AutoreTopic: Che cosa vuoi dalla TUA Polizia?  (Letto 12241 volte)


Offline soldato.blu

  • Membro Master
  • ****
  • Post: 2521
« Risposta #25 il: 22 Giugno 2013, 00:39:01 »
visto? un bambino traumatizzato è un bambino rovinato [13] [13] [13] [51] [51] [51]
Terribilmente rovinato!  [13] [13] [13] [51] [51] [51]

Offline Giancarlo

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 615
« Risposta #26 il: 22 Giugno 2013, 16:25:08 »
Non mi venite a dire che sono OT, ma fra tanto parlare di sassi e di molotov, guardate questo video. Ci sono anche i poliziotti tra chi tira i sassi.

http://video.repubblica.it/edizione/palermo/palermo-poliziotto-lancia-sasso-contro-manifestanti/65051/63623

Ora bannatemi per altri 14 giorni  e cancellate questo post.


Io considero tortura anche il trattenere un fermato schiacciandogli il viso a terra con l'anfibio.  E tutti questi distinguo tra tortura si e tortura no mi fanno semplicemente ribrezzo.  Ciò che la Cassazione ha appurato esser vero e che Charlie Parker ha qui riportato sono metodi da campo di concentramento nazista.

Chiamateli come volete,  sono semplicemente delitti contro una persona che non si può difendere e fatti vigliaccamente da molti spesso contro uno solo...

Offline under

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 398
« Risposta #27 il: 22 Giugno 2013, 16:38:05 »
Non mi venite a dire che sono OT, ma fra tanto parlare di sassi e di molotov, guardate questo video. Ci sono anche i poliziotti tra chi tira i sassi.

Li ritornano al mittente..  [13]
Every man dies, not every man really lives (William Wallace)

La fragilità del cristallo non è una debolezza ma una raffinatezza

Minnaloushe creeps through the grass
alone, important and wise,
and lifts to the changing moon
his changing eyes.

Offline Giancarlo

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 615
« Risposta #28 il: 22 Giugno 2013, 16:40:58 »
Under :

osservazione arguta, non ci avevo pensato. Quindi in occasione di presidi di piazza c'è il permesso di ritornare al mittente i sassi?   Mai saputo.

Offline under

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 398
« Risposta #29 il: 22 Giugno 2013, 17:03:02 »
Fossero solo i sassi il problema, saremmo a posto... Il problema oltre alle sassate sono anche spranghe di ferro, molotov, mazze da baseball, bottiglie di vetro rotte e chi più ne ha più ne metta, addosso alle solite forze dell'ordine...
Every man dies, not every man really lives (William Wallace)

La fragilità del cristallo non è una debolezza ma una raffinatezza

Minnaloushe creeps through the grass
alone, important and wise,
and lifts to the changing moon
his changing eyes.

Offline Giancarlo

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 615
« Risposta #30 il: 22 Giugno 2013, 17:09:03 »
Under :

ha ragione, non solo i sassi vi vengono tirati e questo quando si identifica l'autore fa scaturire denunce, processi ed anche qualche giustissima condanna.  Però (parola molto usata in questa discussione) che ne sappiamo di altri momenti?  In questo caso c'è un video di un solerte e bravo cittadino, ma in altri casi?

Il poliziotto che usava l'anfibio così bravamente: l'aveva ricevuto tirato in testa?

Offline under

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 398
« Risposta #31 il: 22 Giugno 2013, 17:36:05 »
Giancarlo, non sono un poliziotto, ma queste cose le ho spesso vissute di riflesso, indirettamente.
Every man dies, not every man really lives (William Wallace)

La fragilità del cristallo non è una debolezza ma una raffinatezza

Minnaloushe creeps through the grass
alone, important and wise,
and lifts to the changing moon
his changing eyes.

Offline Ulysse

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3588
  • FYNG
« Risposta #32 il: 22 Giugno 2013, 18:09:17 »
@Giancarlo

A me non mi pagano per tirare sassi e non organizzo manifestazioni per andare a tirare sassi o altro ai poliziotti in piazza.
Se non ci fossero questi soggetti, ho buone ragioni da credere e dirle che non ci sarebbero neanche poliziotti che ritirano sassi o schiacciano volti con anfibi.

Ribadisco anche a lei, (ma sottolineo che ne ho le pa....piene di farlo) modificate il senso civico delle persone ed avrete come logica conseguenza una Polizia degna di voi. Non lo volete fare? Per tutte le ragioni ideologico politiche che volete? Chi é causa del suo mal pianga se stesso allora.
FYNG

Il Poliziotto vero non è quello delle fiction, il sangue è vero, i proiettili sono veri, le auto si rompono veramente e il dolore è devastante. E per giunta il computer non funziona mai!

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3990
« Risposta #33 il: 22 Giugno 2013, 18:21:44 »
Ragazzi, mi sa che siamo palesemente fuori tema.....tra un po' mi sa che ci riprendono.
Uly, se mi dici come si fa a cambiare il senso civico delle persone, dimmelo subito, ti prego. Se potessi lo farei adesso, in questo preciso istante.

Offline leone17

  • Amministratore
  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3438
« Risposta #34 il: 22 Giugno 2013, 18:54:39 »
direi che celeste è estremamente lungimirante...... sposterei questo ultimo scambio di opinioni nella apposita discussione riguardo a come corresti la tua Polizia ...... [52] a tutti per la collaborazione

Offline Giancarlo

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 615
« Risposta #35 il: 22 Giugno 2013, 18:58:23 »
Celeste :
lo farei anche io se sapessi come fare. Per l'intanto cerco di essere un buon cittadino rispettoso delle leggi e sopratutto del prossimo. E questi valori cerco di inculcarli anche nel mio nipotino che fortunatamente ancora  vede nelle divise qualche cosa  di cui fidarsi. Farà in tempo a conoscere le storture che purtroppo ci albergano.  Mi associo alla sua domanda ad Ulisse.

Ulisse :

ma che razza di ragionamento è questo? Allora visto che ad esempio io non sono capace di modificare il senso civico  delle persone allora potrei essere carne da macello?   Ma piuttosto cerchi lei di modificare il senso civico di taluni appartenenti alle forze dell'ordine. A lei darebbero certamente più retta che a me, io rimedierei solo qualche manganellata per non parlare di insulti od intimidazioni.  Me la immagino in sede di OP che ragiona: questo qui è uno che non vuole cambiare il senso civico, allora è bene dargli una lezione cosicché domani andrà in giro come un profeta, magari con i denti rotti, a fare proseliti per osannare la polizia. Per ora una bella manganellata è il minimo che ci vuole, se non di più

Offline Giancarlo

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 615
« Risposta #36 il: 22 Giugno 2013, 18:59:21 »
Leone17 :

mi scuso, mi sono fatto prendere la mano. Seguirò il suo consiglio.

Offline nera65

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 936
« Risposta #37 il: 22 Giugno 2013, 19:25:07 »
Nessuno voleva piu partecipare a questa discussione poi invece......tutti presenti.L'argomento fara' sempre parlare da qui all'eternita'. Mi dispiace solo che questo brutto episodio ha cancellato l'eccellente lavoro portato avanti da tutti voi nel corso degli anni.Io sto insegnando a mia figlia a rispettare le divise  ,magari sbaglio  visto che in esse albergano storture....  [20] @Ulisse il senso civico nei cittadini e' defunto.IL funerale e' stato gia' celebrato.... [23]
« Ultima modifica: 22 Giugno 2013, 19:27:05 da nera65 »
chi ve lo fa fare?

Offline harryb

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3221
« Risposta #38 il: 22 Giugno 2013, 20:12:06 »
Bentornato signor Giancarlo.
Ho letto questo suo intervento che mi ha fatto riflettere.

.........E questi valori cerco di inculcarli anche nel mio nipotino che fortunatamente ancora  vede nelle divise qualche cosa  di cui fidarsi. Farà in tempo a conoscere le storture che purtroppo ci albergano.

Anzi, ad essere sincero mi ha fatto un pochino male leggere quello che ha scritto. Perchè se non ho capito male, lei ci condanna senza possibilità di appello. Via, tutti colpevoli. Tutti da buttare.
Senza considerare che la Polizia di Stato è composta da 110 mila lavoratori, persone tutte diverse ognuna con il proprio trascorso che non è necessariamente passato per la Diaz o per Badia al Pino.
Quando scrive "nel mio nipotino che fortunatamente ancora  vede nelle divise qualche cosa  di cui fidarsi" lei ci considera un'entità solida, eterogenea. Non è così.
Qui, su questo spazio, c'è gente, poliziotti, che condanna senza se e senza ma quello che è avvenuto dentro la scuola Diaz.
Ha letto i post di Dago su questa discussione? Esprimono benissimo anche il mio pensiero e sono certo quello di moltissimi altri colleghi.
Le fa ribrezzo sentire parlare di tortura si o tortura no ma la discussione era centrata sul fatto che un PM si è permesso di "chiedere a gran voce" l'introduzione del reato di tortura nel nostro ordinamento.
Io ho affermato che certe azioni scellerate di alcuni (pochi, me lo passi questo concetto) miei colleghi sono da cosiderare come tortura. Altri hanno affermato lo stesso concetto.
Non basta? Io sono moralmente colpevole di quanto fatto da questi delinquenti? Dago? Soldato. Blu? E gli altri che scrivono qui?
Mi dispiace che la pensi in questo modo. Così ci da per spacciati, irrecuperabili.
Allora mi domando: se non c'è da fidarsi di noi, perchè viene a "parlare" qui?

Offline harryb

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3221
« Risposta #39 il: 22 Giugno 2013, 21:08:22 »
................La Polizia ha un suo preciso ruolo a prescindere dall’approvazione, dal plauso e dai variabili umori dei concittadini, l’importante è che gli umori di quei concittadini non siano d’intralcio allo svolgimento di quel ruolo.

Brava! Questo in un paese normale. Ma in Italia?

Offline Giancarlo

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 615
« Risposta #40 il: 22 Giugno 2013, 21:15:01 »
Debbo purtroppo intervenire ancora. Non me ne vorrà Leone17.

Harryb:

si, mi fa ribrezzo il sentir trattare casi di tortura (ripeto tortura) come se non fossero avvenuti dato che non c'è una legge apposita.  Ma con quale coscienza sminuite ciò che è avvenuto a Bolzaneto derubricandolo in "lesioni aggravate" - è tortura e niente altro.  E' il fatto che conta, non la norma o legge che purtroppo non c'è. 

Sul rispetto per la polizia e sull'accusare i poliziotti mi dica dove ho generalizzato. io parlo sempre di "taluni" contrariamente a quanto fanno appunto "taluni" in questo forum che identificano chi dissente o chi ha il coraggio di controbattere come "il nemico" sul quale occorre avere "sempre" l'ultima parola.  Mi tiri fuori una qualsiasi parola meno che rispettosa e meno che desiderosa di dialogo.

Certo che quando cerco di fare un ragionamento e vengo intimidito con l'ordine "di presentarmi immediatamente al più vicino comando dio polizia come persona informata sui fatti" mi domando se questo è il migliore modo di "essere poliziotto" - non per generalizzare, ma in altro forum un altro poliziotto intimidiva una persona intervenuta che diceva che in questo forum ci sono scalmanati minacciandolo di dover risponderne alle autorità. E' questa La polizia? No, non è questa, ma se non si ha il coraggio di denunciare certe derive e se non si ha il coraggio di fare pulizia al proprio interno non si può pretendere che il cittadino modifichi il senso civico delle persone quando non si prova nemmeno a modificare il senso civico dei colleghi e nemmeno ci si prova a farlo, anzi si disquisisce tortura si tortura no.  Neo ho ribrezzo.

Lasci stare la retorica domanda sul perché io sta qui a postare per caso le do fastidio?

Una ultima cosa che male può fare una legge contro la tortura?  Sono convinto che al 99 per cento dei poliziotti non faccia né caldo né freddo perché sono veramente pochi coloro che eccedono, ma questi occorre trovarli e sanzionarli.  Il gesto di bestemmiare  e  contemporaneamente schiacciare il capo di un ragazzo con l'anfibio per me è tortura e sfregio psicologico.  Chi sa forse il poliziotto si sentiva il vincitore oppure il grande cacciatore che aveva colpito la sua preda...   Faccia lei.

Ed ora considero chiuso il mio intervento sull'argomento tortura.

Per quanto riguarda il presentarmi presso il comando di polizia come persona informata dei fatti sto ancora aspettando la convocazione, mi sa che ci andrò spontaneamente, forse dopo che avrò imparato a modificare il senso civico delle persone, anche se mettendoci troppo tempo (sono un po' ritardato) contribuisco a giustificare comportamenti per i quali non trovo aggettivi.

Offline harryb

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3221
« Risposta #41 il: 22 Giugno 2013, 21:26:56 »
Ancora generalizzazioni, signor Giancarlo.
Io l'ho mai invitata a presentarsi da qualche parte?

Io (e gli altri colleghi) abbiamo forse sminuito il concetto di tortura? Abbiamo semplicemente spiegato che tecnicamente, per ora, nel nostro ordinamento non esiste e la figura assimilabile è "lesioni gravi".

Le accuse che ho letto nel suo post e che avevo anche citato, erano implicite nella frase relativa al suo nipotino, che a suo dire, "fortunatamente vede ancora nelle divise qualche cosa di cui fidarsi". Questo lo ha scritto lei, non io. Ed io ci leggo una condanna morale nei confronti di TUTTI i poliziotti. Ma non si offenda. Io non l'ho fatto. Mi sono solo dispiaciuto per questo concetto che lei ha espresso o che io ho forse frainteso. Da qui la domanda (che era solo una domanda, niente di più) sul perchè, pur pensando che la mia istituzione sia perdutamente da sfiduciare, lei stia qui ad interloquire con gente che ritiene non meritoria di un minimo di fiducia.
Tutto qui, senza spirito di polemica, mi creda.
« Ultima modifica: 23 Giugno 2013, 01:14:40 da harryb »

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #42 il: 23 Giugno 2013, 00:13:49 »
Sono ancora qui: evidentemente aveva proprio ragione la mia ex quando mi definiva un bugiardo spudorato e patologico [03].

Temo che ancora stiamo discutendo di termini linguistici e di giurisprudenza più che dei fatti in sè. Ribadisco: giuridicamente si tratta di lesioni personali gravi, gravissime e di tutte le loro aggravanti.

Le stesse che anni fa applicai arrestando un marito che, incavolato con la moglie che voleva il divorzio, prima le diede una "lezione" violentandola (altra fattispecie di reato) poi iniziò metodicamente a demolirla a calci, con tale forza che una costola spezzata forò un polmone ed infine usò la sua rotula come bersaglio per i suoi calci. Fu un crimine, una mostruosità, un orrore, un martirio, un supplizio, una tortura ma giuridicamente furono lesioni personali gravissime (veramente noi ci eravamo battuti per il tentato omicidio, ma il PM non ne  era convinto) oltre "naturalmente" alla violenza sessuale subita dalla povera vittima.

Può non piacermi, posso trovare riduttive quelle due parole del Codice Penale per definire quel massacro (avvenuto nel quartiere accanto a quello dove lei, Giancarlo,  anni prima lesse quelle orrende scritte contro Calabresi) ma a norma di legge quella era la realtà e lo è tuttora. I miei sentimenti personali non contavano (giustamente) nulla.

Allo stesso modo io, Cittadino e poliziotto Dago113 non ho alcun problema a definire  un crimine, una mostruosità, un orrore, un martirio, un supplizio, [i]una tortura[/i] ciò che subirono le vittime della Diaz e di Bolzaneto, ma quello che accadde allora secondo la legge italiana è compreso nella fattispecie di reato delle lesioni personali gravi e gravissime. Può non piacermi, posso desiderare che il parlamento istituisca questo reato (solo che mi piacerebbe che venisse applicato anche ad individui come il maritino di cui sopra, ma non si può avere tutto dalla vita), ma se mi si chiede che cosa avvenne secondo la legge italiana continuo a ripeterle: lesioni personali gravi, gravissime e aggravate.

Giancarlo, se mi considera un mostro per questo non so che dirle. Purtroppo la giurisprudenza non posso inventarmela.
« Ultima modifica: 23 Giugno 2013, 00:15:45 da dago113 »
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline Ulysse

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3588
  • FYNG
« Risposta #43 il: 23 Giugno 2013, 07:11:40 »
Ulisse :
ma che razza di ragionamento è questo? Allora visto che ad esempio io non sono capace di modificare il senso civico  delle persone allora potrei essere carne da macello?   Ma piuttosto cerchi lei di modificare il senso civico di taluni appartenenti alle forze dell'ordine. A lei darebbero certamente più retta che a me, io rimedierei solo qualche manganellata per non parlare di insulti od intimidazioni.  Me la immagino in sede di OP che ragiona: questo qui è uno che non vuole cambiare il senso civico, allora è bene dargli una lezione cosicché domani andrà in giro come un profeta, magari con i denti rotti, a fare proseliti per osannare la polizia. Per ora una bella manganellata è il minimo che ci vuole, se non di più


Lei non ha, chiaramente capito a cosa mi riferivo. Dubito che potrá capirlo se non legge gli altri post.
Inoltre non si "immagini" nulla perché non ha il minimo criterio di cosa sia l'OP. Si documenti, poi ne possiamo riparlare.


@celeste

Da cittadino non posso risponderti, perché qualunque proposta farei sarebbe inquinata nell'accoglimento dal fatto che sono un Poliziotto, ma posso seguire le indicazioni propositive di chi vuole fare un serio cambiamento, non certo dagli ipocriti, demagoghi, idealisti.

Da Poliziotto, non voglio risponderti, perché se siamo arrivati al punto che un poliziotto deve suggerire come si cambia il senso civico, allora vuol dire che gli errori fatti in passato da questa societá, sono ben piú gravi di quanto possa sembrare. E non spetta certo alla Polizia, ripararli.
FYNG

Il Poliziotto vero non è quello delle fiction, il sangue è vero, i proiettili sono veri, le auto si rompono veramente e il dolore è devastante. E per giunta il computer non funziona mai!

Offline Giancarlo

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 615
« Risposta #44 il: 23 Giugno 2013, 07:14:33 »
Dago : b

lei è tra coloro con i quali mi piace confrontarmi.  E lei sa anche che mai la crederei un mostro.

Qui la questione è chiamare ciò che è successo a Bolzaneto tortura oppure no.  Per me è tortura anche se non essendoci una legge apposita i giudici la chiamano diversamente pur auspicandone una diversa definizione.

Lei non direbbe mai che questa è la polizia che ci meritiamo dato che non sappiamo cambiare il senso civico delle persone. Ma che è?   Una licenza di picchiare, di prevaricare, di intimidire, di calunniare?  Ma quali derive hanno portato la polizia ad un così basso livello di popolarità? Credo che lei se lo domandi, non così alcuni suoi colleghi. Leggendo i post lei già sa a cosa mi riferisco.

In questo forum per il coraggio (o l'incoscienza) di mettermi contro quello che per "taluni", e ripeto "taluni" prima che Harryb mi tacci di generalizzare,  credono sia il vangelo di un buon poliziotto sono stato preso di mira ed ho ricevuto :

- Calunnie
- Minacce di indagini su di me fino a scoprire addirittura quante volte scuoto la tovaglia fuori dalla finestra.
- Insulti e dileggi
- Intimidazioni a rispondere di chi sa che cosa in questura.

Non sto dicendo che lei ha preso parte a tutto ciò, anzi lei è stato l'unico che si è pubblicamente scusato per un episodio sgradevole e di questo le rendo merito. Ma il forum non deve essere vetrina per comportamenti al di sopra del consentito.  Non ho nulla da rimproverarmi e quindi le minacce di indagini non mi fanno impressione, ma ci sono state e questo è giusto? Non è per caso un reato?  E come dovrei reagire?

Ho provato a dire qualche cosa, ma i miei post sono stati cancellati ed il mio account è stato sospeso per 7 giorni fortuna che ho l'abitudine di salvare tutto.  Ma dove è mai detto che si condanna qualcuno e si distruggono le prove?  Ah si Giovannino Guareschi ebbe le prove distrutte e fu condannato per diffamazione.

E per ultimo vorrei dire che io ho portato fatti e mi si risponde condannando le mie opinioni spesso travisandole. Sui fatti si glissa.  Continuiamo a glissare che per l'intanto abbiamo detto l'ultima parola. E' questa la filosofia di taluni?  Ripeto che se noi cittadini (60 milioni) dobbiamo cambiare il nostro senso civico non si farebbe prima a cambiare (sempre taluni) il modo di appartenere alle forze dell'ordine? Queste non sono al loro servizio!

La saluto e creda che la mia stima per lei è immutata. Del resto basta leggere i post per rendersi conto del cattivo servizio che "taluni" fanno alla polizia e quindi di chi parlo.   

Io non sono capace, ma vorrei che un amministratore spostasse questa discussione sul thread "come vorresti la polizia"  per non finire sempre in OT.  Grazie,

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3990
« Risposta #45 il: 23 Giugno 2013, 11:33:16 »


Dago, quanto vorrei anch'io che venissero considerate torture le violenze a cui vengono sottoposte milioni di donne. Ma come ripeto, in ogni paese in cui è presente il reato di tortura nel codice, questo riguarda personale dello Stato e cittadino.....si può anche considerare ingiusto, ma è così. Se poi oggi tale reato non è contemplato nel nostro ordinamento giuridico, la colpa è di tutti coloro, che dopo la ratifica di quella famosa Convenzione, non l'hanno inserito.....tutti l'hanno fatto tranne noi [14].
E comunque la percezione della gravità e dello sdegno per un reato è qualcosa di estremamente soggettivo.....ci sarà pure chi pensa che in quei giorni a Bolzaneto nulla di grave sia avvenuto. E secondo la mia personale opinione il termine lesioni è riduttivo......E' come quando uno guida drogato e ammazza qualcuno. Per il nostro codice è omicidio colposo.....(forse in qualche caso è stato considerato omicidio volontario), ma sappiamo tutti che non è un omicidio colposo, ma bisognerebbe introdurre il reato di omicidio stadale......comunq ue torture (qualcuno le definisce anche trattamenti disumani e degradanti), lesioni, lesioni aggravate......che ognuno le chiami come gli pare, l'importante è che sia passato il messaggio forte e chiaro che non c'è una sola accettabile giustificazione per tali comportamenti, esiste una spiegazione caso mai, ma che non è quella che ancora oggi qualcuno (e non mi sto riferendo a nessuno di questo Forum), sta tentando di far passare.

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3990
« Risposta #46 il: 23 Giugno 2013, 11:37:15 »
Ulysse, è solo  il tuo pensiero che ogni tua proposta sarebbe inquinata nell'accoglimento dal fatto che sei un poliziotto, come a dire che ci sarebbe subito del pregiudizio.......

Offline nera65

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 936
« Risposta #47 il: 23 Giugno 2013, 12:31:58 »
DOmanda:  [03] I paesi europei che hanno ratificato il trattato onu sulla tortura lo hanno mai applicato? grazie
chi ve lo fa fare?

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #48 il: 23 Giugno 2013, 12:36:49 »
Discussione adesso unita.
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline Lupa Kiotta

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 194
« Risposta #49 il: 23 Giugno 2013, 13:56:10 »
In sostanza più un poliziotto è impegnato e concentrato a schivare i pericoli da cui si sente minacciato, meno gli resteranno le energie e la lucidità per svolgere al meglio il suo lavoro. Questo perché non è stato messo in condizione di operare al meglio.
hai fatto centro. complimenti.
forse però questo stato di cose è il frutto di una scelta.
O forse di una non scelta, data dalla convenienza a mantenere una situazione non definita, un’area grigia in cui l’obiettivo è scaricare più responsabilità e rogne possibili a valle, piuttosto che assumerle a monte.   

Allora gli abitanti della valle dovrebbero trovare il modo di comunicare agli uomini del monte le loro precise richieste, ma senza urlare o sgolarsi che le voci tanto si disperdono in mille rivoli o si fa finta di non sentirle, meglio mandare piccioni viaggiatori con puntuali (e scritte) proposte, che mica potranno fare finta di non averle ricevute. Che poi le accolgano o meno, ecco, su questo forse bisogna lavorarci … Che poi dall’accoglimento si passi alla concreta attuazione, ecco, anche su questo forse bisogna lavorarci …
Ma da qualche parte si dovrà pur partire, poi pensate che smuovendo le cose ora, forse i vostri pronipoti ne vedranno i risultati  [03] e non è questo un pensiero sublime [03] sufficiente a scacciare ogni residuo di pessimismo dai vostri animi? [13]

................La Polizia ha un suo preciso ruolo a prescindere dall’approvazione, dal plauso e dai variabili umori dei concittadini, l’importante è che gli umori di quei concittadini non siano d’intralcio allo svolgimento di quel ruolo.
Brava! Questo in un paese normale. Ma in Italia?
Rispetto a cosa l’Italia non è un paese normale? Nel senso che in Italia la polizia ha bisogno dell’approvazione dei concittadini virtuosi o è soggetta ai loro variabili umori?