Nel giardino del “Commissario” Cattani è nato un fiore


Nel giardino del “Commissario” Cattani è nato un fiore

Dedicato a Luigi D’Andrea e Renato Barborini

Ovviamente, ognuno nel proprio giardino coltiva ciò che gradisce, ci mancherebbe.
Io, per esempio, tulipani gialli e rossi. E mirto. E qualche rosa.
Miseramente, mi accontento. Mica sono il “Commissario” Cattani, io.
Mica sono stato protagonista della ficscion (a quei tempi non si chiamava nemmeno così) “La Piovra”.
Mica ho fatto la guerra alla mafia come lui che combatteva il feroce Cirinnà.
Mica sono il “Commissario” Cattani, io.
Intendiamoci, non é che ho la pretesa di elevarmi al suo cospetto, lui è un mito, io…ehm…noi Poliziotti veri…che c’entriamo !?
E però, insomma, io voglio entrarci in quel giardino, perché quel fiore che il “Commissario” ha così amorevolmente coltivato proprio non mi piace.
Come glielo spiego a Gabriella (Vitali) D’Andrea che quello che ha preso a pallottole in faccia suo marito Luigi oggi è un “fiore” nel giardino di un “Commissario” (anche se fasullo) della Polizia ?
Oh, io con Gabriella mi sono preso un bell’impegno, eh.
Da dieci anni a questa parte, mica chiacchiere.
Un impegno che si chiama Amicizia !
E come glielo spiego che c’è un “Commissario” che oggi fa il regista di un film che racconta le “gesta” di chi le ha ucciso il marito, il padre delle sue figlie ?
Come faccio a spiegarle che si tratta di uno Placido e, quindi, che deve stare calma e serena e placidamente accettare il fatto ?
Mi sento in forte imbarazzo come Poliziotto (vero) a dirle “senti, Gabriella, non ti amareggiare, è solo una questione di denari, sappiamo come vanno le cose, nessuno farà mai un film visto dalla parte di chi le pallottole le ha prese; te la immagini la Regione Lombardia e la Presidenza della Repubblica che patrocinano e finanziano un film del genere ? suvvia, Gabriella, siamo seri…ehm…seri…scusa, volevo dire realisti…”.
Allora, ho pensato di fregarla(!!!). Di dirle che quelle pallottole erano petali.
Petali di un fiore geneticamente modificato che cresce e “prolifera” solo in un giardino, quello del “Commissario” Cattani.
Lui sì che se ne intende.

Dedicato a Luigi D’Andrea e Renato Barborini

(Salva)Tore Baiocchi -Poliziotto – Ideatore di Poliziotti.it 07/03/2010