AutoreTopic: Stringere un legame affettivo con un poliziotto, è davvero cosi difficile?  (Letto 67 volte)


Offline mikipg

  • Nuovo
  • *
  • Post: 8
« il: 30 Dicembre 2013, 15:07:13 »
Buonasera,
Vorrei affrontare con voi un tema che ritengo poco dibattuto in questo forum, che è anche il motivo che mi ha spinto da un paio di mesi a questa parte ad avvicinarmi ad un sito come questo frequentato da Poliziotti, ovvero l'istaurazione di un rapporto affettivo fra il comune cittadino e fra il comune cittadino appartenente alle Forze dell'Ordine.

Mi scuso fin da subito se la mia storia vi sembrerà "strana" sotto certi aspetti, ma su certi argomenti preferisco il "lasciar intendere" al "dire apertamente".

Circa 1 anno fa conosco in un locale un ragazzo di 25 anni, mi si presenta come "impiegato statale", io mi presento come "ingegnere" e le nostre discussioni sul lavoro svolto finiscono qui.
Nel tempo fra di noi si è instaurato un forte "rapporto speciale", inizialmente per la sua "particolarità" c'era molta diffidenza nell'aprirsi da parte di entrambi, ma con il passare dei mesi le confidenze sono state sempre maggiori e anche le uscite insieme, così non ho potuto non notare i suoi frequenti turni notturni, la sua frequente irreperibilità durante il lavoro ecc ecc.

Cosi circa 3 mesi fa, quando gli ho chiesto apartamente se dopo 9 mesi c'era ancora qualcosa che non mi dicesse (vista la mia completa trasparenza) mi ha detto di essere un poliziotto e di non avermelo detto prima, nonostante il nostro rapporto, perchè si sentiva in colpa ad avermi "mentito" in un certo senso e non sapeva come  l'avrei presa.

Io ho compreso le sue motivazioni di riservatezza, infatti probabilmente anche io se avessi svolto un lavoro cosi "particolare" farei la scelta di tacere in certi ambienti, dopo tutto non si sa mai chi si conosce e non tutte le conoscienze portano effettivamente ad un amicizia o a un rapporto affettivo in genere.

Il problema però è che mi sono totalmente bloccato. Sono 3 mesi che non riesco più a comportarmi allo stesso modo, quando esco in discoteca con lui prendo una bottiglietta d'acqua, se si esce in macchina insieme anziche vedermi fare i soliti parcheggi assassini con tanto di suo commentino [65] giro ore ed ore per trovarne nemmeno uno libero, ma due accoppiati chenon si sa mai   [60] e tante altre cose che non sto qui ad elencarvi ma che per quanto possano sembrar comiche hanno creato una strana situazione.

Perchè è chiaro, in un rapporto "forte" in cui ci si vede tutti i giorni certe cose si notano. Vedo che ha capito che da quel giorno sono cambiato nei suoi confronti e vedo anche che ne soffre molto. Me ne ha parlato tante volte, io ovviamente ho sempre sviato adducendo a un semplice stress dettato da una mia situazione lavorativa particolarmente impegnativa di questo periodo (cosa neanche tanto vera, visto che lavorando nell'edilizia sono sotto calma piatta, tristemente), ma non riesco a farci niente.

Ho sempre stimato le Forze dell'Ordine per quello che fanno, non ho mai avuto nessun problema con loro (per fortuna), ma non so perchè ne subisco una forte soggezione. Non riesco più a vederlo come prima, non riesco più ad essere me stesso. Mi rendo conto che sto cercando, inconsciamente, di allontanare questa persona per me estremamente importante con ogni mezzo.

E' stupido, me ne rendo conto. Ma il lavoro che svolge ha innescato in me un processo mentale terribile per cui mi sento sempre sotto osservazione e ogni battuta diventa per me una tragedia.

Tralasciando la "particolarità" della situazione, è mai successo anche ad alcuni di Voi di essere stati allontanati solo perchè per lavoro portate una divisa?

Davvero mi rendo conto che sto facendo una grossa cazzata, perchè certi rapporti in certi ambienti sono più unici che rari, non è successo niente di male fra noi per dover arrivare a questo. Ma proprio non ce la faccio e per quanto mi impegni mi sembra tutto inutile. Avevo pure un dubbio riguardo l'assicurazione e neanche gli ho chiesto niente, proprio perchè più lo identifico come poliziotto e più in un certo senso mi sento in soggezione.

Scusatemi molto per aver approfittato di questo spazio, ma non sapevo come fare e a chi chiedere consiglio garantendo l'anonimato di tutti.

Grazie