. Ma anche se te l'avessero dato, non è un atto che serve a te, ma alla pattuglia, perchè deve dare conto di quello che fa! e per dimostrare che quella sera hanno lavorato.
Perchè il nostro lavoro è fatto di queste cose!!
Nesuno nasce pregiudicato, ma si ci diventa! Quindi tutti possiamo essere perquisiti!! Se in Italia ci togliete pure uno dei principali mezzi di repressione dei reati, stiamo freschi!!
In conclusione, mettiti il cuore in pace, e dormi sereno, perchè non sei stato vittima di nessuno abuso. Ma sei stato il protagonista di una operazione di polizia!! :D

Giusto, dunque posto di controllo di notte,nella foresta umbra,quattro ragazzi non del posto,e magari da controllo presso il CED risulta che uno di questi ha pregiudizi di Polizia,(ma possono essere anche tutti dei santi,) quindi in base l’art. 4 l. 22.05.1975, n. 152, prevede che: “…In casi eccezionali di necessità e di urgenza…possono procedere… all'immediata perquisizione sul posto, al solo fine di accertare l'eventuale possesso di armi, esplosivi e strumenti di effrazione, di persone il cui atteggiamento o la cui presenza, in relazione a specifiche e concrete circostanze di luogo e di tempo non appaiono giustificabili” avvisando la mia C.O. io ti faccio la perquisizione, se è il caso ti smonto la macchina nelle parti dove chiaramente è possibile su strada, ti aiuto a rimontarla per quanto possibile,e ti lascio relativo verbale (se con esito negativo)poi io al rientro nel mio ufficio mi relaziono con l'autorità giudiziaria motivando e spiegando i presupposti per tale azione sull'auto e relativi passeggeri da me fermata,poi se nel rimontaggio dei pezzi dell'auto, qualcosa si è rotto e vuoi sapere i motivi e il perchè ti ho fermato,....non c'è problema mandi una bella lettera al Comando di chi ti ha fermato, tramite il tuo legale motivando il perchè e il per come lo vuoi sapere,  vedrai che sarai accontentato, se hai subito dei danni all'auto durante il controllo , vai da un carrozziere fai relativa fattura e la mandi alla prefettura sempre con la lettera di un legale, poi nei tempi e nei modi di legge verrai risarcito.
E anche vero che se durante un posto di controllo di notte nella foresta umbra fermo un auto con quattro ragazzi non del posto e uno di questi da controllo al CED a pegiudizi di Polizia e noto un qualcosa di strano (nervosismo,cartine sul tappetino,tabacco sparso sui sedili,o il modello di auto uguale a quello segnalatomi come auto sospetta,ecc."non ti faccio tutto l'elenco senno scopri i segreti di un buon sbirro") tramite segnalazione alla mia C.O. e con l'ausilio di un altra auto ti invito a seguirmi in Caserma/stazione CC/ Questura /commissariato, lì ci mettiamo tutti comodi, smontiamo l'auto con calma cercando di non fare danni,Fotosegnalamento di tutti i soggetti presenti all'atto del controllo (che ne sò io se veramente sei chi dici di essere,potresti avere documenti falsi,non leggibili,puoi non averne,ecc.) perquisizione personale, e al termine di tutto ciò se con esito negativo,relativo  rilascio di tutti i personaggi coinvolti con relativo verbale di accompagnamento perquisizione poi sarò io a comunicare alla AG di competenza per quanto fatto ed avvenuto e se vuoi sapere se ho agito nella legalità cè sempre il tuo avvocato,dovè il problema?.
Se invece l'esito è positivo è tutta un'altra storia.
Questa è la procedura, non perchè "stasera sono incazzato e faccio quello che mi pare".
Anzi il  buon cittadino che paga le tasse "ergo il mio stipendio" deve sapere che il pane ce lo guadagniamo anche se ogni tanto anche lui è sottoposto ai controlli di polizia,e POI uno non ce l'ha mica scritto in faccia che è una brava persona.
Infine come da Art. 5 C.P.
- Ignoranza della legge penale -
Nessuno può invocare a propria scusa l'ignoranza della legge penale.
La Corte costituzionale, sentenza 24 marzo 1988, n. 364, ha dichiarato l'illegittimità di questo articolo nella
parte in cui non esclude dall'inescusabilità dell'ignoranza della legge penale l'ignoranza inevitabile.

Ultima cosa caro Sam, sei sicuro che tutti i tuoi amici che ti accompagnavano erano diciamo "puliti" io come operatore posso sapere tramite controllo dei documenti, cose che tu per ovvi motivi non puoi conoscere e io per motivi di praivasi non posso e non sono tenuto a divulgare al momento del controllo.
Queste sono le leggi e queste si applicano,se non ci piacciono o cambiamo paese o ci diamo alla politica per cambiarle [50]


Offline El Blanco

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 553
« Risposta #54 il: 14 Gennaio 2013, 23:03:13 »
..scusate..mi intrometto..cos'è un pB? [69] [34]
"Quanto mi secca avere sempre ragione!"

Offline Ulysse

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3588
  • FYNG
« Risposta #55 il: 15 Gennaio 2013, 09:46:32 »
Guarda lo ammetto, fino ad oggi nemmeno lo sapevo che in caso di perquisizione deve essere rilasciato relativo verbale. Non è che uno pensa: "fammi andare a leggere, in caso mi fermi la Polizia cosa devono o non devono fare". Uno nemmeno se lo pone il problema.
Comunque non ti do torto sulle tue parole.
Va be'dai, mi andrò a studiare il codice, nonostante sia terribilmente noioso  [62] [62] [62] [62]

MA no devi studiare il codice ci mancherebbe - sapessi che p...anche per me - ma basta avere ben chiara la Costituzione e non certo gli articoli che piacciono a Benigni, ma quantomeno un po' quelli che riguardano la nostra vita civica ed i doveri ed i diritti. Troppo spesso sento dai ragazzini in giro quella frase sciocca "questo è uno stato di Polizia", riferendosi a chi magari controlla i loro documenti o effettua perquisizioni. Ebbene questa retorica è figlia dell'ignoranza, perché primo non si conosce lo stato di Polizia vero - nessuno di quelli che parla è mai stato nel Cile di Pinochet o nel Venezuela di Chavez (socialista) o per citare un paese più vicino al nostro nella Bulgaria della civilissima comunità europea - quindi parlano a vanvera, come al solito. Ma molto spesso non conosco la Costituzione e le leggi ad essa collegata che permette agli organi di sicurezza di controllare i documenti dei cittadini, al fine di verificarne l'identità per la loro sicurezza non certo per fare lo stato di Polizia, in quanto molte persone truffano e si sostituiscono ad altri per truffare e delinquere con i dati di altri.
I sensi dei controlli, oltre chiaramente ai dettagli di questo caso che stiamo analizzando, sono finalizzati a questo a verificare se sono di fronte ad un cittadino onesto oppure no. E' chiaro che nessuno di porta scritto in fronte la sua onestà e quindi la procedura di lavoro da parte degli operatori non può essere sindacata, ma non perché essi siano intoccabili come spesso i media vogliono far credere, ma perché ne va della sicurezza degli operatori stessi in virtù del fatto che appunto non sappiamo chi abbiamo di fronte.
Non credi che se i cittadini avessero scritto in fronte che sono bravi ed onesti, i Poliziotti fermerebbero solo i disonesti?
A volte siamo, come cittadini, pretestuosi, per il solo fatto e pregiudizio che il nostro controllore indossa una divisa, ma se non abbiamo nulla da nascondere e non abbiamo fatto nulla di male, non vedo perché non debba farmi perquisire o farmi controllare. E' chiaro che l'atteggiamento che si assume comporta reazioni da parte degli operatori, logicamente ed anche incomprensibilmente per voi, ma se voi foste nei panni dell'operatore che deve realizzare nel giro di qualche istante una procedura d'emergenza dettata magari da una disposizione da parte della S.O per il controllo di una vettura sospetta vista sul luogo di un delitto e che magari mi passa di fronte in quel momento, ebbene Dio solo sa quanto IO ed altri operatori abbiamo il desiderio di vedere sulle fiancate dell'auto scritto a caratteri cubitali...."non siamo noi quelli che cercate....", ma purtroppo questo non può essere, quindi devo comportarmi in maniera tale che salvo la mia vita, prima di tutto e che conduca a buon fine il mio compito, perché sono un professionista. Se questo significa perquisire una vettura e smontarla, lo faccio, se poi il cittadino reclama giustamente, gli faccio anche il verbale. Ma reclamare a cose fatte, credo sia quantomeno sintomatico di come poco si conosce questo stato e le leggi che lo regolano, in questo caso come in molti altri casi apparsi sul forum.
FYNG

Il Poliziotto vero non è quello delle fiction, il sangue è vero, i proiettili sono veri, le auto si rompono veramente e il dolore è devastante. E per giunta il computer non funziona mai!

Offline under

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 398
« Risposta #56 il: 15 Gennaio 2013, 12:34:26 »
In effetti me lo chiedevo anch'io.. Già, che cos'è un "pB" ?  [34] [55]
Every man dies, not every man really lives (William Wallace)

La fragilità del cristallo non è una debolezza ma una raffinatezza

Minnaloushe creeps through the grass
alone, important and wise,
and lifts to the changing moon
his changing eyes.

Offline Sam

  • Nuovo
  • *
  • Post: 49
« Risposta #57 il: 15 Gennaio 2013, 12:44:02 »
Saluti a tutti :
cit: e magari da controllo presso il CED risulta che uno di questi ha pregiudizi di Polizia .

Mi sta bene e mi sta bene anche nel caso si trovano cose strane in macchina , ma se cosi non è sia nel 1 e 2 caso , come tu ACCIGLIATO hai ben chiarito nel all'inizio del post , quel tipo di azione non è giustificata , anche perchè ripeto la perquisizione del mio amico non è statà blandi ma abbastanza pesante ed è stata usato forza senza nessun motivo . (e quello per me un abuso di potere , l'uso di forzxa senza nessun motivo , e anche al perquisizione senza nessun motivo , poi che la pattuglia abbia ricevuto una segnalazione io non lo so , e non so neanche se il mio amico conduzente dell'auto abbia dei trascorsi , almeno per quanto ne so io no . tutto è possibile , ma di fatti a noi non è stato fatto nulla , solo sul conducente c'è stato un particolare accanimento )

Ma quel accanimento era fuori luogo perchè non c'è stata nessuna reazione , tranne he il mio amico mentre accadeva questo faceva domande all'operatore e gli veniva detto di star zitto e usati modi violenti .

Il giuramente dovrebbe esser cosi no? : e di difendere anche a costo della vita l'Italia e gli italiani. ... in tutti i modi di tutelare e proteggere i miei concittadini e non da eventuali ...

Offline Lince112

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 532
  • In cima ad ogni vetta si è sull'orlo dell'abisso
« Risposta #58 il: 15 Gennaio 2013, 13:35:32 »
Saluti a tutti :
cit: e magari da controllo presso il CED risulta che uno di questi ha pregiudizi di Polizia .

Mi sta bene e mi sta bene anche nel caso si trovano cose strane in macchina , ma se cosi non è sia nel 1 e 2 caso , come tu ACCIGLIATO hai ben chiarito nel all'inizio del post , quel tipo di azione non è giustificata , anche perchè ripeto la perquisizione del mio amico non è statà blandi ma abbastanza pesante ed è stata usato forza senza nessun motivo . (e quello per me un abuso di potere , l'uso di forzxa senza nessun motivo , e anche al perquisizione senza nessun motivo , poi che la pattuglia abbia ricevuto una segnalazione io non lo so , e non so neanche se il mio amico conduzente dell'auto abbia dei trascorsi , almeno per quanto ne so io no . tutto è possibile , ma di fatti a noi non è stato fatto nulla , solo sul conducente c'è stato un particolare accanimento )

Ma quel accanimento era fuori luogo perchè non c'è stata nessuna reazione , tranne he il mio amico mentre accadeva questo faceva domande all'operatore e gli veniva detto di star zitto e usati modi violenti .

Il giuramente dovrebbe esser cosi no? : e di difendere anche a costo della vita l'Italia e gli italiani. ... in tutti i modi di tutelare e proteggere i miei concittadini e non da eventuali ...


Allora sei di coccio!!!
Procedure per eseguire una perquisizione:

Durante una perquisizione si posiziona il perquisito o con le mani appoggiate al muro o all'autovettura, lasciando una distanza consona a posizionarlo in modo che spostando un piede questi perda l'equilibrio.
Nel frattempo il secondo operatore deve tenere il perquisito a vista puntando l'm/12 ( il mitra) e tenendo a distanza di sicurezza eventuali accompagnatori del perquisito.

Come hai potuto ben vedere l'operatore ti deve letteralmente puntare in faccia un mitra!!
Questo lo chiameresti abuso di potere??
Se fai resistenza durante la perquisizione o ti muovi più del dovuto, ti sbatto a terra, ti metto l'avambraccio sulla nuca, e finisco la perquisizione. E dopo ti arresto pure per resistenza!!
Questi che ti ho descritto sono i vari casi, che possono succedere durante una perquisizione!!
E questo non è abuso di potere! Ma la procedura normale.....
Se non lo capisci così, io ci rinuncio.
tutti zitti!!!!!

Offline Sam

  • Nuovo
  • *
  • Post: 49
« Risposta #59 il: 15 Gennaio 2013, 13:40:12 »
AHAHAHAH lince mi fai morire , scusami una cosa è di rpocedura puntare un mitra addosso ?? e se parte un colpo visto che il primo è in canna che fate ?? roba da matti !!!

poi se leggi attentamente quello chje ho scritto (scusate la grafia ma scrivo di frettissima) sinceramete cerano i presupposti lince per esser cosi "violtenti" i mio amico ha collaborato . perchè gli devi dire distar zitto e devi usare metodi violenti se non c'è nè motivazione =? la parola è un diritto di tutti e c'è anche scritto sulla costituzione !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1 [71]

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3997
« Risposta #60 il: 15 Gennaio 2013, 13:40:35 »
....ma cosa intendi per "forza"? no, perchè sai è un concetto estremamente soggettivo che varia da persona a persona.

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3997
« Risposta #61 il: 15 Gennaio 2013, 13:41:48 »
....ma cosa intendi per metodi violenti???perchè se no non si riesce a capire [69]

Offline Sam

  • Nuovo
  • *
  • Post: 49
« Risposta #62 il: 15 Gennaio 2013, 13:47:35 »
Allora il carabiniere ha fatto scendere tutti e svuotare le tasche a tutti , tutto ok poi al donducente l'ha preso e girato con forza sulla macchina e tirato 2 calci (non calcetti) sulle gambe per allergarle , il mio amico non ha fatto nessun tipo di resistenza ha solo giustamente chiesto e domandato e di risposta gli è stato detto i star zitto (se no era peggio , cosi voleva far intendere) , non mi sembra molto ortodosso ome metodo visto che ilmmio amico collaborava !

 :angry:

Offline nera65

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 936
« Risposta #63 il: 15 Gennaio 2013, 13:48:47 »
Cosa cerchi in questo forum?
chi ve lo fa fare?

Offline Sam

  • Nuovo
  • *
  • Post: 49
« Risposta #64 il: 15 Gennaio 2013, 13:55:46 »
QUESTO SOTTO SINCERAMENTE NON MI SERVE ALTRO (LA RISPOSTA ALLA MI ADOMANDA è GIA VVENUTA )  :135:

SCRITTO ALL'INIZIO :
atteggiamento non appaiono giustificabili in relazione a specifiche e concrete circostanze di tempo e di luogo (es. di notte e in un luogo sperduto vengono rinvenute delle persone, che non riescono a fornire un’adeguata motivazione della loro presenza in quel luogo).



Persone e cose su cui può essere eseguita:

su persone la cui presenza ed il cui atteggiamento in relazione a specifiche e concrete circostanze di tempo e di luogo non appaiono giustificabili. Sui mezzi di trasporto utilizzati dalle predette persone per giungere sul luogo in cui sono rinvenute.



Luogo in cui può essere eseguita:

sullo stesso posto in cui sono state rinvenute le persone ed i mezzi di trasporto delle stesse.



Modalità e formalità di esecuzione della perquisizione:

per quanto possibile si devono rispettare le modalità e le formalità previste per la perquisizione personale e locale di polizia giudiziaria.



Verbale di perquisizione (art. 14 Cost.):
Di tutte le operazioni compiute deve essere redatto un apposito verbale, che deve contenere:
i) il nominativo del pubblico ufficiale che lo redige;
j) il nominativo delle altre persone presenti sul posto;
k) i presupposti che legittimano la perquisizione;
l) la descrizione delle cose rinvenute; il luogo in cui tali cose sono state rinve-nute;
m) la persona che le ha trovate;
n) la sottoscrizione del verbalizzante, richiesta a pena di nullità ex art. 142 c.p.p.;
o) la sottoscrizione degli altri agenti e/o ufficiali di P.G. che hanno eseguito la perquisizione;
p) la sottoscrizione di chi è stato interessato dalla perquisizione; se questi rifiuta di firmare si procede valla sua identificazione e se ne dà atto nel verbale
Le cose rinvenute all’esito della perquisizione dovranno essere sottoposte a se-questro con lo stesso verbale di perquisizione ovvero con separato verbale.
Il verbale di perquisizione deve essere trasmesso al P.M. del luogo in cui è stata eseguita la perquisizione senza ritardo e comunque entro il termine perentorio di 48 ore.
Il Pubblico Ministero, se ritiene che ricorrano le condizioni previste per la per-quisizione, la convalida con proprio decreto.
Il verbale di perquisizione personale va consegnato anche alla persona perquisita subito dopo la perquisizione.



Perquisizione nei reati relativi al traffico illecito di sostanze stupefacenti e psocotrope
(art. 103 d.p.r. 390/90).

Autorità legittimata ad eseguirla.
Ufficiali di polizia giudiziaria, tuttavia, nei casi di particolare necessità e urgenza, queste possono essere compiute anche dagli Agenti (art. 113 Disp. Att. al c.p.p).



Cose su cui può essere eseguita.
Mezzi di trasporto, bagagli ed effetti personali.


Presupposti per eseguirla.
L’art. 103 D.P.R. 309/90 stabilisce che gli ufficiali di polizia giudiziaria tuttavia, nei casi di particolare necessità e urgenza, queste possono essere compiute anche dagli Agenti (art. 113 Disp. Att. al c.p.p.)possono procedere a perquisizione di mezzi di trasporto, bagagli ed effetti personali, quando ricorrono i seguenti presupposti:
a) deve essere in corso un’operazione di polizia finalizzata alla prevenzione e repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope;
b) deve ricorrere fondato motivo per ritenere che dalla perquisizione possono rinvenirsi tali sostanze stupefacenti e psicotrope;
c) devono ricorrere motivi di particolare necessità ed urgenza che non consen-tono di ottenere preventivamente l’autorizzazione del P.M., neppure per via telefonica.


Modalità e formalità di esecuzione della perquisizione:

per quanto possibile si devono rispettare le modalità e le formalità previste per la perquisizione locale di polizia giudiziaria.



Verbale di perquisizione.
Di tutte le operazioni compiute deve essere redatto un apposito verbale, che de-ve contenere:
a) il nominativo del pubblico ufficiale che lo redige;
b) il nominativo delle altre persone presenti sul posto;
c) i presupposti che legittimano la perquisizione;
d) la descrizione delle cose rinvenute; il luogo in cui tali cose sono state rinvenute;
e) la persona che le ha trovate;
f) la sottoscrizione del verbalizzante, richiesta a pena di nullità ex art. 142 c.p.p.;
g) la sottoscrizione degli altri agenti e/o ufficiali di P.G. che hanno eseguito la perquisizione;
h) la sottoscrizione di chi è stato interessato dalla perquisizione; se questi rifiuta di firmare si procede valla sua identificazione e se ne dà atto nel verbale
Le cose rinvenute all’esito della perquisizione dovranno essere sottoposte a sequestro con lo stesso verbale di perquisizione ovvero con separato verbale.
Il verbale di perquisizione deve essere trasmesso al P.M. del luogo in cui è stata eseguita la perquisizione senza ritardo e comunque entro il termine perentorio di 48 ore.
Il Pubblico Ministero, se ritiene che ricorrano le condizioni previste per la per-quisizione, la convalida con proprio decreto.
Una copia del verbale di perquisizione deve essere consegnato alla persona inte-ressata subito dopo la perquisizione.


Conseguenze penali in caso di perquisizione arbitraria
(art. 609 c.p.)
Quando la perquisizione risulti arbitraria, perché è stata eseguita in assenza dei presupposti che la legittimano e quindi abusando dei poteri inerenti alle funzioni di ufficiale ed agente di P.G. viene integrato il reato di perquisizione abusiva di cui all’art. 609 c.p...
 

Sono le prime norme (su una miriade) che ho imparato a memoria quando sono salito sopra una volante, 

Offline nera65

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 936
« Risposta #65 il: 15 Gennaio 2013, 14:07:42 »
Quindi sei un poliziotto?
chi ve lo fa fare?

Offline Lince112

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 532
  • In cima ad ogni vetta si è sull'orlo dell'abisso
« Risposta #66 il: 15 Gennaio 2013, 14:14:09 »
AHAHAHAH lince mi fai morire , scusami una cosa è di rpocedura puntare un mitra addosso ?? e se parte un colpo visto che il primo è in canna che fate ?? roba da matti !!!

????
vabbè và, io mi sono scocciato di starti dietro...
pensale come vuoi....
tutti zitti!!!!!

Offline Sam

  • Nuovo
  • *
  • Post: 49
« Risposta #67 il: 15 Gennaio 2013, 14:18:06 »
VA BENE GRAZIE  , NON TOGLIE IL FATTO CHE PUNTARE ARMI ADDOSSO CARICHE SENZA AVER FATTO NULLA E DA NAZISTI !!!
« Ultima modifica: 15 Gennaio 2013, 14:19:38 da Sam »

Offline nera65

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 936
« Risposta #68 il: 15 Gennaio 2013, 14:19:06 »
mi e' stato insegnatoche domandare e' lecito rispondere e' cortesia.
chi ve lo fa fare?

Offline Sam

  • Nuovo
  • *
  • Post: 49
« Risposta #69 il: 15 Gennaio 2013, 14:20:30 »
GIA SCRITTO IN PRECEDENZA , SONO UN CITTADINO

Offline lucky

  • Nuovo
  • *
  • Post: 37
« Risposta #70 il: 15 Gennaio 2013, 14:22:17 »

 se hai subito dei danni all'auto durante il controllo , vai da un carrozziere fai relativa fattura e la mandi alla prefettura sempre con la lettera di un legale, poi nei tempi e nei modi di legge verrai risarcito.


una curiosita', ma e' facoltativo il pagamento di eventuali danni subiti dal mezzo di un cittadino derivanti da una perquisizione da parte dell'amministrazione pubblica o e' proprio previsto in casi di esito negativo della stessa? 

un'altra cosa : si puo' dire che l'autorita' di pubblica sicurezza in base alle normative vigenti ha ampio margine di discrezionalita' nel procedere ad una perquisizione, nel senso che basti che l'operatore ritenga che un tizio abbia un'aria sospetta, egli puo' procedere di propria iniziativa a perquisizione personale senza bisogno di mettere al corrente in anticipo l'A.G?

ultima curiosita'
 in base ad una soffiata ad es riguardante la detenzione di sostanze stupefacenti,l'ufficiale di p.g puo' decidere di perquisire l'abitazione di un cittadino senza ricorrere al mandato? e in caso di esito negativo egli a sua volta puo' incorrere nella denuncia per violazione di domicilio?  [52]
« Ultima modifica: 15 Gennaio 2013, 14:24:51 da lucky »

Offline nera65

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 936
« Risposta #71 il: 15 Gennaio 2013, 14:25:51 »
Allora sali spesso sulle volanti per conoscere tutti quelle norme.
chi ve lo fa fare?

Offline Sam

  • Nuovo
  • *
  • Post: 49
« Risposta #72 il: 15 Gennaio 2013, 14:29:54 »
AHAHAH ma nera ho copiato e incollato , leggi no prima di risp (ho incollato un pezzo in più XD)

Offline accigliato

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3045
« Risposta #73 il: 15 Gennaio 2013, 14:32:49 »
Quindi sei un poliziotto?

Ma no, SAm ha fatto un copiaincolla un pò affrettato di quanto da me precedentemente postato,detto questo ribadisco se uno a suo parere ha subito un abuso o un torto da parte delle forze dell'ordine con cui ha avuto a che fare, ci sono i modi e le sedi adatte per fare valere i propri diritti,poichè ogni uno risponde personalmente del  proprio operato.
Ma se a mè, l'idraulico intervenuto per una perdita al rubinetto di casa, me lo ha riparato male perchè perde ancora ed inoltre mi ha fatto pagare uno sproposito,che faccio vado su un sito degli idraulici e dico che sono tutti dei ladri e degli incapaci, oppure vado da lui stesso e se non posso, da un legale e faccio valere i miei diritti???

Per notizia esistono i seguenti reati per chi è a digiuno di codice penale;

Art. 594
- Ingiuria -

Chiunque offende l'onore o il decoro di una persona
presente è punito con la reclusione fino a sei mesi o con
la multa fino a lire un milione.
Alla stessa pena soggiace chi commette il fatto mediante
comunicazione telegrafica o telefonica, o con scritti o
disegni, diretti alla persona offesa.
disegni, diretti alla persona offesa.
La pena è della reclusione fino a un anno o della multa
fino a lire due milioni, se l'offesa consiste nell'attribuzione
di un fatto determinato.
Le pene sono aumentate qualora l'offesa sia commessa
in presenza di più persone.

Art. 595
- Diffamazione -

Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente,
comunicando con più persone, offende l'altrui
reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o
con la multa fino a lire due milioni.
Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto
determinato, la pena è della reclusione fino a due anni,
ovvero della multa fino a lire quattro milioni.
Se l'offesa è recata col mezzo della stampa o con
qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico,
la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della
multa non inferiore a lire un milione.
Se l'offesa è recata a un Corpo politico, amministrativo o
giudiziario, o ad una sua rappresentanza, o ad una
Autorità costituita in collegio, le pene sono aumentate.

Art. 596
- Esclusione della prova liberatoria -

Il colpevole dei delitti preveduti dai due articoli precedenti
non è ammesso a provare, a sua discolpa, la verità o la
notorietà del fatto attribuito alla persona offesa.
Tuttavia, quando l'offesa consiste nell'attribuzione di un
fatto determinato, la persona offesa e l'offensore possono,
d'accordo prima che sia pronunciata sentenza
irrevocabile, deferire ad un giurì d'onore il giudizio sulla
verità del fatto medesimo.
Quando l'offesa consiste nella attribuzione di un fatto
determinato, la prova della verità del fatto medesimo è
però sempre ammessa nel procedimento penale:
1) se la persona offesa è un pubblico ufficiale ed il fatto
ad esso attribuito si riferisce all'esercizio delle sue
funzioni;
2) se per il fatto attribuito alla persona offesa è tuttora
aperto o si inizia contro di essa un procedimento penale;
3) se il querelante domanda formalmente che il giudizio si
estenda ad accertare la verità o la falsità del fatto ad esso
attribuito.
Se la verità del fatto è provata o se per esso la persona, a
cui il fatto è attribuito è, per esso condannata dopo
l'attribuzione del fatto medesimo, l'autore della
imputazione non è punibile, salvo che i modi usati non
rendano per sè stessi applicabili le disposizioni
dell'articolo 594, comma primo, ovvero dell'articolo 595
comma primo (1).
(1) Articolo così modificato dal D.Lgs.Lgt. 14 novembre
1944, n. 288.

Art. 596 bis
- Diffamazione col mezzo della stampa -

Se il delitto di diffamazione è commesso col mezzo della
stampa le disposizioni dell'articolo precedente si
applicano anche al direttore o vice-direttore responsabile,
all'editore e allo stampatore, per i reati preveduti negli
articoli 57, 57 bis e 58 (1).
(1) Articolo aggiunto dalla L. 4 marzo 1958, n. 595.

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3997
« Risposta #74 il: 15 Gennaio 2013, 14:41:10 »
.....ma Sam non ha fatto di tutta l'erba un fascio.Ha solo riportato un fatto che gli è capitato e che lui ha percepito come un abuso.....