AutoreTopic: Nuove dipendenze, i genitori chiedono aiuto  (Letto 1550 volte)


Offline G.P.G. 3

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 17068
  • che te guardi...
« il: 28 Maggio 2015, 15:59:28 »

Nuove dipendenze, i genitori chiedono aiuto


L'esigenza di parlare di ciò è emersa da un centinaio di questionari distribuiti tra chi ha figli alle medie
28.05.2015
Vecchie e nuove droghe, bullismo e internet: sono i delicati temi al centro dell'incontro di oggi, alle 20.30, all'auditorium delle elementari di Negrar. Si rivolge a genitori, professori, educatori e adulti in genere. È organizzato dagli assessorati alla Cultura e ai Servizi sociali del Comune, dalla biblioteca, dall'associazione Nadia onlus e dalla Polizia di stato. All'incontro, a ingresso libero, interverranno: il poliziotto scrittore Gianpaolo Trevisi, direttore della Scuola di polizia di Peschiera del Garda; il responsabile del Settore Dipendenze dell'Ulss 22 di Bussolengo, Camillo Smacchia; il web specialist Loris Castagnini. Li introduce il presidente di Nadia onlus, Luciano Vanti.
L'amministrazione comunale, infatti, ha aderito alla campagna di sensibilizzazione sulle nuove dipendenze «Sceglia la libertà», promosso da Nadia onlus in molti comuni veronesi. «Nei mesi scorsi sono state distribuite agli studenti copie del “Decalogo per le famiglie sulle Nuove Dipendenze”, preparato dall'associazione con Trevisi e la polizia», spiega l'assessore alla Cultura, Camilla Coeli. «Il decalogo ha raggiunto già 13 mila studenti veronesi», fanno sapere da Nadia onlus. Tratta di droghe di ultima generazione, bullismo a scuola, in strada e sui social network, gioco d'azzardo e alcolismo, alcuni dei quali saranno messi a fuoco oggi.
Il tema della serata, in ogni caso, è stato scelto in base alle risposte emerse dal sondaggio effettuato tra i genitori con figli alle medie. Hanno risposto un centinaio di mamme e papà e, tra i problemi che più li preoccupano hanno indicato al primo posto «Giovani e droghe di ultima generazione»; quindi per «Navigazione in internet e protezione dei minori on line», «Bullismo e cyber bullismo», «Alcool e giovani» e «Ludopatia e gioco d'azzardo on line».
Tutti temi scottanti, che a Negrar sono stati affrontati anche nei mesi scorsi grazie al progetto «Bimbi in rete», promosso sempre dal Comune in stretta collaborazione con l'Associazione Genitori Negrar, e durante gli incontri contro la violenza sulle donne organizzati con il Telefono Rosa e altre associazioni. Molto partecipato, su questo fronte, l'appuntamento del 15 maggio in sala civica di villa Albertini, ad Arbizzano: una decina di psicologhe, psicoterapeute e assistenti sociali hanno parlato con il cuore in mano di relazioni sane e malate, di stereotipi e casi concreti, come pure di bullismo e pericolo di comportamenti violenti nei giovanissimi. «Dobbiamo e vogliamo favorire sempre più un clima di dialogo, approfondimento e aiuto su questi temi che riguardano relazioni ed educazione, toccando da vicino ragazzi e famiglie, donne e uomini», precisa l'assessore Coeli. Concludono i volontari di Nadia onlus: «Formare e prevenire comportamenti errati significa educare i giovani perché diventino adulti responsabili. Ma anche le famiglie devono trovare il coraggio di chiedere aiuto per trovare soluzioni».C.M.

http://www.larena.it/stories/2619_negrar/1187196_nuove_dipendenze_i_genitori_chiedono_aiuto/
" Impunitas semper ad deteriora invitat "" Non esistono altezze troppo grandi,ma solo ali troppo corte. "

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #1 il: 02 Luglio 2015, 12:12:59 »
Sembra un convegno estremamente interessante e di certo è molto importante specie di questi tempi. Una sola domanda : Ma che quarzo è uno "web specialist"?
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 18992
  • Utente Desindacalizzato
« Risposta #2 il: 02 Luglio 2015, 12:47:55 »
Probabilmente é uno che voleva dire qualcosa ma non aveva nessun titolo per presentarsi e allora visto che sta molto su internet ha pensato web specialist !
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale.
„Za wolność waszą i nasza”
Credo in un solo Dio.
Cleanhead 6969-06 (così è contento Manconi)

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3968
« Risposta #3 il: 02 Luglio 2015, 13:02:36 »
....e' una nuova figura....si tratterebbe di chi cura la comunicazione su internet tra imprese e vari altri soggetti.

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #4 il: 02 Luglio 2015, 22:10:52 »
Va tutto bene, ma se questa figura veniva definita  "specialista" o "esperto" o qualsiasi altro idoneo termine in  lingua italiana cascava un altro meteorite sullo Yucatan?

Sarò, anzi sono, all'antica ma questo abuso di termini stranieri mi fa cadere le parti sporgenti...

"Oggi ho un brunch con il general manager del designer per un briefing sulla mission ..."

e che caspio, dai!  [69]
« Ultima modifica: 02 Luglio 2015, 22:14:53 da dago113 »
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline leone17

  • Amministratore
  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3423
« Risposta #5 il: 02 Luglio 2015, 23:28:44 »
Va tutto bene, ma se questa figura veniva definita  "specialista" o "esperto" o qualsiasi altro idoneo termine in  lingua italiana cascava un altro meteorite sullo Yucatan?

Sarò, anzi sono, all'antica ma questo abuso di termini stranieri mi fa cadere le parti sporgenti...

"Oggi ho un brunch con il general manager del designer per un briefing sulla mission ..."

e che caspio, dai!  [69]
Parla come magni
Pranziamo in mensa  insieme  all'ispettore prima del 13 19 ;-) [29]

Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #6 il: 03 Luglio 2015, 10:59:07 »

Parla come magni

 :107: :107: :107:

Pranziamo in mensa  insieme  all'ispettore prima del 13 19 ;-) [29]

Versione itenglish

"Ci vediamo alla dining hall per un brunch con l'inspector service-coordinator prima dell' 1 p.m."

Versione poliziese

"Consumiamo il primo ordinario in mensa insieme all'ispettore coordinatore del servizio prima del tredicidiciannove"

Qual è peggio?  [36] [36] [36]
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis

Offline celeste

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3968
« Risposta #7 il: 03 Luglio 2015, 14:00:36 »
...oddio, tra tutti e due.
Con un tal linguaggio non credo ti possa permettere di criticare il prossimo [51] [51] [51] [51] [51] [51] [51]


Offline dago113

  • Membro Super
  • ******
  • Post: 12730
  • Utente desindacalizzato
« Risposta #8 il: 03 Luglio 2015, 16:27:37 »
Oddio, anche nei verbali, pur essendo service coordinator e quindi autorizzato a scrivere in klingonian-poliziese,  uso sempre l'italiano  [71]
" hoc est sic est aliut fieri non licet"  Iscrizione latina.

"Preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano" Talleyrand

"Es ist keine Schande in Aktion, Leiden ist eine Schande"Walther Rathenau

Capo sezione N.W.O. di Miris'cis