AutoreTopic: teste tribunale  (Letto 9352 volte)


Offline Dukestralis

  • Membro Master
  • ****
  • Post: 2069
« il: 15 Novembre 2007, 14:41:17 »
Qualcuno conosce i motivi per cui si può non presentarsi in qualità di teste presso il tribunale?

Mi spiego meglio. Se una persona si trova in congedo ordinario, oppure in malattia è obbligata a presentarsi davanti all' A.G.?
The eye in the sky looking at you

I can read your mind


Approssimazione Dilettantismo Improvvisazione.

Offline lukas

  • Membro Master
  • ****
  • Post: 2653
« Risposta #1 il: 15 Novembre 2007, 15:53:27 »
Se è in malattia basta che pesenti la documentazione medica, se ti trovi in congedo ordinario non saprei, ci sono stati tanti colleghi che hanno dovuto interropere le ferie per andare a testimoniare
Molto spesso fare ciò che vi fa star bene non significa fare ciò che è giusto

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 16755
« Risposta #2 il: 15 Novembre 2007, 22:08:45 »
..è sempre l'ufficio che dispone, se chiedi le ferie e l'ufficio sa della citazione puo non dartele oppure ti giustifica, stessa cosa se sei in malattia, l'ufficio comunicherà che stai in CS...mica mi posso mettere a rispondere direttamente al tribunale!! sono cose di ufficio e l'ufficio le deve sbrigare...
Ciao!
io sono un Assistente Capo e tu zietta NON sei proprio nessuno
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale !

Offline leone17

  • Amministratore
  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3150
« Risposta #3 il: 15 Novembre 2007, 22:09:35 »
per la malattia confermo che basta presentare il certificato all'Ufficio che procederà ad informare il Tribunale. Per quanto riguarda il c.o. secondo me dipende dalla situazione, il capo ufficio puo' anche giustificarti, dipende da vari fattori...

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 16755
« Risposta #4 il: 15 Novembre 2007, 22:11:01 »
...se ti concede le feria automaticamente ti giustifica.....non è che ti da le ferie e poi mi devo presnetare spontaneamente in tribunale!!..ci devo andare comandato di servizio...
Ciao!
io sono un Assistente Capo e tu zietta NON sei proprio nessuno
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale !

Offline leone17

  • Amministratore
  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3150
« Risposta #5 il: 15 Novembre 2007, 23:11:20 »
e vorrei vedere se non ti devono comandare di servizio!!! ci manca pure !!!

Offline Dukestralis

  • Membro Master
  • ****
  • Post: 2069
« Risposta #6 il: 16 Novembre 2007, 22:18:16 »
Ok grazie a tutti. Ho posto il problema poichè sono stato citato sull'ultimo giorno di CO, con la citazione che è arrivata in ufficio il giorno precedente, e pretendevano di notificarmi l'atto via telefono!  [29]
The eye in the sky looking at you

I can read your mind


Approssimazione Dilettantismo Improvvisazione.

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 16755
« Risposta #7 il: 16 Novembre 2007, 22:27:40 »
la notifica per essere valida deve essere fatta almeno 5 giorni prima.... [47]
Ciao!
io sono un Assistente Capo e tu zietta NON sei proprio nessuno
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale !

Offline ciacci

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 1263
« Risposta #8 il: 17 Novembre 2007, 11:48:25 »
Sia il CS che il CO sono giustificazioni valide ai fini della presentazione davanti all'A.G. e chiaramente devono essere rappresentate dall'Ufficio, non dall'operatore.
Unico "problema" può essere l'"avviso di assoluta indispensabilità" disposta dal Giudice in caso di ravvicinati termini di prescrizione o di particolare importanza del processo. in questo caso è meglio accordarsi per la presenza in Tribunale.

Offline vicesov

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 567
« Risposta #9 il: 17 Novembre 2007, 12:05:48 »
Nel tuo caso penso proprio che sia mancata la tempestività della convocazione da parte del Tribunale. Accertati,però, che il tuo Ufficio ti giustifichi perchè,poi, a distanza di tempo arrivano le sanzioni...

Offline ciacci

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 1263
« Risposta #10 il: 17 Novembre 2007, 12:09:02 »
Nel tuo caso penso proprio che sia mancata la tempestività della convocazione da parte del Tribunale. Accertati,però, che il tuo Ufficio ti giustifichi perchè,poi, a distanza di tempo arrivano le sanzioni...

confermo....

il mio capo ha "vinto" un prelievo da 416 neuri...... [56]

Offline accigliato

  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3046
« Risposta #11 il: 19 Novembre 2007, 14:32:09 »
..è sempre l'ufficio che dispone, se chiedi le ferie e l'ufficio sa della citazione puo non dartele oppure ti giustifica, stessa cosa se sei in malattia, l'ufficio comunicherà che stai in CS...mica mi posso mettere a rispondere direttamente al tribunale!! sono cose di ufficio e l'ufficio le deve sbrigare...



Siccome in tribunale ho l'abbonamento,vi confermo sia che sono in ferie sia che sono in malattia non vado in tribunale,e la citazione mi deve essere notificata per iscritto,almeno 5 giorni prima. [29]

Offline odofox

  • Nuovo
  • *
  • Post: 20
« Risposta #12 il: 21 Novembre 2007, 14:31:40 »
Secondo me il fulcro del discorso non sta tanto se il capoufficio ti giustifica o meno ma bensì se l'A.G. ritiene valida la giustificazione adotta dal capoufficio medesimo...

Offline Cleanhead

  • Amministratore
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 16755
« Risposta #13 il: 21 Novembre 2007, 14:37:23 »
Secondo me il fulcro del discorso non sta tanto se il capoufficio ti giustifica o meno ma bensì se l'A.G. ritiene valida la giustificazione adotta dal capoufficio medesimo...


....no l'A.G.(che poi è il Tribunale non la Procura) non entra nel merito delle giustificazioni..ci mancherebbe altro!!! ne prendo atto e rimanda eventualmente la successiva citazione raccomanderà la presenza...aggiunge ndo due righe in piu sulla citazione..
Ciao!
io sono un Assistente Capo e tu zietta NON sei proprio nessuno
Sopra le nuvole c'è sempre il sole. Ciao Ale !

Offline lerox

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 65
« Risposta #14 il: 26 Gennaio 2008, 18:31:56 »
Spero che qualcuno possa chiarirmi le idee...
L'altro giorno (21/01) mi viene (intempestivamente) notificata una citazione per un'udienza innanzi al Tribunale Civile del capoluogo che si è poi tenuta solo 2 giorni dopo (23) alle ore 10,00. Ho preferito (e me ne pento) andarci in quanto l'ufficio mi ha comandato di teste, sentito il dirigente, annullando il 19/01 che avrei svolto come da programmazione settimanale. Preciso che a citarmi è stato l'Avv. di una delle parti coinvolte in un sinistro a catena del 2002,da me rilevato, il quale ha inviato l'avviso al mio precedente ufficio, non sapendo che nel frattempo avevo già cambiato due sedi, che l'ha poi girato a quello attuale e che "giungeva" a mezzo servizio postale come accennato al sottoscritto solo 2 giorni prima della causa. Essendo distante il tribunale 110 Km dalla mia sede di servizio, compilo uno stampato predisposto in ufficio, previa consultazione sito ACI ove rilevo il costo €/Km della mia auto personale in 0,2961 €, lo moltiplico per 220 Km, sommo 0.85 € x 4 ore (equivalente della missione) ed ottengo la cifra di € 68,5. Il punto è che questo modello che abbiamo in ufficio (con le voci per i costi sostenuti, sito ACI ecc.) contempla l'impiego del mezzo proprio, ma non trovo riscontri normativi in tal senso.
Tralascio di descrivere l'imbarazzante atteggiamento dell'avvocato che mi ha citato (che poi svolge altrove funzioni di GDP!!!) il quale pur di non "corrispondere" per la parte attrice le spese da me anticipate, ha il giorno prima, furbescamente eluso la mia richiesta al telefono rimandandola all'indomani, per poi letteralmente scappare riuscendo a dileguarsi come un lad..o nei meandri del Palazzo di giustizia, appena ottenuto il rinvio della causa (!!!!)e prima  che gli chiedessi almeno il rimborso delle spese che avrei sostenuto andandoci in treno.....
Ora mi chiedo, in cosa siamo tutelati??? Perdo quasi 70 euro (5% del mio ricco stipendio) ed una giornata di lavoro, per cosa???? Per ribadire ciò che è chiaramente scritto sul mod.360? Con che cosa camperei con la mia famiglia se decidessi di andare a tutte le cause civ, pen. e davanti al gdp così come "obbligato" dalla legge dovendo anticipare e poi appizzarci i dindini per aver fatto il mio dovere? Basterebbero 3 episodi così al mese per mandarmi in seria difficoltà.... e con tutti i verbali fatti, gli ubriachi fermati ed i sinistri rilevati c'è di che aver paura.....fa bene chi marca quindi....DOTTOREEE E dove sei, sto male???? Io non percepisco 1900 Euro al mese.....
ed i Sindacati dove sono????
 
 [29]  [71]

Offline leone17

  • Amministratore
  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3150
« Risposta #15 il: 26 Gennaio 2008, 20:36:06 »
ciao lerox, se sei comandato di servizio è l'amministrazione che ti deve pagare il viaggio, se non puo' anticiparti il denaro, come previsto, lo potrai chiedere tu giustificando le spese sotenute, in sintesi:  foglio di viaggio compilato, e biglietto del treno, altrimenti foglio sostitutitivo di richiesta di rimborso per utilizzo di mezzi propri, che poi corrisponde al biglietto del treno. tu non ci devi rimettere una lira. altrimenti se non è l'amministrazione che ti paga è l'autorità giudiziaria. spero di esserti stato utile per le tue prossime testimonianze fuori sede
ciao

Offline Centauro

  • Membro Attivo
  • ***
  • Post: 396
« Risposta #16 il: 26 Gennaio 2008, 22:42:57 »
Quello delle citazioni da parte degli avvocati è un grosso problema.
Qualcuno sa per bene come ci si deve comportare? Spetta foglio il di viaggio? A voi l'ardua sentenza.
VI 45 da Poli 76, avanti Poli, siamo a Brancaleone, salutami il comandante.
Si Poli 76, il comandante è in ufficio, volete salutarlo di persona? Vi apro il cancello.......

Offline lerox

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 65
« Risposta #17 il: 26 Gennaio 2008, 23:18:13 »
...grazie per le risposte...ma quì di fogli di viaggio non vogliono sentirne parlare per molti servizi fuori sede figuriamoci per le citazioni dagli Avvocati.... in rete ho trovato questo:

Indennità testimoni nel processo penale e civile.

I testimoni chiamati a deporre nel processo penale e civile, anche per i processi innanzi al Giudice di Pace, hanno diritto al rimborso delle spese di viaggio pari al prezzo del biglietto di seconda classe (andata e ritorno) sui servizi di linea o al prezzo del biglietto aereo, se l'uso è autorizzato preventivamente dall'autorità giudiziaria.
Testimoniare è un dovere, pertanto, è prevista una sanzione nell'ipotesi di mancata comparizione del testimone citato.
Nel processo civile, in caso di mancata comparizione dei testimoni, il giudice con la stessa ordinanza con la quale dispone la nuova intimazione o l'accompagnamento coattivo, può condannare il testimone ad una pena pecuniaria non inferiore a 100,00 € e non superiore a 1.000,00 €.
Nel processo penale il giudice può condannare al pagamento di una somma da € 51,65 a € 516,46 e alle spese alle quali la mancata comparizione ha dato luogo.
Indennità.
Ai testimoni chiamati a deporre nel luogo di residenza o chiamati a deporre non oltre 2,5 km dalla residenza spetta l'indennità di € 0,36 a giorno.
Ai testimoni chiamati a deporre oltre 2,5 km dal luogo della residenza spetta:
L'indennità di € 0,72 per ogni giornata impiegata per il viaggio, l'indennità di € 1,29 per ogni giornata di soggiorno nel luogo dell'esame. Questa ultima è dovuta solo se i testimoni sono obbligati a rimanere fuori della propria residenza almeno un giorno intero.

Al rimborso delle spese di viaggio, d'andata e ritorno, pari al pezzo del biglietto di seconda classe sui servizi di linea o al prezzo del biglietto aereo, se l'uso è autorizzato dall'autorità giudiziaria.

Il rimborso spese di viaggio e l'indennità sopra indicate sono dovute anche all'accompagnatore di testimoni minori e o invalidi.
Nessuna indennità è dovuta al testimone minore degli anni quattordici.
Ai dipendenti pubblici, chiamati come testimoni per fatti inerenti al servizio, spettano le suddette indennità per il rimborso spese di viaggio, salva l'integrazione, fino a concorrenza dell'ordinario trattamento di missione, corrisposta dall'amministrazione d'appartenenza.
Per i testimoni appartenenti al corpo della Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza non è possibile apporre sul foglio di viaggio la dicitura "non ha percepito alcun rimborso dall'autorità giudiziaria"

Nel processo penale hanno diritto alla liquidazione, con il meccanismo dell'anticipazione a carico dello Stato, esclusivamente i testimoni chiamati a deporre dal Pubblico Ministero o d'ufficio.

Per ottenere la liquidazione occorre presentare la richiesta alla cancelleria del Giudice di Pace ove il teste è stato convocato.
La richiesta di liquidazione deve essere presentata entro 100 giorni dalla data della testimonianza a pena di perdita del diritto al rimborso.
Se il testimone si trova nell'impossibilità di sostenere le spese per raggiungere il luogo dell'esame, il funzionario dell'ufficio giudiziario del luogo di residenza del testimone emette l'ordine di pagamento prima della testimonianza e lo comunica all'ufficio giudiziario davanti al quale il testimone è citato a comparire.
Nel processo penale le indennità dei testimoni citati a richiesta delle parti private sono quantificate dal funzionario dell'ufficio giudiziario che emette un ordine di pagamento a carico della parte che ha richiesto la citazione, in questo caso lo Stato interviene in funzione di garanzia del teste.
La parte dovrà , pertanto , versare al teste la somma indicata dal cancelliere nell'ordine di pagamento.
Nel processo civile al testimone sono dovute le stesse indennità di cui sopra,
quantizzate dal cancelliere con ordine di pagamento e poste a carico della parte che ne ha chiesto l'interrogatorio. Il teste dovra' chiedere la somma alla parte che lo ha citato.
Anche in questo caso lo Stato interviene in funzione di garanzia del teste citato.

-Segue-

Offline lerox

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 65
« Risposta #18 il: 26 Gennaio 2008, 23:19:07 »
ed anche questo....

D.P.R. 115/2002

Articolo 46
Spese di viaggio e indennità per testimoni non residenti.

1. Ai testimoni non residenti spetta il rimborso delle spese di viaggio, per andata e ritorno, pari al prezzo del biglietto di seconda classe sui servizi di linea o al prezzo del biglietto aereo della classe economica, se autorizzato dall'autorità giudiziaria.
2. Se tali servizi non esistono, il rimborso delle spese di viaggio è riferito alla località più vicina per cui esiste il servizio di linea.
3. Spetta, inoltre, l'indennità di euro 0,72 per ogni giornata impiegata per il viaggio, e l'indennità di euro 1,29 per ogni giornata di soggiorno nel luogo dell'esame. Quest'ultima è dovuta solo se i testimoni sono obbligati a rimanere fuori dalla propria residenza almeno un giorno intero, oltre a quello di partenza e di ritorno.


Articolo 48
Testimoni dipendenti pubblici.

1. Ai dipendenti pubblici, chiamati come testimoni per fatti inerenti al servizio, spettano il rimborso spese e le indennità di cui agli articoli 45 e 46, salva l'integrazione, sino a concorrenza dell'ordinario trattamento di missione, corrisposta dall'amministrazione di appartenenza.


Articolo 71
Domanda di liquidazione e decadenza del diritto per testimoni, ausiliari del magistrato e aventi titolo alle trasferte.

1. Le indennità e le spese di viaggio spettanti ai testimoni e ai loro accompagnatori, le indennità e le spese di viaggio per trasferte relative al compimento di atti fuori dalla sede in cui si svolge il processo di cui al titolo V della parte II, e le spettanze agli ausiliari del magistrato, sono corrisposte a domanda degli interessati, presentata all'autorità competente ai sensi degli articoli 165 e 168.
2. La domanda è presentata, a pena di decadenza: trascorsi cento giorni dalla data della testimonianza, o dal compimento delle operazioni per gli onorari e le spese per l'espletamento dell'incarico degli ausiliari del magistrato; trascorsi duecento giorni dalla trasferta, per le trasferte relative al compimento di atti fuori dalla sede in cui si svolge il processo e per le spese e indennità di viaggio e soggiorno degli ausiliari del magistrato.
3. In caso di pagamento in contanti l'importo deve essere incassato, a pena di decadenza, entro duecento giorni dalla ricezione dell'avviso di pagamento di cui all'articolo 177.

 [70]
« Ultima modifica: 26 Gennaio 2008, 23:21:06 da lerox »

Offline Metal76

  • Membro Master
  • ****
  • Post: 2081
« Risposta #19 il: 26 Gennaio 2008, 23:26:46 »
Il  discorso, è valido solo per il Penale o se a citarti è il Giudice(di Pace o civile  che sia).
Se la citazione è a richiesta dell' avvocato è lui che deve liquidare, e chi sta alla Stradale purtroppo lo sa bene, credo, che le cause civili le facciamo solo noi.
L'ufficio non dà nemmeno il foglio di viaggio.

Offline laworder65

  • Membro Master
  • ****
  • Post: 2979
« Risposta #20 il: 27 Gennaio 2008, 00:56:46 »
Io porto la mia esperienza: Causa vecchia per incidente stradale fra due autoveicoli di quando ero in volante; citazione a me e al collega di pattuglia  di volante come auto intevenuta come primo intervento, e citazione ai due colleghi della Polstrada come agenti operanti. Il fatto e' che ci ha citato l'avvocato in una delle due parti. Io adesso presto servizio all'Utl mentre il mio autista dell'epoca svolge ancora servizio all'Upg. Ebbene entrambi gli Uffici ci hanno dato la stessa risposta: Noi agenti operanti non siamo tenuti a presentarci in una causa civile se ci ha citato un' avvocato delle parti: la nostra presenza e' a nostra discrezione e nel caso vogliamo parteciparvi all'udienza, dobbiamo prenderci un giorno di C.O. perche l'ufficio non ci mette di servizio. L'obbligo di presentazione e solo quando a citarci e L'A.g. nella forma del giudice o del P.M. Infatti il giorno della causa io ero di servizio 8/14.
Essere Assistente Capo:....... E' UNO STILE DI VITA!!


BISOGNA AVERE UN CAOS DENTRO... PER GENERARE UNA ''STELLA'' DANZANTE.
E' VIVILA UN'.. EMOZIONE.........

Offline leone17

  • Amministratore
  • Membro Veteran
  • *****
  • Post: 3150
« Risposta #21 il: 27 Gennaio 2008, 09:05:16 »
forse non l'ho letta con accuratezza la norma che ha riportato il collega, ma dove è specificato che il discorso vale se è solo il Tribunale - o PM a Giudice che sia a citarti? se è un fatto occorso in servizio perché non trattare le conseguenze come tali? magari i colleghi della stradale hanno una circolare specifica [37]