AutoreTopic: Truffe agli anziani, l'appello della Polizia  (Letto 604 volte)


Offline G.P.G. 3

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 17065
  • che te guardi...
« il: 07 Marzo 2015, 09:49:16 »

Truffe agli anziani, l'appello della Polizia


Non accennano a diminuire le truffe ai danni degli anziani: l'ultimo a Casale Monferrato, dove una donna è stata derubata di 400 euro. La Polizia rinnova l'appello: non fidatevi degli sconosciuti e, in caso di dubbio, chiamate le forze dell'ordine

CRONACA -  L'ultimo episodio segnalato risale ad appena qualche giorno fa, a Casale Monferrato: una donna anziana, lungo il percorso che conduce dalle Poste alla sua abitazione, è stata avvicinata da due persone, un uomo ed una donna, a bordo di un’autovettura di colore grigio che, con “grande cortesia” le hanno offerto un passaggio fino a casa. La donna ha ingenuamente accettato e, giunta nei pressi della sua abitazione, una volta uscita dall’auto, si è accorta che le erano state sottratte 400 euro dalla borsa.
 E' sempre alta l'attenzione della polizia di Stato per prevenire e reprimere il fenomeno delle truffe ai danni dei soggetti più deboli, in particolare degli anziani.
 L'invito è sempre quello di non fidarsi degli sconosciuti.

 Capita spesso, infatti, che persone anziane, “facili prede” per i truffatori, vengano raggirate e derubate di tutti i loro averi, compresi quelli che, oltre ad un ingente valore patrimoniale, rivestono un valore ancor più grande dal punto di vista affettivo.
 Queste persone vengono, dunque, depauperate, con inaudita violenza psicologica, dei loro ricordi, dei loro affetti, la cui restituzione risulta alquanto difficile da parte di chi è deputato a recuperare la refurtiva.
 Questo accade, il più delle volte, a persone sole che, sia pure con il solo intento di scambiare due chiacchiere, si lasciano avvicinare da chi, fingendo di essere un operatore Amag o Enel o, ancora, un appartenente alle Forze dell’Ordine o, semplicemente, una persona apparentemente gentile che vuole aiutarle ad attraversare la strada o a portare le borse della spesa o, come nel caso appena descritto, darle un passaggio in auto, subito dopo, le spodestano dei loro averi.

Pertanto, la Polizia di Stato, nel contesto dell’attività di informazione e prevenzione rivolta alla cittadinanza, rinnova l’appello affinché si faccia attenzione. Ecco qualche semplice regola da seguire:
  - non aprire la porta agli sconosciuti, neppure se vestono l’uniforme o dichiarino di essere dipendenti di aziende pubbliche, seppur muniti di cartellino identificativo o di tesserino;
 - non lasciarsi avvicinare, per strada, da chicchessia e di non rivelare notizie sui propri familiari, sulla propria abitazione o, peggio, sul luogo in cui nascondono il denaro o gli oggetti preziosi;
 - fare attenzione quando si usa il bancomat o quando ci si reca in posta o in banca per prelevare denaro e, nel caso in cui ci si senta osservati o seguiti, si raccomanda di entrare in un esercizio commerciale in modo tale da non restar soli;
 - digitare i numeri “113” e “112” qualora si abbia un qualunque sospetto. I numeri sono gratuiti e la tempestiva segnalazione eviterà che sia perpetrato il reato e, grazie al conseguente tempestivo intervento della volante di zona, assicurerà alla giustizia il malvivente;
 - dotare, ove possibile, la propria abitazione o l’esercizio pubblico di cui si è proprietari o gestori, di un impianto di allarme e/o di videocamere, collegati al proprio telefono cellulare o alle centrali operative delle Forze dell’Ordine.
 La Polizia di Stato di Alessandria proseguirà tale campagna informativa attraverso una serie di incontri, a cura dei Poliziotti di Quartiere, che si terranno, nelle prossime settimane, all’interno dei circoli, punto di ritrovo degli anziani, sia in centro che nella periferia di Alessandria.
 Il calendario degli incontri programmati sarà comunicato, mensilmente, agli organi di stampa ai quali la Polizia di Stato chiede, sin da ora, la massima diffusione dei consigli all’uopo forniti affinché i cittadini si sentano più sicuri ed ancora una volta diciamo: “attenti alle truffe”!

7/03/2015

Redazione - redazione@alessandrianews.it

http://www.alessandrianews.it/breaking-news/truffe-anziani-l-appello-polizia-104506.html
" Impunitas semper ad deteriora invitat "" Non esistono altezze troppo grandi,ma solo ali troppo corte. "

Offline kronos

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 1494
« Risposta #1 il: 04 Aprile 2015, 17:49:31 »
Questo è uni dei reati più infami che possano esistere, intanto tutti gli scenziati che ci governano lo ritengono un reato "minore".
Conclusione: non si pagano oramai i reati gravi, figuriamoci i cosiddetti reati minori.

Offline Jason

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3999
« Risposta #2 il: 04 Aprile 2015, 18:22:43 »
....ti credo che lo considerano un reato minore, sono loro i primi a truffare gli anziani con pensioni da fame...
Meglio morire in piedi, che vivere una vita in ginocchio.