AutoreTopic: Marijuana e coinquilini  (Letto 11922 volte)


Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 19059
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #50 il: 21 Settembre 2013, 10:27:21 »

Citazione


http://www.lagoccia.eu/cronaca/14199-norcia-beccato-in-casa-mentre-innaffiava-piante-di-marjuana-arrestato-40enne-del-posto.html

Norcia, beccato in casa mentre innaffiava piante di marijuana: arrestato 40enne del posto
Venerdì 20 Settembre 2013 17:24 | Scritto da Redazione | E-mail
Cronaca   

E' stato visto irrigare una decina di piante di marijuana, ben nascoste tra la vegetazione di altro tipo, all'interno del giardino di casa. Per questo motivo un 40enne di Norcia è stato arrestato dai carabinieri che hanno così portato a termine una lunga ed articolata attività d'indagine. L'uomo, nullafacente, era già noto alle forze dell'ordine per alcuni precedenti relativi all'abuso di alcolici. A seguito della perquisizione domiciliare, sono stati inoltre trovati e sequestrati numerosi semi delle stesse piante, svariate munizioni da guerra e una baionetta.





Citazione

http://www.umbria24.it/perugia-sorpreso-a-coltivare-marijuana-nelle-campagne-di-rancolfo-arrestato-21enne/206615.html

Perugia, sorpreso a coltivare marijuana nelle campagne di Rancolfo: arrestato 21enne

Il giovane perugino innaffiava quattro piante alte un metro: i carabinieri chiamati dai cittadini. Il giudice lo lascia libero
Perugia, sorpreso a coltivare marijuana nelle campagne di Rancolfo: arrestato 21enne
MULTIMEDIA
Guarda le foto

Innaffiava le sue quattro piante di marijuana nelle campagne di Rancolfo, un 21enne perugino sorpreso e arrestato dai carabinieri.

La Fotogallery

Coltivatore di erba I militari di Ponte Pattoli sono intervenuti per le segnalazioni dei cittadini della zona. Il giovane, con piccoli precedenti è stato arrestato con l’accusa di coltivazione e detenzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti e porto abusivo di coltello. Le piante erano alte circa un metro. Dopo la successiva perquisizione personale e domiciliare, i carabinieri hanno sequestrato 3 grammi di hashish e un coltello a serramanico. L’arrestato è stato, però, rimesso in libertà dal giudice in attesa del processo, non essendo riscontrate esigenze cautelari.
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

Offline HicManebimus

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 211
  • Venir s'en dee giù tra ' miei meschini...
« Risposta #51 il: 22 Settembre 2013, 18:45:25 »
Dilettanti...
Citazione
Maxi piantagione di cannabis: un arresto e 2 denunce - Ft

    Lunedì, 16 Settembre 2013 12:13
    dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
    Stampa
    Email
    Add new comment   

C'era una maxi piantagione di marijuana in mezzo agli ulivi: circa 90 piante, alcune ancora nei vasi, e altre interrate, in qualche caso alte più di un metro. Una coltivazione record, scoperta venerdì dai carabinieri che a bordo dell'elicottero dell'Arma hanno sorvolato le colline lucchesi, nell'ambito di un servizio mirato. Con sorpresa, i militari hanno notato proprio in mezzo ad un oliveto di Matraia la canapa indiana, decine di piante, nascoste tra la vegetazione ma che dall'alto erano inconfondibili. La svolta è giunta tuttavia soltanto stamani (16 settembre), quando all'alba i militari appostati in zona dal momento della scoperta della piantagione sorprendono un uomo a curare le piantine, facendo scattare il blitz. In manette è finito Daniele Sartini, 39 anni, arrestato in flagranza nell'oliveto in locali Sacconi, dopo i militari hanno sequestrato la piantagione. Per l'accusa, sarebbe stato lui ad occuparsi della coltivazione illegale, allestendo nella sua casa di Monsagrati una vera e propria coltivazione indoor, con tanto di serra ed essiccatoio.

Lo hanno scoperto i carabinieri del radiomobile della compagnia di Lucca, diretti dal capitano Lorenzo Angioni, e i militari della stazione di Ponte a Moriano che questa mattina hanno perlustrato l'intera zona, trovando anche un altro essiccatoio improvvisato all'interno di un fondo nei pressi della piantagione. Qui, gli investigatori hanno trovato gli strumenti rudimentali per ricavare marijuana dalle foglie della canapa indiana e hanno denunciato il proprietario del terreno, insieme al figlio, accusando entrambi di coltivazione illegale di piante con effetti stupefacenti. Nei guai sono finiti un pensionato di 73 anni e il figlio quarantenne, entrambi della zona.
FOTO - Il blitz dei carabinieri a Matraia

   
Tutto è cominciato venerdì mattina. Un elicottero dei carabinieri si leva in volo per perlustrare la Lucchesia e le sue colline. L'obiettivo è il contrasto della criminalità, ma la vera sorpresa è arrivata quando l'elicottero ha raggiunto la zona di Matraia. I carabinieri hanno subito notato, tra gli ulivi, delle piante sospette e hanno voluto vederci meglio. Avvicinandosi, non hanno più avuto dubbi: si trattava di decine di piante di cannabis. Così, i militari si sono nascosti nelle vicinanze e hanno atteso tra gli ulivi. Dopo tre giorni di appostamenti è giunta la svolta. All'alba di stamani, stando alla ricostruzione dei carabinieri, si presenta Daniele Sartini. Raggiunge la piantagione, ma viene bloccato dai militari che fanno scattare le manette. In mattinata prosegue la perlustrazione dell'area: i militari trovano altre piantine, in tutto una novantina, e poi scoprono l'essiccatoio nel fondo annesso all'oliveto. In una stanza trovano gli attrezzi per essiccare la marijuana e denunciano anche il proprietario e il figlio. Secondo quanto ricostruito, i due avrebbero dato in gestione il terreno al 39enne che si sarebbe poi preso cura delle piantine. Il blitz scattato nell'abitazione di quest'ultimo ha portato i militari alla scoperta di una vera e propria serra realizzata in una parte della casa, in cui venivano fatte crescere le piantine, poi sistemate in vasi o sistemate nel terreno. In un'altra area i carabinieri hanno scoperto anche un essiccatoio e lampade per far crescere rigogliose le piantine di cannabis. Piante da cui nel complesso si sarebbero potuti ricavare quasi 120 chili di marijuana, per un valore sul “mercato” illegale della droga di quasi 700mila euro.
FOTO - La “serra” scoperta dai carabinieri 

Per la cronaca, i proprietari del terreno sono stati denunciati mentre il tipo ha patteggiato un anno ed è stato rimesso in libertà.
Optime.

bope

  • Visitatore
« Risposta #52 il: 05 Ottobre 2013, 08:52:58 »
mettigli del diserbante nel vaso e vivi tranquilo

Offline G.P.G. 3

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 17065
  • che te guardi...
« Risposta #53 il: 05 Ottobre 2013, 14:55:18 »
mettigli del diserbante nel vaso e vivi tranquilo

...... bella ...cosi quando se la fumano vedono i tirannosauri sulle pareti .....  [09]
" Impunitas semper ad deteriora invitat "" Non esistono altezze troppo grandi,ma solo ali troppo corte. "