AutoreTopic: un parere vostro per fa vore grazie  (Letto 5610 volte)


Offline fatality

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 658
« Risposta #25 il: 16 Aprile 2014, 14:09:15 »
pacificatore non discutevo il fatto che al poliziotto che applica la legge interessi o meno della sorte della persona sanzionata.
personalmente più spesso di quanto tu possa pensare, mi dispiace sanzionare qualcuno amministrativamente o penalmente.
ma sono cosciente che il compito che ho deciso di assumere indossando questa divisa non è di tipo caritatevole ed il perdono giudiziario non è tra le mie facoltà.

è in mio potere però trattare umanamente chi sbaglia ma non è nelle mie facoltà rimettere in circolazione sulla strada una persona che dagli accertamenti risulta non essere in regola con le norme sulla guida sotto l'influenza di alcolici o stupefacenti.

quando invece questa discrezione c'è, ti assicuro per farti un esempio che più di una volta capita di pagare di tasca propria alla commessa o al commerciante (eh si proprio noi sbirracci cattivoni. quelli che per te sono pronti a sparare su uno studente con la sciarpa per intenderci, appena una norma lo consenta) della merce rubata da un povero cristo.

quello su cui appunto restavo basito è che tu pensassi appunto che:"se un giorno verrà fuori una legge che potranno sparare a chiunque abbia il volto bendato stai sicuro che un quattordicenne con la sciarpa fermo alla stazione per il bus lo fanno secco senza problemi! "

ecco questo esempio lo restituisco al mittente perchè appunto non ci sta ne in cielo ne in terra.

in italia esiste una costituzione, parte della quale prevede l'impossibilità di emettere leggi di questo calibro.


Offline fatality

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 658
« Risposta #26 il: 16 Aprile 2014, 14:14:05 »
riguardo la necessità di cambiare le leggi che reputiamo non adeguate, ognuno di noi ha i canali democratici per far sentire la propria voce.

sapessi quante leggi che reputo assurde mi tocca di applicare...


Offline Giancarlo

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 615
« Risposta #27 il: 16 Aprile 2014, 14:22:16 »
Per Cleanhead le leggi sono tutte da rispettare inesorabilmente, salvo il "guidare troppo vicino" cioè il non rispettare le distanze di sicurezza, Quella non è da rispettare secondo lui. Lo fanno solo gli sprovveduti come me.  E forse anche il non intimidire il prossimo, specie quando si indossa una divisa. Queste leggi non sono da rispettare!


Offline Pacificatore

  • Nuovo
  • *
  • Post: 30
« Risposta #28 il: 16 Aprile 2014, 17:08:33 »
beh giancarlo... la distanza di sicurezza è relativa... è la stessa questione dell'alcool... perché se hai riflessi sovrumani se uno a 10 metri inchioda tu fai lo stesso! ovviamente, se è per legge beh... è da rispettare... ma tieni conto del fatto che in colonna o nella fase a fisarmonica dell'arrivo e partenza dal semaforo sono cose impensabili da rispettare... anche se il veicolo è pur sempre in movimento ma dubito qualcuno stia sempre ai metri indicati... anche perché le auto non essendo dotate di misuratori istantanei come la stabilisci con esattezza la distanza?! :)
Per quanto guarda l'intimidazione beh... secondo me deve dipendere da soggetto a soggetto.. se ti trovi davanti il tipico muso da delinquente (che tra l'altro è soggettiva come cosa) essere sul diffidente o sempre allerta è buona cosa... se poi è prassi essere intimidatori beh... lo trovo alquanto sbagliato.. alla fine non porta da nessuna parte l'intimidazione se non a farsi odiare.. Il rispetto lo ricevi in ben altri modi... Poi c'è carattere e carattere.. il fare intimidatorio magari è proprio perché è la persona così di suo.. alla fine le forze dell'ordine sono persone comuni come tutti noi...

@fatality: so bene che in un paese come questo fortunatamente c'è una costituzione che impedisce la promulgazione di certe leggi.. ed è anche vero che in effetti se dovesse mai succedere una cosa del genere penso ci sarebbe un ammutinamento del personale.. ma ci sarebbe anche chi eseguirebbe l'ordine.. magari per la polizia è un po' diverso, ma un corpo dell'arma come i carabinieri, essendo "ligi al dovere" devono obbedire! Come anche tu stesso hai detto.. molte volte ti è capitato di dover far rispettare quella tal legge che non apprezzi, ma lo devi fare! con questo non voglio dire che tu faccia male anzi, è il tuo lavoro... un po' come dire che io lavorando in un negozio non vendo merce a qualcuno solo perché non mi piace, è il mio lavoro e devo farlo! :) detto ciò, l'esempio era forse troppo irrealistico! :D facciamo che accetto il ritorno al mittente e cestiniamo! :)
per quanto riguarda il farsi sentire beh si, è possibile.. ma il fatto è che anche raccogliendo 500k firme per un referendum riguardo qualcosa non sempre poi si attua.. (come fu tempo fa per i tagli degli stipendi parlamentari) firme raccolte e tutt'ora nulla di fatto.. colpa della lentezza della burocrazia? dimenticatoio? mah! per certe leggi ci sono anche associazioni che combattono che sono sicuramente più forti di me ma anche loro vengono ampliamente ignorate! :)

PS, il fatto di aver pagato la spesa ad un povero disgraziato beh, ti fa onore, magari fossero tutti come te (ovviamente una cosa sporadica, purtroppo non ci sono troppi soldi da buttare oggi come oggi)! Io personalmente non ho mai chiamato forze dell'ordine per un taccheggio irrilevante, come chi povero si è rubato una sola stecca di cioccolata o si è intascato una carota.. chiudo un occhio e al massimo scarico io come autoconsumo (anche questi casi sporadici).. ovviamente se sono ragazzini o persone visibilmente benestanti che fanno i furbi gli fermo subito e li caccio dal negozio.. :) e non sai quanti finti barboni (e dico finti perché girano con un mercedes o hanno stampelle e la sera gli vedi camminare perfettamente) ho cacciato minacciando di chiamare i carabinieri che aimè alcune volte ho dovuto fare! :)
« Ultima modifica: 16 Aprile 2014, 17:15:32 da Pacificatore »

Offline fatality

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 658
« Risposta #29 il: 17 Aprile 2014, 10:18:55 »
ok pacificatore.
tolto quell'esempio che reputavo fuori luogo per il resto il tuo ragionamento è ampiamente condivisibile.

resta il fatto che in uno stato di diritto positivo la legge reputata ingiusta dal singolo, se non tange i diritti fondamentali su cui è basato l'impianto costituzionale dello stato in cui si vive, va comunque rispettata e fatta rispettare da chi è chiamato a farlo.

e sono perfettamente daccordo con te che cambiare una legge mediante iniziativa popolare o referendum sia alquanto difficile, ma la democrazia è anche questo.
decide la maggioranza dei parlamentari votati da noi alle elezioni.
sta a noi votare bene.

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3990
« Risposta #30 il: 17 Aprile 2014, 10:21:48 »
Sta a noi votare bene.....
Si' capirai....tra tutti.....

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 19037
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #31 il: 17 Aprile 2014, 11:35:26 »
sta a VOI votare....io è da un pezzo che ho mollato.. [13] [13] [13]
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

Offline fatality

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 658
« Risposta #32 il: 17 Aprile 2014, 11:54:17 »
Signori questa e' la democrazia.

E non e' che i sistemi "diversi" abbiano storicamente fornito progresso e ricchezza superiori

Offline Braveheart

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 294
« Risposta #33 il: 15 Aprile 2015, 22:08:47 »
Mi scuso se riesumo un vecchio topic, ma ne vorrei parlare perché il disagio del nostro amico l'ho vissuto anch'io.

Dal 2010 fino a metà 2011 non ho potuto guidare la macchina perché non potevo pagare l'assicurazione, quindi la patente mi serviva giusto per riconoscimento. Io so cosa significa dover rinunciare al lavoro perché è fondamentale essere automuniti per alcuni tipo di lavori (te lo chiedono espressamente), o in certi casi quel luogo di lavoro non si può raggiungere perché no collegato con i mezzi o collegato malissimo. Io stesso mi sono visto negare diverse opportunità lavorative per via di questo problema. Per fortuna non abitavo cmq in un posto proprio sperduto, il modo di arrivare a Roma centro c'era, e quindi ho potuto pure lavorare per un periodo di tempo senza macchina.

Vivere felici senza patente? Si può, certo, ma non in Italia, dove sappiamo tutti come funzionano i mezzi pubblici. In un paese come l'Inghilterra è fattibilissimo, perché i mezzi funzionano alla perfezione, a tutte le ore e con un'efficienza invidiabile. E questo da una parte fa comodo, perché una macchina in ogni caso costa. Ma qua in Italia, a meno che non abiti al centro di una grande città, è un macello.

Io spero che il nostro amico abbia risolto i suoi problemi e ora guardi alla vita più serenamente.

Offline fatality

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 658
« Risposta #34 il: 20 Aprile 2015, 11:58:38 »
mi associo alle speranze di risoluzione dei problemi per stefanello.

comunque il fatto che senza patente sia più complicato lavorare e godersi la vita, deve essere un motivo in più per evitare i comportamenti che determinano la sospensione o la revoca della stessa.

Offline Braveheart

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 294
« Risposta #35 il: 20 Aprile 2015, 16:48:15 »
certamente.