AutoreTopic: domande sinallagmatiche  (Letto 9480 volte)


Offline echo3710

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 480
« Risposta #50 il: 14 Agosto 2013, 22:30:36 »
Allora sono strano io, che faccio almeno un arresto a turno ( dalla sera alla notte, ovvio, anche se in certi casi siamo arrivati al poker) e non vengo denunciato mai? Non mettiamo la sul personale.. :)

..ma io ho fatto una domanda ben precisa che non ha nulla a che fare con il numero di arresti. Sia chiaro che qui ognuno fa il proprio dovere fino in fondo, non è di questo che sto parlando. io sto parlando di tutela a 360 gradi dell'operatore, di massima resa del lavoro che svolgo, perchè nonostante tutto, noi tutti svolgiamo sempre al meglio il nostro lavoro ma non fino a mettere a rischio la mia persona e la mia famiglia, perchè credo che non sia giusto a fronte di un datore di lavoro distratto, superficiale, disattento, indifferente per ciò che mi accade e eccessivamente severo, pignolo alla massima potenza e perseverante per ciò che che faccio....

E io ti ho risposto. Che poi in polizia, esclusi i presenti, tutti facciano il loro dovere è un altro discorso, al quale credo poco.
Io nel mio lavoro metto a rischio la mia persona, come un muratore o uno stradino. Metto nel conto una denuncia come qualunque altra categoria professionale (medici e infermieri, ad esempio) esposti al pubblico e a fare delle scelte. Infine, se sono scontento del datore di lavoro, cambio lavoro. :)

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #51 il: 14 Agosto 2013, 22:33:43 »
Mah... non me ne volere, ma quella che descrivi non somiglia alla Polizia che ho conosciuto e che vivo. Beato te.
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 19059
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #52 il: 14 Agosto 2013, 22:47:08 »
Citazione
E io ti ho risposto. Che poi in polizia, esclusi i presenti, tutti facciano il loro dovere è un altro discorso, al quale credo poco.
Io nel mio lavoro metto a rischio la mia persona, come un muratore o uno stradino. Metto nel conto una denuncia come qualunque altra categoria professionale (medici e infermieri, ad esempio) esposti al pubblico e a fare delle scelte. Infine, se sono scontento del datore di lavoro, cambio lavoro. :)

spieghiamoci ! Che tra 100.000 poliziotti ci sia chi non fa niente chi fa troppo e chi fa poco e' indubbio ! ma ribadisco non e' questo il punto ! Io nel lavoro metto a rischio la mia persona e mi sta benissimo, ho scelto questo lavoro, pero' pretendo che il mio datore di lavoro mi metta in condizioni di lavorare ! se ti dessero un paio di zoccoli da mare e ti mandano a caricare una masnada di manifestanti tu che fai? passi al negozio compri gli anfibi e poi carichi ? ti sembra giusto ? se il contadino di incarica di potare gli ulivi e ti da un paio di forbicine da unghie tu che fai ? ti compri le forbici da potare e  fai il lavoro a regola d'arte ? ti sembra giusto ? Secondo te nel tuo lavoro sei tutelato come i medici e gli infermieri ? conosci l ordine dei medici ? se un medico sbaglia lo mettono in galera e deve pagarsi l avvocato ? oppure l azienda sanitaria si fa carico di tutto e risponde dei danni che provoca il suo dipendente ? Io sono molto scontento del datore di lavoro perche' vivendo la polizia da 27 anni ho visto un sacco di cose fatte male, altre non fatte per niente e altre fatte con i miracoli ! tutto perche' il mio datore di lavoro se ne frega altamente ! perche' se non fornisce le scarpe i colleghi se le comprano ! se non fornisce le torce i colleghi se le comprano ! se non fornisce i giubbetti antiproiettile i colleghi se le comprano !! e quindi ??? che li compra a fare ???? scusa se sono un po duro, anche io ho avuto l entusiasmo e la buona volonta' che mi hanno trasportato per anni, ma oggi non si puo' fare a meno di aprire gli occhi. Sempre conitnuando a fare il mio dovere fino in fondo, tra chi lo fa e chi non lo fa, siamo esseri umani e dovremmo essere anche stimolati a lavorare e la nostra Polizia purtroppo fa l esatto contrario ! chi lavora deve farsi carico anche del lavoro di chi non fa niente e nulla ti viene riconosciuto in piu' di chi non muove una paglia ! ti sembra giusto ?
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

Offline echo3710

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 480
« Risposta #53 il: 14 Agosto 2013, 22:48:18 »
Dago, possibile che non ci siano istruttori nella tua questura? Nel mio UPG ce ne sono almeno due o tre, solo nelle squadre. Quanto alle tecniche operative, ti assicuro che sono altamente progredite. Considera il prezzo di un corso privato in materia e quello che può dare l'amministrazione .. Siamo comunque molto avanzati. Informati :)

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 19059
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #54 il: 14 Agosto 2013, 22:53:16 »
Dago, possibile che non ci siano istruttori nella tua questura? Nel mio UPG ce ne sono almeno due o tre, solo nelle squadre. Quanto alle tecniche operative, ti assicuro che sono altamente progredite. Considera il prezzo di un corso privato in materia e quello che può dare l'amministrazione .. Siamo comunque molto avanzati. Informati :)

..oramai sono all'attacco ! [13] [13] premetto che ho molta stima di te e sto solo esprimendo il mio pensiero cio' non toglie che ti rispetto profondamente per le tue scelte, benche' non le condivida. 
Pensi che le tecniche operative di per se possano essere la soluzione ? pensi che le tecniche operative possano essere applicate da ogni tipo di collega ? donna uomo anziano etc etc ? pensi che una tecnica operativa puo' essere assimilata con un esercizio al mese ? questa tecnica operativa si basa su un protocolo fornito dal ministero ? mi mette al riparo da eventuali responsabilita' nel caso non finisca come previsto ? se adotto perfettamente una tecnica operativa insegnata dal Ministero e causo danni al fermato, sono esente da responsabilita' penali e civili ?  No ? e allora faccio come dico io.....
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #55 il: 14 Agosto 2013, 22:57:22 »
Dago, possibile che non ci siano istruttori nella tua questura? Nel mio UPG ce ne sono almeno due o tre, solo nelle squadre.

Due di tiro ufficiali (un terzo è andato in pensione) e due tappabuchi (comunque bravi) con l'abilitazione ed è tutto. E anche prima, a Milano, non ricordo di avere mai avuto non dico lezioni ma sentore di tecniche operative. Forse rammento male io.

Quanto alle tecniche operative, ti assicuro che sono altamente progredite. Considera il prezzo di un corso privato in materia e quello che può dare l'amministrazione .. Siamo comunque molto avanzati. Informati :)

Mi informo, non c'è problema, ma continuo a restare oltremodo perplesso.
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline echo3710

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 480
« Risposta #56 il: 14 Agosto 2013, 22:59:34 »
Dago, possibile che non ci siano istruttori nella tua questura? Nel mio UPG ce ne sono almeno due o tre, solo nelle squadre. Quanto alle tecniche operative, ti assicuro che sono altamente progredite. Considera il prezzo di un corso privato in materia e quello che può dare l'amministrazione .. Siamo comunque molto avanzati. Informati :)

..oramai sono all'attacco ! [13] [13] premetto che ho molta stima di te e sto solo esprimendo il mio pensiero cio' non toglie che ti rispetto profondamente per le tue scelte, benche' non le condivida. 
Pensi che le tecniche operative di per se possano essere la soluzione ? pensi che le tecniche operative possano essere applicate da ogni tipo di collega ? donna uomo anziano etc etc ? pensi che una tecnica operativa puo' essere assimilata con un esercizio al mese ? questa tecnica operativa si basa su un protocolo fornito dal ministero ? mi mette al riparo da eventuali responsabilita' nel caso non finisca come previsto ? se adotto perfettamente una tecnica operativa insegnata dal Ministero e causo danni al fermato, sono esente da responsabilita' penali e civili ?  No ? e allora faccio come dico io.....

Grazie per la stima ed il rispetto. Sono sicuro che non sia una frase fatta! Ma se ti rispondi da solo cosa posso dirti? :)  ad alcune delle tue domande posso rispondere in maniere contraddittoria, su altre ti do  ragione. .. Con questo? Resta quello che ho!
 Spero presto di avere un po' più di tempo e completare il mio pensiero, per ora grazie per l'attenzione!

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 19059
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #57 il: 14 Agosto 2013, 23:04:00 »
certo che non e' un frase fatta ! anche io mi sono comprato il GAP !  [13] [13] per forza !!! non mi devi rispondere ! io le risposte le so gia' ! [45] [45] [45] [45] [44] [44] [44]
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

Offline echo3710

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 480
« Risposta #58 il: 14 Agosto 2013, 23:17:19 »
Dago, avevo molte perplessità anche io su istruttori e corsi. A Pescara due anni fa ho visto e provato che mi sbagliavo.

Offline echo3710

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 480
« Risposta #59 il: 14 Agosto 2013, 23:18:51 »
certo che non e' un frase fatta ! anche io mi sono comprato il GAP !  [13] [13] per forza !!! non mi devi rispondere ! io le risposte le so gia' ! [45] [45] [45] [45] [44] [44] [44]

Così non vale. Finiamo in una squadra Swat con Dago e Jason?!

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #60 il: 16 Agosto 2013, 00:06:37 »
Dago, avevo molte perplessità anche io su istruttori e corsi. A Pescara due anni fa ho visto e provato che mi sbagliavo.

Ho fatto anch'io Pescara nel 2005 (35° OCT). Professionalità validissime perdute nel deserto e di fatto la prova che questa Polizia sta morendo.

Il fatto che la scuola di Pescara sia (forse tuttora) all'avanguardia non vuol dire che le tecniche operative lì insegnate vengano applicate al di là della "Antiochia" o quanto meno rinfrescate con qualche breve lezione agli operatori giusto per aiutarli a non perdere la mano. Io in otto anni non ne ho vista una che sia una.

Comunque sulle pagine del vecchio forum, nel 2005, scrissi questa cosetta per commentare il mio corso OCT

http://freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=2705025&p=1
“Wendy? Tesoro! Sono ritornato a casa! “ ( Jack Nicholson- SHINING)

Buonasera a tutti! Con oggi è terminato il 35° Corso O.C.T. (Operatore Controllo sul Territorio ) che mi ha visto impegnato insieme ad altri colleghi provenienti da tutta Italia e, francamente ammetto di esserne uscito abbastanza deluso da questa esperienza che mi era stata descritta come una specie di università della Volante.

Tempo addietro Web mi aveva chiesto, alla fine di questi 45 giorni, di scrivere un mio parere su questo corso. Avevo promesso di fare un resoconto dettagliato sulla scuola ma qualche giorno fa uno degli istruttori mi ha quasi implorato di non farlo, quindi mi limito ad un parere di carattere generale.

Il corso OCT nasce non tanto come addestramento quanto come aggiornamento tecnico della propria preparazione in servizio, sia per il ruolo degli agenti ed assistenti che per sovrintendenti ed ispettori. Quindi : tiro, tecniche operative, difesa personale e guida sicura. Della preparazione professionale della maggior parte degli istruttori nulla da dire, anzi! Con alcuni di questi vi sono stati degli screzi ma da parte mia il rispetto verso le loro capacità è rimasto immutato, anzi è aumentato. Sulle capacità umane posso aggiungere che quando ho avuto alcune difficoltà in una materia ( non ha importanza quale) ho ricevuto un aiuto e uno sprone da parte di alcuni istruttori, con i quali erano avvenuti poco prima degli scontri personali.

Quindi mi chiederete, perché sei rimasto deluso, Dago?
Sono rimasto insoddisfatto perché questo poteva essere un buon corso ma non lo è stato, troppe materie teoriche ( non parlo di leggi di PS o procedura penale, necessarie per un bravo sbirro ) hanno soffocato le ore di lezione di materie pratiche. La didattica ha trasformato questi 45 giorni in un percorso ad ostacoli sempre più serrato ( ad esempio con cambi anche di cinque materie completamente diverse le une dalle altre nel corso della stessa giornata) inoltre alcune delle lezioni teoriche non sono state tenute da docenti con la capacità di avvicinare i frequentatori alla materia.

Credo che la didattica per i corsi OCT dovrebbe essere rivista. Le capacità e le potenzialità vi sono. Tutto sta a saperle sfruttare.

A questo punto vorrei da voi una risposta a questa domanda...quanto siamo soddisfatti dell'addestramento che riceviamo? lo consideriamo utile per affrontare la Strada e per compiere il nostro Dovere nel migliore dei modi e, soprattutto, per ritornare a casa tutti interi al termine della giornata di lavoro?
« Ultima modifica: 16 Agosto 2013, 00:21:56 da dago113 »
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline echo3710

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 480
« Risposta #61 il: 16 Agosto 2013, 13:18:24 »


Ho fatto anch'io Pescara nel 2005 (35° OCT). Professionalità validissime perdute nel deserto e di fatto la prova che questa Polizia sta morendo.

Il fatto che la scuola di Pescara sia (forse tuttora) all'avanguardia non vuol dire che le tecniche operative lì insegnate vengano applicate al di là della "Antiochia" o quanto meno rinfrescate con qualche breve lezione agli operatori giusto per aiutarli a non perdere la mano. Io in otto anni non ne ho vista una che sia una.

Comunque sulle pagine del vecchio forum, nel 2005, scrissi questa cosetta per commentare il mio corso OCT

http://freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=2705025&p=1
“Wendy? Tesoro! Sono ritornato a casa! “ ( Jack Nicholson- SHINING)

Buonasera a tutti! Con oggi è terminato il 35° Corso O.C.T. (Operatore Controllo sul Territorio ) che mi ha visto impegnato insieme ad altri colleghi provenienti da tutta Italia e, francamente ammetto di esserne uscito abbastanza deluso da questa esperienza che mi era stata descritta come una specie di università della Volante.

Tempo addietro Web mi aveva chiesto, alla fine di questi 45 giorni, di scrivere un mio parere su questo corso. Avevo promesso di fare un resoconto dettagliato sulla scuola ma qualche giorno fa uno degli istruttori mi ha quasi implorato di non farlo, quindi mi limito ad un parere di carattere generale.

Il corso OCT nasce non tanto come addestramento quanto come aggiornamento tecnico della propria preparazione in servizio, sia per il ruolo degli agenti ed assistenti che per sovrintendenti ed ispettori. Quindi : tiro, tecniche operative, difesa personale e guida sicura. Della preparazione professionale della maggior parte degli istruttori nulla da dire, anzi! Con alcuni di questi vi sono stati degli screzi ma da parte mia il rispetto verso le loro capacità è rimasto immutato, anzi è aumentato. Sulle capacità umane posso aggiungere che quando ho avuto alcune difficoltà in una materia ( non ha importanza quale) ho ricevuto un aiuto e uno sprone da parte di alcuni istruttori, con i quali erano avvenuti poco prima degli scontri personali.

Quindi mi chiederete, perché sei rimasto deluso, Dago?
Sono rimasto insoddisfatto perché questo poteva essere un buon corso ma non lo è stato, troppe materie teoriche ( non parlo di leggi di PS o procedura penale, necessarie per un bravo sbirro ) hanno soffocato le ore di lezione di materie pratiche. La didattica ha trasformato questi 45 giorni in un percorso ad ostacoli sempre più serrato ( ad esempio con cambi anche di cinque materie completamente diverse le une dalle altre nel corso della stessa giornata) inoltre alcune delle lezioni teoriche non sono state tenute da docenti con la capacità di avvicinare i frequentatori alla materia.

Credo che la didattica per i corsi OCT dovrebbe essere rivista. Le capacità e le potenzialità vi sono. Tutto sta a saperle sfruttare.

A questo punto vorrei da voi una risposta a questa domanda...quanto siamo soddisfatti dell'addestramento che riceviamo? lo consideriamo utile per affrontare la Strada e per compiere il nostro Dovere nel migliore dei modi e, soprattutto, per ritornare a casa tutti interi al termine della giornata di lavoro?


Esatto: per me Pescara da il senso che la Polizia può rinascere, per te, che sta morendo! :)
Il Corso OCT è troppo teorico, concordo. Ma il nostro lavoro è considerato troppo sulla base della teoria, no? Nelle schede valutative non c'è la voce "elaborati professionali originali svolti" o qualcosa del genere? Siamo ricercatori universitari? Perché non mettere in quanto faccio 12km? Quante vasche o quanti piegamenti faccio? Forse non rende, per la fiction.

Invece a Pescara (ma anche Abbasanta, ovvio) ci sono persone che ci credono, che ci provano, che sperimentano. Ovviamente, nello sperimentare si sbaglia, da qui, penso, la richiesta di riservatezza su certe procedure.

Detto questo, l'addestramento è indispensabile. Ma ormai mi sono stancato di scriverlo.  Io continuo ad applicare le regole di Pescara nei controlli che faccio, le propongo a chi non c'è stato e così fanno gli altri che tornano dal corso. Si tratta solo di professionismo, una parola che stentiamo a capire e la accettare.

Offline G.P.G. 3

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 17065
  • che te guardi...
« Risposta #62 il: 16 Agosto 2013, 13:30:53 »
Ho fatto anch'io Pescara nel 2005 (35° OCT). Professionalità validissime perdute nel deserto e di fatto la prova che questa Polizia sta morendo.


 Detto questo, l'addestramento è indispensabile. Ma ormai mi sono stancato di scriverlo.  Io continuo ad applicare le regole di Pescara nei controlli che faccio, le propongo a chi non c'è stato e così fanno gli altri che tornano dal corso. Si tratta solo di professionismo, una parola che stentiamo a capire e la accettare.

..oggi più che mai, addestarmento e professionalità ..... il "nemico", spesso, è alle spalle. Basilare per la propria incolumità.
« Ultima modifica: 16 Agosto 2013, 13:32:39 da G.P.G. 3 »
" Impunitas semper ad deteriora invitat "" Non esistono altezze troppo grandi,ma solo ali troppo corte. "

Offline echo3710

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 480
« Risposta #63 il: 16 Agosto 2013, 13:34:33 »
Watch your six.

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #64 il: 16 Agosto 2013, 17:23:18 »
Echo, io continuo a pensare che la Polizia muore (con grande goduria di molti, anche tra i presunti amici e con supremo menefreghismo di una parte consistente della Cittadinanza) proprio ricordando Pescara.

Ripeto, la professionalità degli operatori della Polgai è indiscutibile, ma senza continui aggiornamenti quella stessa competenza all'esterno è destinata fatalmente a perdersi.

Sì, certo... tu hai gli istruttori di tecniche operative al tuo stesso turno volanti (in privato mi fai saper dove presti servizio?) e ti ritieni soddisfatto di questo, non tutti però hanno questa fortuna. Certo, qualcuno si può pagare i corsi privati se non di tecniche operative, almeno di arti marziali e/o di tiro ma accade che qualche sciocco se deve scegliere tra palestra e mutuo e tra poligono e libri di scuola per i figli sia così poco lungimirante da scegliere di avere un tetto sulla testa e di dare un avvenire ai propri ragazzi.

Ribadisco: non dobbiamo essere noi a supplire alle carenze della Polizia, ma dovrebbe essere lei a mettere una pezza alle sue mancanze. Non è possibile che io debba pagarmi il poligono perchè la Polizia preferisce che io finisca ammazzato, piuttosto che farmi fare più di tre-quattro lezioni di tiro all'anno. Non è possibile che io non possa aggiornarmi sulle tecniche operative non dico mensilmente ma almeno semestralmente o al massimo annualmente. Non è possibile che  debba essere io ad acquistare del materiale essenziale per difendermi le chiappe, mentre la Polizia se ne strafrega.

Se poi vogliamo dirci quanto siamo bravi ad esserci acquistati i Crispi o i Magnum perchè le scarpe aziendali (almeno quelle delle vecchie forniture) erano programmate per decomporsi alla quinta pioggia oppure i bottoni dorati dell'atlantica in qualche negozio di articoli militari o i guanti in pelle perchè il VECA non voleva/poteva darceli, beh diciamocelo: siamo stati bravi (anche se c'è qualche eccesso, come quello del collega che si era fatto trasformare i pantaloni della divisa a zampa d'elefante  [36] [36] [36]) ma ammettiamolo,  lo abbiamo fatto per stato di necessità, per riuscire a sopravvivere sulla strada.

Però diciamoci la verità: quanto sta in salute una Polizia che coscientemente abdica al proprio ruolo, lasciando tutto alla buona volontà dei singoli?
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3997
« Risposta #65 il: 16 Agosto 2013, 17:29:48 »
.....ma che ti ridi per i pantaloni trasformati a zampa di elefante?? E' stato geniale!! [13] [13] [13]

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #66 il: 16 Agosto 2013, 17:37:22 »
No, è un mentecatto purosangue [04]. In servizio lo prendevo a calci nel deretano per tutti e quattro i turni tant'era geniale (Soldato.blu lo ricorda sicuramente).
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3997
« Risposta #67 il: 16 Agosto 2013, 17:41:45 »
 [09] [09].....ma solo per i pantaloni o per altro lo prendevi a calci??

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #68 il: 16 Agosto 2013, 17:45:46 »
Per altro su cui taccio per carità cristiana  [13]
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3997
« Risposta #69 il: 16 Agosto 2013, 17:51:40 »
...va be', non voglio sapere.
Certo che poveretto però, tu con quell'altro amico tuo a sfotterlo per i pantaloni, già vi immagino..... [09] [09] [09]

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #70 il: 16 Agosto 2013, 17:53:04 »
Ma quando mai!  :107: :107: :107:
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline echo3710

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 480
« Risposta #71 il: 16 Agosto 2013, 17:56:30 »
Dago, non confondiamo il mio privato modo di vivere e di essere, con la polizia in sé. Io non sono più bravo,  di nessuno, e anche se so che la tua ironia non è rivolta a me, io rispetto il collega che non può o non vuole  permettersi i Crispi da 180€ o i guanti Mechanix da 50€. Ci sono colleghi validissimi che operano perfettamente con i guanti da officina a 2,50€ il paio e gli anfibi simil magnum da 30€. Io rispetto un po' meno chi, per punto preso, o peggio per scusa bella e buona, dice "io non ho i guanti perché al  VECA non me li hanno dati, quindi quell'ubriaco non lo tocco". E ci siamo capiti.
Quanto al l'addestramento, non mi riferisco solo a quello istituzionale, cioe di scuola, ma proprio ad una mentalità. Ovvio che senza istruttori non puoi far nulla (l'addestramento non istituzionale non lo prendo proprio in considerazione per tante ragioni) ma almeno, partire sulle basi che tutti abbiamo, basi tecniche, operative, professionali,  riflettere sugli interventi, come farebbe un idraulico o un medico, un chiunque abbia un sapere pratico e teorico  da mettere in discussione. Lo facciamo? Io parlo da volante perché è la primissima linea, o l'ultimo baluardo :) e in volante lo facciamo in tanti. Come siamo entrati in quella casa? Come abbiamo coperto le porte, le uscite? Come abbiamo messo in sicurezza i soggetti? Errori errori errori, vengono fuori sempre, magari la volta dopo speriamo che non siano gli stessi.
Se sono qui, è per condividere questo punto di vista, magari trovare uno spazio comune, dove con tutte le differenze tra procure e questure possiamo dirci qualcosa e dire qualcosa anche all'esterno, in comune ;)