AutoreTopic: Perquisizione personale Aeroporto di Verona da parte di una GPG  (Letto 2713 volte)


Offline Siena Monza 10

  • Nuovo
  • *
  • Post: 5
  • La legge è uguale per tutti... ricordatelo!!!
« il: 13 Agosto 2013, 07:37:29 »
Chiedo a qualcuno di voi se vi è mai capitato di essere perquisiti (non sommario controllo, ma perquisizione vera e propria) dalle GPG presso gli aeroporti. A me è capitato allo scalo di Verona la scorsa estate. Una signorina dell'istituto di vigilanza in servizio ai varchi, mentre transitava mia moglie, siccome il metal detector continuava a suonare, in un primo momento le ha fatto togliere scarpe e cintura, poi le ha passato il metaldetector sul corpo, nel momento in cui ha individuato la provenienza del suono, le ha fatto allargare le braccia davanti a tutti ed ha cominciato a toccarla per perquisirla.
Mi sono immediatamente qualificato come ufficiale di P.G. e le ho intimato di toglierle le mani di dosso,  facendole notare che lei non poteva fare alcuna perquisizione e che non poteva mettere le mani addosso a nessuno e nel caso in cui avesse dovuto procedere, avrebbe dovuto chiamare un'appartenente delle forze dell'ordine. Lei irrigidita e spiazzata dal mio intervento mi ha risposto che stava solo facendo un sommario controllo, io le ho fatto notare quale fosse la differenza tra perquisizione e sommario controllo ripetendo che lei non aveva i requisiti per effettuare alcuna "perquisizione".
Lei continuava ad insistere con la sua tesi e mi invitava a discutere la questione con il suo responsabile, lo avrei fatto volentieri, ma siccome stavo per perdere il volo mi sono dovuto precipitare all'imbarco. Volevo un parere da voi e sapere se vi è mai capitato di assistere ad episodi simili.

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 19037
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #1 il: 13 Agosto 2013, 07:50:51 »
...nei nostri aeroporti è gia tanto se ti guardano ! Non mi pare di essere mai stato perquisito in Italia....in compenso all'estero ti fanno di tutto, compreso perquisire mio figlio di 14 anni con pantaloni corti e tshirt, non si capisce bene cosa suonasse e cosa cercassero, forse pensavano che avesse qualcosa sotto la pelle !!  [13] [13] [13]
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

Offline Siena Monza 10

  • Nuovo
  • *
  • Post: 5
  • La legge è uguale per tutti... ricordatelo!!!
« Risposta #2 il: 13 Agosto 2013, 08:30:20 »
hai ragione, ma sicuramente è molto grave che episodi come questi accadano spesso negli aeroporti, si tratta in ogni caso di perquisizioni arbitrarie e soprattutto illecite, considerando che gli scali sono da sempre presidiati da nostro personale che ha le tutte facoltà di procedere a tali atti di P.G. che limitano la libertà personale dell'individuo e che pertanto sono regolamentati da apposite normative.

Offline echo3710

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 480
« Risposta #3 il: 13 Agosto 2013, 08:55:09 »
Questa è sempre stata una questione tipicamente italiana. Ed una polemica inutile. Qual'è il problema? Per me, i controlli di sicurezza negli aeroporti non sono mai abbastanza. E ho osservato più educazione e professionalità in tante gpg che in certi colleghi. :)

Offline Siena Monza 10

  • Nuovo
  • *
  • Post: 5
  • La legge è uguale per tutti... ricordatelo!!!
« Risposta #4 il: 13 Agosto 2013, 09:45:54 »
Questa è sempre stata una questione tipicamente italiana. Ed una polemica inutile. Qual'è il problema? Per me, i controlli di sicurezza negli aeroporti non sono mai abbastanza. E ho osservato più educazione e professionalità in tante gpg che in certi colleghi. :)

Mi permetto di dissentire, il problema non è l'educazione delle GPG, ben venga per tutti, il problema è che loro non sono soggetti giuridicamente autorizzati ad effettuare le perquisizioni personali, ricordo che tutti gli operatori delle forze dell'ordine se operano perquisizioni al di fuori dei casi consentiti dalla legge, possono essere perseguibili. Quindi facciamo attenzione a non confondere professionalità ed educazione con il rispetto della normativa vigente.  :115: