Lo diceva anche la mamma: “Studia!!!” ….in Accademia!


Lo diceva anche la mamma: “Studia!!!”
….in Accademia!

Quante volte in famiglia abbiamo sentito ripeterci fino alla nausea “Studia”, “Lo studio è importante”, “se non studi e non conosci tutti ti passeranno avanti”!!!
Non so se siano affermazioni preponderanti solo a quelli della mia generazione ma oggi più che mai credo che mia madre avesse proprio ragione….e io odio dar ragione a mia madre!!!
Leggo una notizia interessante nelle recenti cronache che riguardano il mondo della pubblica sicurezza:

“Il progetto approvato in commissione Affari istituzionali della Regione Nasce l’Accademia della polizia locale Un campus per la specializzazione e l’aggiornamento dei vigili. Stanziati 400mila euro nel bilancio 2009 – MILANO – Un vero e proprio campus dove si terranno lezioni e corsi annuali, anche residenziali, per la qualificazione, l’aggiornamento e la specializzazione dei vigili, milanesi ma non solo, con esami finali.(…) “

Quindi, per una strana associazione di idee penso alle parole di mia madre relativamente alla formazione, alla sua importanza e quanto, specie di questi tempi, dove tutto deve imperativamente essere estremamente professionalizzato strutture come quella che nascerà a Milano siano davvero un esigenza imprescindibile di qualsiasi buona amministrazione.
Di questo progetto, di cui presto sapremo meglio i connotati, rimango però perplesso perché da anni si opera una vigorosa politica di tagli e razionalizzazioni a livello amministrativo e oggi, a Milano, si apre un istituto di istruzione per Poliziotti Locali dopo che abbiamo chiuso le migliori scuole di Polizia Statale esistenti in Italia lasciando di fatto il compito della formazione dei futuri colleghi poliziotti a meno della metà degli istituti presenti 10 anni fa all’epoca del mio arruolamento.
Questa apertura, che rammento e ribadisco essere davvero un ottimo progetto, ha il sapore però dell’ennesima presa per i fondelli a noi tutti da parte del sistema: perché abbiamo chiuso strutture all’avanguardia, moderne, con all’interno personale già formato e preparato a insegnare la Polizia anche ai ragazzi delle Polizie Locali e si sta aprendo a Milano un struttura ex novo con evidenti enormi e futuri costi??
Perché con la scusa della razionalizzazione imperante non si è deciso, ad esempio, se le Polizie Locali sono e saranno il futuro della pubblica sicurezza, come qualcuno spera, di riunire questi corsi in un luogo centrale, magari a Casalumbroso (Roma) dove esisteva una delle Scuole Tecniche di Polizia migliori d’Italia??
Perché questa accademia viene “confinata” a Milano ad uso e consumo, comodo, delle realtà dell’Italia del Nord?
Vuole davvero questa compagine governativa dare un ulteriore strumento di lotta alla delinquenza, al degrado attraverso un organo importante quale dice di essere la Polizia Municipale su scala nazionale o semplicemente stiamo regalando un ulteriore doppione all’Italia del Nord?
Altre poltrone, altri incarichi, altri interessi solo ed esclusivamente politici in barba a qualsiasi principio di reale razionalizzazione???
Credo francamente che questa nuova struttura sia una sconfitta non solo per i Poliziotti Italiani e per la Polizia di Stato che da sempre hanno fatto Polizia, vera, quella storicamente riconosciuta da tutti ma credo anche sia l’ennesima dimostrazione di quanto davvero poco conti il nostro impegno, la nostra professionalità, il nostro background culturale se, addirittura a Verona, il sindaco vuole affidare la formazione delle “ronde” ai suoi Vigili Urbani a cui tutti “riconoscono”, ovviamente, la paternità e la competenza nel poter insegnare a questi volenterosi come, cosa e cosa non fare in servizio di ronda….per quello che possono servire le ronde.
Per non parlare poi dell’economicità con cui viene affrontata la nascita di questa accademia: che senso ha aprire questa struttura dopo averne chiuse decine già belle e pronte lungo tutto lo stivale??
La Polizia di Stato chiude, la Polizia Municipale apre…..e a farne le spese, in tutti i sensi, anche economici, saranno solo i cittadini Italiani che, con la scusa del risparmio economico, vedranno nuovamente le solite regalie di poltrone –inutili- , incarichi e privilegi per non parlare dell’ennesimo doppione che ci apprestiamo a realizzare se qualcuno non metterà un freno a questo avventurismo sfrenato delle politiche locali.
Non abbiamo bisogno di doppioni, già troppi ne abbiamo, abbiamo bisogno di mezzi, uomini e riforme vere e non di proclami…e come dice uno dei miei comici preferiti: ”Fatti non pugnette!!”

Michele Rinelli- Poliziotto 07/03/2009