AutoreTopic: Truffa dei vestiti  (Letto 1254 volte)


Offline Luckyshot60

  • Nuovo
  • *
  • Post: 2
« il: 01 Febbraio 2015, 12:20:29 »

Ciao
vi scrivo per raccontarvi quanto mi è capitato in un area di servizio austriaca, precisamente la Trofana, un pò di km prima di Innsbruck.
Arrivo, parcheggio l'auto ed immediatamente vengo salutato da due persone in auto di bella presenza che mi dicono: ue, ma guarda qua chi si vede, come stai ? ..ed io: ma chi siete, ed uno di loro: non ti ricordi ci siamo incontrati a Milano con il tuo amico Fabio, ed io forse per la stanchezza accetto l'eventuale conoscenza alla quale non ricordo, comunque questo tizio va a parcheggiare l'auto a finco della mia, e mi comincia a dire che mi regala un abito, perché visto il cambio dll'euro con franchi svizzeri, (visto che deve entrare in Svizzera), non gli conviene e quindi mi dice che va a regalarmi un abito del valore di 1000 Euro, io lo prendo poi ne tira fuori altri 2...3...4, e alla fine di tutto ciò mi chiede 7/800 Euro. Io mi sbigottisco un pò visto che prima vi diceva che erano gratis...
Al primo momento dopo aver visto e provato uno degli abiti non mi sembrava neanche strana la cosa, e lui per incentivarmi ancora di più mi da un cappotto che mi dice vale in boutique dai 2500 ai 3000 Euro, io c......e accetto e gli dò quanto richiesto ca 700 €.
Pensando di aver fatto un affare, perché gli abiti non sono poi neanche male, dò un occhiata su internet e purtroppo vedo che la mia situazione si è già presentata ad altri, con grande malumore per come sono cascato nella trappola senza neanche irritarmi o evitare di continuare il colloquio con questo tipo o ritornargli quanto offerto.
Quindi, sulla mia esperienza di m....state veramente attenti a questi manigoldi e schifose persone senza scrupoli. anche se la colpa maggiore è mia....ciao

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 19037
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #1 il: 01 Febbraio 2015, 13:10:55 »
.... [69]  [69]  [69] poi non lamentiamoci che i truffatori prosperino.
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

Offline Luckyshot60

  • Nuovo
  • *
  • Post: 2
« Risposta #2 il: 01 Febbraio 2015, 16:27:09 »
Ciao
hai pienamente ragione per quanto dici, e ne sono conscio, purtroppo mi ha raggirato in un modo al quale anch'io dopo il fatto sono rimasto veramente amareggiato, anche se devo dire che i vestiti (di provenienza ambigua) sono molto belli ... almeno qualcosa mi è restato (magra soddisfazione)
ciao

Offline WebCop

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 11748
  • Meglio Sardo...che male accompagnato :-D
    • www.webcop.it
« Risposta #3 il: 05 Febbraio 2015, 23:53:57 »
Di storie come le tue ne conosciamo a migliaia. Certi personaggi sono abilissimi, non ti crucciare e non fartene una colpa. Magari, ecco, fai tesoro dell'esperienza per non farti gabbare di nuovo in futuro.
Chi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, così facendo, un mostro. E se tu scruterai a lungo in un abisso, anche l'abisso scruterà dentro di te. (F.Nietzsche)

Offline lucivis

  • Nuovo
  • *
  • Post: 36
« Risposta #4 il: 24 Febbraio 2015, 23:22:58 »
 questa storia mi ricorda qualcosa che si verificò negli anni 88-90 (eravamo teenager) quando dei tipi, che conoscevo per amicizie comuni, avevano in 'mano' diverse decine di paia di scarpe Timberland. In quegli anni la Timberland non era comune come oggi nei negozi tanto che alcuni compagni di scuola, di rango, si vantavano del fatto che le loro scarpe provenivano proprio dagli USA, magari regalate da parenti o ricordo di viaggio di familiari, si usava...
Dicevo delle scarpe a iosa che sti tipi cercavano di piazzare, furono proposte anche a me, ma data la sicura provenienza furtiva i miei genitori mi fecero capire che se le scarpe fossero entrate in casa sarebbero rimaste senza piedi da vestire  [38]
 a quanto pare i tempi passano ma le mode furfantesche restano.

 Invece a proposito di piazzole di sosta austriache, fermandoci in una per fare gasolio e pipistrellate di contorno abbiamo notato dei baldi italiani con una Uno, (2 anni fa, ancora le Uno esistevano???? boh)  che faceva fatica ad accendersi. Risolvevano l'impiccio a loro modo andando alla ricerca di un'altra auto, più giovane, da far partire senza la chiave nel parcheggio adiacente.......cap isce amme'  [08]