Poliziotti.it - Forum

Vivere la Polizia => La Polizia e il Cittadino => Topic aperto da: castoro - 25 Luglio 2011, 17:58:55

Titolo: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: castoro - 25 Luglio 2011, 17:58:55
Faccio un paragone con la realtà che mi è più vicina, quella inglese. E allora per esempio quando cammino per strada a Londra e incrocio lo sguardo d’un poliziotto/a mi sento subito dire: “good morning sir”. In Italia, ma sono tanti anni che manco, la sensazione è che ci sia sempre questa sorta di distanza tra gli uni e gli altri. Come se appartenessero a due mondi diversi. Il cittadino (qualunque) si porta dietro quel non so che contro la divisa  - che sia del poliziotto o del carabiniere o della finanza – una certa inquietudine, timore, quando dovrebbe invece essere un loro alleato (complice una certa espressione troppo severa dei poliziotti o dei carabinieri? E uso un eufemismo) Ma di chi è la colpa? Un poliziotto non in servizio non va al centro commerciale a fare la spesa con moglie e figli come ci vanno tutti? Però se sai che quello è un poliziotto cominci a guardarlo in un altro modo, ti metti la mano in tasca, mi so’ portato i documenti eccetera. Un po’ esagero. I fatti della caserma Giglio quando i "tifosi" assaltarono in quel modo vergognoso le forze di polizia, io era all’estero ma ciò che m’indignò di più fu vedere la totale mancanza di un moto spontaneo del cittadino a difesa dei poliziotti. Qualcuno organizzò una grande manifestazione in cui esprimere solidarietà, simpatia? Non mi pare. Però ho amici poliziotti in Italia che si rendono conto di questa situazione ma non sanno darti una risposta.   
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: celeste - 25 Luglio 2011, 18:12:07
E' nostra la colpa caro castoro, solo di noi cittadini, fidati.
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: leone17 - 25 Luglio 2011, 18:44:36
io non vedo baratro tra poliziotti e cittadini, vedo diffidenza, a volte piu' spiccata, a volte questa diffidenza non c'e', è chiaro che tra me ed un pregiudicato voglio che ci sia un baratro, e comunque i poliziotti prima di essere tali sono anch'essi cittadini.

@celeste, non ho capito il senso della tua frase, se era una provocazione/battuta direi che sei fuori strada, e lo sei anche se fosse un tuo convincimento.

 IL discorso da fare è molto piu' ampio, ci si porta dietro dei retaggi culturali, è la storia del nostro paese, l'idea che il poliziotto è sempre uno "sbirro",noi lavoriamo sempre con il rischio che chi fermiamo per un semplice controllo ci possa essere fatale; il tutto è un argomento molto complesso, noi siamo al servizio del cittadino, ma non servi del cittadino, gli argomenti da sviscerare sarebbero tanti.

Non direi comunque che la  mancanza di un "buon giorno", determini un baratro.

p.s. in un paese come il nostro manifestare a favore delle forze dell'ordine non fa audience. [01] 
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: Cleanhead - 25 Luglio 2011, 19:26:41
In Italia non c è rispetto per lo Stato e per il bene comune e di conseguenza si guarda il suo rappresentante sempre con diffidenza .
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: postman78 - 25 Luglio 2011, 19:34:53
Il baratro che rilevi è solo una delle tante espressioni di scollamento tra l'istituzione Stato e i suoi cittadini che non vedono in esso  una cooperazione di individui con un obbiettivo e intenti comuni.
Un esempio per tutti è, ad esempio, il fatto che in italia evadere le tasse è bello, è facile ed è tollerato, nei paesi anglosassoni evadere le tasse è alto tradimento verso tutti gli altri cittadini...qui si è bravi e furbi se le tasse non le paghi...quindi, per quel che mi riguarda, il fatto che non dica buongiorno a tutti o che non ci siano moti spontanei a sostegno del nostro lavoro è la naturale conseguenza di ciò che il sistema vuole!!
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: celeste - 25 Luglio 2011, 21:03:20
Va beh dai, era una battutina.....

Le opinioni sopra sono tutte condivisibili. Il problema è che in questo paese c'è qualcosa che non funziona nel sistema e la gente diffida nei confronti di tutto quello che è dello Stato; il discorso sarebbe davvero ampio.
La colpa non è dei poliziotti o nostra. Poi tutto dipende dal caso, dalle singole persone, non si può generalizzare.
Il fatto che qui non ci sia questa "usanza" del saluto in strada tra Polizia e cittadino, non penso sia indice di un baratro; secondo me appartiene alla loro cultura.
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: castoro - 25 Luglio 2011, 22:11:31
Forse sono stato frainteso su quel buongiorno, ho portato quell'esempio come ne avrei potuti portare altri. Il baratro usato nel titolo forse è eccessivo e come dice Postman78 sarebbe stato meglio chiamarlo scollamento, se le due parti però fossero mai state attaccate. Tra l'altro la mia personale esperienza con la polizia in Italia è stata sempre il massimo, gentilezza, cordialità. Sarà anche come ti poni e se sei gentile e apprezzi il lavoro di una persona allora ... Inoltre non è che in GB ci sia una passione smodata per i poliziotti, ma di sicuro vengono percepiti come parte della comunità ...La diffidenza di cui giustamente alcuni parlano nei loro post non è comunque un fatto molto positivo ... Significa: non ho fiducia in te finché non mi dimostri che te la meriti. O no? A me pare che la polizia (di qualsiasi grado, nella prevenzione o nelle squadre mobili o in altre divisioni) abbia in molte occasioni mostrato di meritare quella fiducia. Che però stenta a materializzarsi in qualcosa di vitale, di reciproco ... Qualcosa che non va forse c'è ...
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: WebCop - 25 Luglio 2011, 22:17:49
... Qualcosa che non va forse c'è ...
Sono d'accordo. C'é anche una diversa mentalità, un modo diverso di "sentire" le Istituzioni rispetto ai Paesi anglosassoni e del nord Europa.
E c'é anche un atteggiamento diverso da parte di noi Poliziotti nei confronti del cittadino.
Le responsabilità non sono mai sempre e solo da una parte.
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: giacal - 26 Luglio 2011, 15:12:03
L'Italia - a differenza della Gran Bretagna - è da sempre stato una terra di conquista per tutti i popoli che decidevano di espandere i propri dominii. Di conseguenza, ogni conquistatore che metteva le tende qui da noi imponeva anche il suo sistema di "polizia" costituito in genere da pura repressione, soprusi e saccheggi. Perciò gli indigeni italiani (definirci "popolo" è un po' troppo...) hanno altrettanto da sempre sviluppato una naturale avversione a quello che era il potere secolare costituito. Oggi questa diffidenza fa parte del DNA dell'italico medio che vede in un rappresentante delle Forze dell'Ordine PRIMA un individuo di cui diffidare e SOLO DOPO un garante dei propri diritti di cittadino. A questo aggiungici poi un'identità nazionale che in Gran Bretagna accomuna e unifica tutti i sudditi di Sua Maestà, identità nazionale che qui da noi vediamo solo quando è ora di cantare (storpiandolo) l'Inno alle partite di calcio.....  [11]
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: castoro - 26 Luglio 2011, 15:40:47
L'Italia - a differenza della Gran Bretagna - è da sempre stato una terra di conquista per tutti i popoli che decidevano di espandere i propri dominii. Di conseguenza, ogni conquistatore che metteva le tende qui da noi imponeva anche il suo sistema di "polizia" costituito in genere da pura repressione, soprusi e saccheggi. Perciò gli indigeni italiani (definirci "popolo" è un po' troppo...) hanno altrettanto da sempre sviluppato una naturale avversione a quello che era il potere secolare costituito. Oggi questa diffidenza fa parte del DNA dell'italico medio che vede in un rappresentante delle Forze dell'Ordine PRIMA un individuo di cui diffidare e SOLO DOPO un garante dei propri diritti di cittadino. A questo aggiungici poi un'identità nazionale che in Gran Bretagna accomuna e unifica tutti i sudditi di Sua Maestà, identità nazionale che qui da noi vediamo solo quando è ora di cantare (storpiandolo) l'Inno alle partite di calcio.....  [11]

identità nazionale fino a un certo punto in GB, prova a parlarne coi gallesi o scozzesi ... Però è vero che tra i sudditi di sua maestà la diffidenza è minima. Solo che a me pare che questa diffidenza in Italia sia reciproca (senza generalizzare, magari) ... Quindi rispondo a desso a Celeste che diceva che la colpa è sempre unicamente dei cittadini, quello è un po' eccessivo, Celeste ...
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: celeste - 26 Luglio 2011, 20:31:15
L'ho detto che era solo una battuta dai. Poi mi sono spiegata.
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: castoro - 27 Luglio 2011, 00:26:56
L'ho detto che era solo una battuta dai. Poi mi sono spiegata.
hai ragione, scusa ... Nella foga mi sono lanciato ....
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: TROGLOFOX - 03 Agosto 2011, 20:25:24
Il baratro esiste tra stato e cittadini e, di conseguenza, anche tra poliziotti e cittadini come tra addetti al comune e cittadini.
Se un "dipendente pubblico" (accezione per indicare il poliziotto come il commesso comunale) vede un "cittadino" che vaga per i corridoi perché non riesce a trovare l'ufficio gli dice - o meglio gli urla - "D I C A A A A A A A A . . . . . . .  . " o " C E R C A A A A A A A A . . . . "
Il modo corretto di comportarsi sarebbe quello di avvicinarsi, possibilmente sorridendo, e dire l'inglesissimo " ... posso esserle utile?".
Il D I C A A A A A A  A indica una superiorità rispetto il cittadino mentre il POSSO ESSERLE UTILE? fa capire che il "dipendente" è al servizio del cittadino, anche per aiutarlo.
Poi, naturalmente, ci sono i "cittadini" che "pagano le tasse" e, quindi, credono di poter disporre di noi come meglio credono.
La presenza sul globo terracqueo dei secondi non deve - in alcun modo - cancellare la gentilezza dei dipendenti pubblici.     
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: ISPANICOP - 03 Agosto 2011, 22:15:06
Ah, che bei tempi quando si insegnava educazione civica nelle scuole... [71] [71] [71]
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: castoro - 04 Agosto 2011, 00:31:35
Il baratro esiste tra stato e cittadini e, di conseguenza, anche tra poliziotti e cittadini come tra addetti al comune e cittadini.
Se un "dipendente pubblico" (accezione per indicare il poliziotto come il commesso comunale) vede un "cittadino" che vaga per i corridoi perché non riesce a trovare l'ufficio gli dice - o meglio gli urla - "D I C A A A A A A A A . . . . . . .  . " o " C E R C A A A A A A A A . . . . "
Il modo corretto di comportarsi sarebbe quello di avvicinarsi, possibilmente sorridendo, e dire l'inglesissimo " ... posso esserle utile?".
Il D I C A A A A A A  A indica una superiorità rispetto il cittadino mentre il POSSO ESSERLE UTILE? fa capire che il "dipendente" è al servizio del cittadino, anche per aiutarlo.
Poi, naturalmente, ci sono i "cittadini" che "pagano le tasse" e, quindi, credono di poter disporre di noi come meglio credono.
La presenza sul globo terracqueo dei secondi non deve - in alcun modo - cancellare la gentilezza dei dipendenti pubblici.    

Concordo in tutto, pure le romanate (dicaaa, cercaaa), che m'hanno fatto ridere (ma ci sarebbe da piangere) e si sentono ancora - non so a Milano come direbbe l'usciere ... Ma come fai a sradicare comportamenti scorretti diventati norma sperando che poi migliorino anche i rapporti tra polizia e cittadini? o che quanto meno via sia una percezione più amichevole? che anche i poliziotti piangono o ridono soffrono per amore eccetera. L'educazone civica nelle scuole, come dice Ispanicop nel post seguente, sarebbe un buon ritorno, anche se non so più con che valore ... Al semaforo pedonale oggi a Roma uno pulisce gli occhiali col fazzolettino di carta e lo butta tranquillo per terra. Gli faccio: scusa ma non vedi che schifo? che cosa? fa lui. Poi lo capisce e lo raccoglie. La prossima volta magari ti va male e trovi quello che ti dà una coltellata a tradimento. Sì hai imparato a conoscerli certi tipi, non gli dai le spalle. E mi capita di vedere cittadini comuni che intervengono. Ma poi alla fine quanti sono che lo fanno, che dicono: questa è anche la mia città, la vuoi rispettare o no? le persone con cui parlo mi dicono: sì, io lo faccio ma mi si sento ridicolo, un pesce fuor d'acqua e qualche volta ho paura, è meglio che lo fa la polizia. C'è stata una recente sentenza della suprema, una coppietta condannata per atti osceni in luogo pubblico a Biella, facevano l'amore in macchina in pieno centro, magari di notte, comunque era reato. I giudici non l'hanno declassato, quindi carcere ... e il codice, chi mastica un po' di diritto, non si scappa: prevede in questo caso un minimo di tre mesi. Sai quante gliene hanno dette a quei carabinieri che li hanno pescati? li hanno pure definiti "gli aiutanti dei teodem". Esempio di come i giornali scavino in quel solco piccolo o grande che sia e che ancora esiste tra forze dell'ordine e cittadini. Se gli avessero portato lo champagne gli avrebbero fatto un monumento. Ci scommetto qualsiasi cosa. La morale cambia ... allora bisogna cambiare il codice?      
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: giankicop - 04 Agosto 2011, 10:11:38
Volete vedere il baratro tra Polizia e Cittadino? eccolo racchiuso in questo video, dall'inizio alla fine...

http://youtu.be/-QTsS8AxZbI (http://youtu.be/-QTsS8AxZbI)

Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: castoro - 04 Agosto 2011, 11:14:34
Volete vedere il baratro tra Polizia e Cittadino? eccolo racchiuso in questo video, dall'inizio alla fine...

http://youtu.be/-QTsS8AxZbI (http://youtu.be/-QTsS8AxZbI)



quello che non si vede nel video è detto qui sotto, lo aggiungo per completezza.

"Fermato ieri pomeriggio da una pattuglia di vigili motociclisti, Lombardi aveva mostrato agli agenti dei documenti falsi e, dopo averli, insultati aveva tentato di fuggire. Acciuffato, è stato bloccato nel cuore della città, scatenando l’ira della gente."
http://www.ilsecoloxix.it/p/la_spezia/2011/08/03/AOg3qlq-ciclista_arrestato_obbligo.shtml

Aggiungo che almeno in questo caso pare che la madre abbia chiesto scusa ai vigili ...
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: marco14628 - 04 Agosto 2011, 12:34:47
La "gente" come la chiamate, è un crogiolo di demagogia, paure, aggressività, opportunismo e qualunquismo.
Quando ha bisogno pretende e subito, efficenza e repressione, se invece è spettatrice è indifferente o sempre pronta a puntare l'indice.
Con noi l'atteggiamento è sicuramente influenzato dal nostro ruolo anche sanzionatorio e spesso repressivo, dall'essere braccio del potere potere politico; ma provate a chiedere anche ad altre figure professionali che subiscono un alto burn out, cosa ne pensano della "gente", e ne vedrete delle belle.
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: G.P.G. 3 - 04 Agosto 2011, 16:20:57
Credo che non sia possibile un paragone è una questione di senso civico. In questo paese non si saluta più neanche il vicino. Nei condomini si vive in incognito.
Il baratro è tra i cittadini,forze dell'ordine comprese, e l'educazione civica.
Chi si occupa di educazione comportamentale, del livello sociale ? La risultante è il degrado che partendo dall'alto,arriva ai giovani perchè noi li abbiamo educati. Abbiamo minato le fondamenta !
Credo che siamo molto vicini al punto di non ritorno....culpam nostram  [69]
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: leone17 - 04 Agosto 2011, 19:19:26
La "gente" come la chiamate, è un crogiolo di demagogia, paure, aggressività, opportunismo e qualunquismo.
Quando ha bisogno pretende e subito, efficenza e repressione, se invece è spettatrice è indifferente o sempre pronta a puntare l'indice.
Con noi l'atteggiamento è sicuramente influenzato dal nostro ruolo anche sanzionatorio e spesso repressivo, dall'essere braccio del potere potere politico; ma provate a chiedere anche ad altre figure professionali che subiscono un alto burn out, cosa ne pensano della "gente", e ne vedrete delle belle.

.... e io aggiungerei anche "oggetto" della efficienza, la "gente"  è sempre pronta a lamentarsi, invoca piu' controlli, poi quando ne è oggetto si lamenta, se la prende coi venditori abusivi, poi quando procedi contro qualcuno ti urlano dietro di tutto, ovviamente fomentandosi a vicenda, giusto per citare un paio di esempi ipocrisia...... alla ennesima potenza......
ribadisco però, come altri colleghi sopra, che ovviamente qualche volta anche noi ci mettiamo del nostro.......

per la seconda, proverei a chiedere agli infermieri dei pronto soccorso che ne pensano della "gente"........

p.s. ottimo autocontrollo dei vigili a la spezia, bella figura del cavolo dell'invasato/a di turno che vedendo una telecamera, o sentendosi protetto dall'altra "gente", urla di tutto.......... 
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: dago113 - 04 Agosto 2011, 21:44:08
Volete vedere il baratro tra Polizia e Cittadino? eccolo racchiuso in questo video, dall'inizio alla fine...

http://youtu.be/-QTsS8AxZbI (http://youtu.be/-QTsS8AxZbI)



Complimenti agli agenti della municipale di Spezia per la professionalità dimostrata  [54] [54] [54] quanto ai "bravi cittadini", penso solo che quando il sole picchia fa brutti effetti sulla cervice di tante persone.   [29]..... mi auguro comunque che questi gentili signori non debbano mai avere bisogno dell'intervento delle Forze dell'Ordine.......
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: harryb - 04 Agosto 2011, 22:34:09
Da non credere! Ma siccome una cosa del genere e' successa anche a me, niente di nuovo sotto il sole!
Scollamento tra gente ed istituzioni? Per usare un'eufemismo...
Neanche la parola baratro rende bene l'idea.
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: marco14628 - 05 Agosto 2011, 02:32:48
A proposito del filmato .....

Ci sono testimoni? Se si, verrete regolarmente identificati, controllati (passati allo sdi), invitati al comando per sottoscrivere una dichiarazione (sommarie informazioni), di cui poi ovviamente dovrete risponderne sotto il profilo penale ......  silenzio tombale.
Come volevasi dimostrare, la "gente" si auto-carica, la psicologia del gruppo appunto, o meglio del branco, poi quando si deve esporre personalmente e assumersi la responsabilità delle proprie affermazioni .... buio (generalmente!).

Oppure ora, specialmente in campo sanitario si sono inventati la moda dell'esposto, per non incorrere nei rischi di una querela .....

Provate a farvi raccontare le esperienze, fatte di maleducazione, arroganza, opportunismo e indifferenza di ...  medici, infermieri, assistenti sociali, vigili, ausiliari della sosta, capitreno, controllori in genere.

Altro che baratro! UN BURRONE!
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: Urban - 05 Agosto 2011, 13:06:01
Ormai e tutto un abuso, chiedi un documento= abuso, contesti una sanzione al cds= abuso, carichi lo straniero in macchina per identificarlo= abuso, fermi la zingarella mano-lunga in metropolitana= abuso...
In giro si sente solo parlare di DIRITTI-DIRITTI-DIRITTI, doveri? Chi ne ha mai sentito parlare!?!
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: celeste - 05 Agosto 2011, 15:09:36
.....sì, va be' adesso non esagerare dai!
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: postman78 - 05 Agosto 2011, 16:05:11
Intanto sei vigili per una persona inerte ???
E' un abuso ???? Pensare una cosa del genere è pura FOLLIA!
La superiorità numerica ampia è solo che un vantaggio per tutti, perchè se gli viene la fantasia di reagire (ciclista o non ciclista - poverino!-)  è meno probabile che qualcuno si faccia male da una parte e dall'altra perchè poi sul corpo a corpo, guarda caso, qualcuno andrà a contare quanti pugni e calci potevano essere dati e quanti invece hanno travalicato...perch è poi in tribunale sono tutti capaci di sentenziare quale doveva o poteva essere la giusta forza da usare per portarlo via!!!
Sei persone contro una significa quelle che avete visto: una volta messo al muro anche se reagisce ha poco da muoversi, altro che abuso di potere, quella si chiama eccessiva tutela dell'incolumità del singolo cittadino.
In Inghilterra o negli Stati Uniti sarebbe bastato anche solo un poliziotto, con conseguente beneficio economico per la collettività, prova a rivoltarti contro un tutore dell'ordine in qualche altre democraticissimo paese e vedi se non ti fai tre anni di carcere vero !?!?
Ma quale abuso ??
Qui l'unico abuso è stato aver abusato della pazienza di quei vigili che sono stati assolutamente serafici e meticolosi nel non far degenerare la situazione!!!  [54]
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: giacal - 05 Agosto 2011, 16:27:46
Vedo il video e mi viene in mente il proverbio: "Can che abbaia non morde!"
Insomma, dai.... Il "dagli all'untore!" di manzoniana memoria è lo sport preferito del cittadino-italiota-medio: egli sa benissimo che otterrà il duplice risultato di una risonanza mediatica forte e di un'altrettanto forte sobillazione dei presenti; sa inoltre che il rappresentante delle Forze dell'Ordine non può reagire nei suoi confronti in alcuna maniera, nè verbale nè tantomeno fisica. Quindi ogni volta il tutto si trasforma nel solito teatrino delle comparsate dove ognuno recita il proprio ruolo: c'è sempre il "leguleio-sapientino" con la sua frase "questo è un abuso! questi non sanno davvero cosa rischiano!"; c'è poi il "decerebrato-monoverbo" che insulta con un parossistico "Bastardi, Bastardi!" ripetuto fino allo sfinimento; c'è inoltre il più compassato "pensionato-le-ho-viste-tutte" che distribuisce urbi et orbi la sua visione disincantata della vita..... Devo continuare?
E' successa la stessa cosa anche qui da noi circa un mese fa: i vigili hanno cercato di fermare una donna con una bici elettrica che stava percorrendo le corsie riservate al metrobus: questa se ne è strafregata dell'ALT POLIZIA e ha cercato di fare la splendida dandosi alla fuga, non calcolando che i vigili in questione disponevano di due capaci motociclette che hanno avuto facile vittoria sul suo velocipede. Una volta fermata, non vi dico.....
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: Cleanhead - 05 Agosto 2011, 16:39:09
...bè io mi auguro che il video venga sequestrato e i colleghi denuncino la signora che urlava "bastardi", visto che il reato di ingiuria ci sta tutto. Certo sarà iil GDP che deciderà ma avrà le immagini a supporto e magari condannerà la solerte signora al risarcimento del danno a tutti e sei i Vigili.
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: castoro - 05 Agosto 2011, 18:29:13
prova a rivoltarti contro un tutore dell'ordine in qualche altre democraticissimo paese e vedi se non ti fai tre anni di carcere vero !?!?

[01] Sorrido perché non capisco se i tuoi punti esclamativi e interrogativi sono di piena inca**atura o di inca**ato stupore …

Comunque penso che nei “democraticissimi paesi” cui ti riferisci le cose stiano un po’ cambiando … anche se sì, in GB sono dolori a rivoltarti contro un poliziotto o aggredirlo … il quale però quasi sempre sa mostrare l’altra faccia, se pure tu sei pronto a mostrarla. Se passi col rosso, guai a dire alla pattuglia che ti ferma: ‘no, non è vero, era verde!’ ti sei ripulito. Se però magari provi a essere un tantino remissivo, un po’ più modesto (‘mi scusi, officer, veramente non so come è successo’ … bè allora se non ti trovano ubriaco e non era una situazione ultra pericolosa c’è pure il caso che ti diano una pacca sulla spalla: ‘va bene ma fai attenzione la prossima volta’). In generale quello è un paese dove lo spirito di modestia a livello sociale paga sempre, l’arrogante in società è quasi sempre isolato o punito (gli inglesi – e ce l’ho in famiglia l’esempio - sono tra le persone più arroganti del mondo ma sanno controllarla quest’arroganza) …

E poi resta il fatto della colluttazione: ormai tutti hanno viaggiato, chi è che non è stato a Londra e non s’è trovato il venerdì sera al centro? è tutto un corri corri di agenti che si lanciano di peso con tutto il corpo a dirimere risse, a isolare rompiscatole: è quasi uno spettacolo … È tutto molto più fisico (non che in italia non lo sia, ma lì è più evidente), c’è molto corpo a corpo, quando li vedi sembra che per un attimo si siano spogliati della divisa e facciano mucchio  … sarà per il fatto che la maggior parte dei poliziotti britannici non porta le pistole, al massimo tasers che però hanno cominciato a circolare in gran numero non più di sei sette anni fa …

La colonna infame di cui parla giacal qui sopra è una brutta bestia, sono d’accordo … quel libro bisognerebbe farlo leggere e rileggere nelle scuole, più dei promessi sposi …
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: Urban - 05 Agosto 2011, 21:55:51
.....sì, va be' adesso non esagerare dai!

Non sto affatto esagerando, ti riporto fatti che mi sono successi in 13 anni passati per strada, passando dai sedili della volante a quelli della pattuglia della stradale.
Ti capisco, so bene che è difficile da credere perché risulta incredibile anche a chi mi sta vicino tutti i giorni e non fa il mio lavoro, ma qualunque collega di questo forum potrebbe confermarti di essere stato accusato di questi "abusi"...
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: giankicop - 05 Agosto 2011, 22:05:19
ma qualunque collega di questo forum potrebbe confermarti di essere stato accusato di questi "abusi"...

Accusato di questi abusi? più che accusato direi QUERELATO, solo per il fatto di aver fatto il proprio lavoro  [56] [56]... vedremo!!!!
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: Cleanhead - 06 Agosto 2011, 07:54:44
.... [03] [03] [03] confermo!! una volta stavano per denunciarmi per "omicidio" perchè avevo alzato troppo la voce e la moglie dell'indagato si era spaventata ed era morta d'infarto una settimana dopo.... [13] [13]
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: giacal - 06 Agosto 2011, 09:00:10
.... [03] [03] [03] confermo!! una volta stavano per denunciarmi per "omicidio" perchè avevo alzato troppo la voce e la moglie dell'indagato si era spaventata ed era morta d'infarto una settimana dopo.... [13] [13]

Beh, conoscendoti non stento a crederlo!!!  [13] [13] [51] [51]
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: celeste - 06 Agosto 2011, 10:58:49
Non dubito su ciò che mi dite. Però parlare di venire accusati di un abuso per una richiesta di documento o solo per contestare un'infrazione al Codice della strada, mi pare un po' eccessivo. A me non passerebbe neanche per l'anticamera del cervello. Poi per carità, in giro purtroppo è pieno di gente idiota.
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: giankicop - 06 Agosto 2011, 12:10:23
Non dubito su ciò che mi dite. Però parlare di venire accusati di un abuso per una richiesta di documento o solo per contestare un'infrazione al Codice della strada, mi pare un po' eccessivo. A me non passerebbe neanche per l'anticamera del cervello. Poi per carità, in giro purtroppo è pieno di gente idiota.

E invece è realtà. Siamo stati querelati e di conseguenza indagati per il reato previsto dagli artt. 110, 479 c.p. perchè nella qualità di pubblici ufficiali etc,etc... Quindi nomina avvocato ed elezione di domicilio come antipasto, per primo un interrogatorio davanti ai CC della sezione di PG assistito dal mio avvocato difensore, per secondo un confronto ai sensi dell'art.370 cpp davanti sempre agli stessi CC, con il mio avvocato ed il tizio che ci ha querelato... sto aspettando la frutta ed il dolce..... poi alla fine presenterò io il conto. Tutto quanto il menù sopra descritto è stato offerto da un tizio, di professione avvocato, a cui abbiamo ritirato la patente per aver superato in curva ed in corrispondenza di un'intersezione.
Il baratro che esiste tra i cittadini ed i Poliziotti è dovuto anche al fatto che molti disconoscono tutti i rischi del mestiere, credono che quando una volante percorre la strada a 20 Km/h i due sbirri sopra stiano passeggiando, che quando sono fermi al bar per un caffè stiano bivaccando, che quando sono in sei a mettere le manette ad una persona sola stiano abusando e così via.... Ci vorrebbe un bel reality, visto che ormai vanno di moda, con una telecamera a bordo del veicolo di servizio a riprendere tutta la giornata lavorativa di uno sbirro per strada, forse si renderebbero conto chi sono i Poliziotti italiani che tirano avanti una famiglia con 1.500 € al mese nonostante tutte le difficoltà che il lavoro presenta.
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: Urban - 06 Agosto 2011, 13:42:07
Non dubito su ciò che mi dite. Però parlare di venire accusati di un abuso per una richiesta di documento o solo per contestare un'infrazione al Codice della strada, mi pare un po' eccessivo. A me non passerebbe neanche per l'anticamera del cervello. Poi per carità, in giro purtroppo è pieno di gente idiota.

Non più di due settimane fa, fermo amm.vo di tre mesi alla Ferrari senza targa anteriore di un trentenne: "...questo è un abuso di potere, voi non potete togliermi l'unico mezzo che ho per spostarmi..."

Giankicop, purtroppo ci sono passato pure io, nel mio caso, grazie al buon lavoro che avevamo fatto sul posto al momento dell'intervento, è stato archiviato tutto dopo aver presentato la nostra memoria difensiva, però so benissimo che firmare l'elezione di domicilio a "sinistra" da rabbia e frustrazione...   
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: celeste - 07 Agosto 2011, 15:44:25
L'ho detto che in giro c'è gente idiota. Quando hai la sfortuna di imbatterti in certi elementi, non c'è niente da fare, ti devono rompere le scatole e basta. Ti auguro che ti vada tutto bene, e l'avvocato che crede di essere Dio in terra, che se ne vada a quel paese, invece di far perdere tempo e denaro al prossimo senza alcun motivo!
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: Lupo Solitario - 08 Agosto 2011, 12:34:37

Sono sempre convinto che il diritto penale e processuale penale in senso lato dovrebbe essere insegnato sin dalle scuole medie inferiori...oltre che al Galateo...ed alla Costituzione italiana. [69] [45] [44] [24]
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: castoro - 08 Agosto 2011, 16:58:22

Sono sempre convinto che il diritto penale e processuale penale in senso lato dovrebbe essere insegnato sin dalle scuole medie inferiori...oltre che al Galateo...ed alla Costituzione italiana. [69] [45] [44] [24]

perché no? magari con una play station, un'aula di tribunale, tre quattro persone, chi fa l'accusa, chi la difesa, l'imputato il presidente ... chissà, magari avrebbe successo ...
Titolo: Re: Un baratro tra poliziotti e cittadini. Di chi è la colpa?
Inserito da: Lupo Solitario - 09 Agosto 2011, 09:45:46

Sono sempre convinto che il diritto penale e processuale penale in senso lato dovrebbe essere insegnato sin dalle scuole medie inferiori...oltre che al Galateo...ed alla Costituzione italiana. [69] [45] [44] [24]

perché no? magari con una play station, un'aula di tribunale, tre quattro persone, chi fa l'accusa, chi la difesa, l'imputato il presidente ... chissà, magari avrebbe successo ...


La simulazione in aula...presa  in modo soft...ovviamente.. .non sarebbe sbagliata...a fine corso didattico...al terzo anno.
Però significherebbe andare oltre alle conoscenze manualistiche.  [45] [44] [24]